consigli ricetta E+G


cico65
 Share

Recommended Posts

Vorrei realizzare la mia prima E+G pura, partendo dai seguenti ingredienti già in mio possesso:

1-4kg di beermalt dry

2-grani carapils

3-grani caravienna

4-luppolo fuggle in plugs

5-bucce essicate di arancia amara

6-cannella

7-miele d'arancio artigianale

 

Un saggio mastro birraio saprebbe consigliarmi le dosi, le modalità, ed eventualmente l'uso di tutti o solo parte degli ingredienti da me posseduti? grazie.

Link to comment
Share on other sites

Grazie mille gattoubriaco. Il luppolo in esame ha un AA 3,9 %. Se vuoi fare qualche correzione nella tua ricetta fallo pure, intanto non vedo l'ora di fare la mia prima vera E+G, fino ad ora ho sperimentato solo i miglioramenti vari sui kit, con risultati per i miei gusti soddisfacenti. Ma la birra della ricetta che hai postato a quale categoria appartiene?

Dimenticavo di dirti che come lievito pensavo di usarne uno preso da un kit.......che ne pensi?

Link to comment
Share on other sites

Dimenticavo di dirti che come lievito pensavo di usarne uno preso da un kit.......che ne pensi?

emh....il lievito dei kit non bisorrebbe utilizzarlo neanche per i kit :unsure: .

 

quindi se vuoi un mio parere fai quella ricetta con un lievito specifico, cosi eviti di berti il lievito con un leggero sapore di birra e ti bevi una birra con pochissimo sapore di lievito :D

Link to comment
Share on other sites

Grazie del consiglio Shock, non metto in dubbio che un lievito specifico dia migliori risultati, infatti vedrò di usarne uno specifico per ale, tipo il SAFALE S-04, tuttavia birrifico in media una volta al mese ormai da un anno utilizzando sempre i kit con un susseguirsi di miglioramenti dati dalla crescita della mia conoscenza in materia, dovuta alla ricerca su internet nei vari siti e forum del settore. Beh, posso dirti che anche avendo utilizzato sempre e solo i lieviti dei kit, le mie ultime produzioni arricchite con beermalt dry, malto in grani e dry hopping non sono per niente da buttare, anzi chi le ha assaggiate ne è rimasto entusiasta ( anche gente che di birra in giro per l'Europa ne ha assaggiata molta)........

Comunque ti ringrazio del consiglio che accetto ben volentieri.......prosit :unsure:

Link to comment
Share on other sites

sinceramente non saprei dirti che tipo di birra possa essere, io non mi lego a stili vado molto a istinto mi piace cosi (mio modestissimo parere)

comunque concordo sul fatto di evitare lieviti da kit anche se non sono poi cosi terribili dai.

scaricati hobbybrew è un programma davvero carino lo trovi digitando su google

Link to comment
Share on other sites

Gattoubriaco, concordo pienamente con te sulla birrificazione fatta seguendo l'istinto , ma applicato alla conoscenza.........solo cosi si lascia libera la propria creatività nel creare qualcosa di gradevolmente nuovo............e poi.....chi se ne frega a che stile appartiene.

Salute

Link to comment
Share on other sites

Allora, alla fine ho pensato di farla cosi:

 

-3 kg. di malto in polvere beermalt dry

-250 gr. di carapils

-250 gr. di caravienna

-500 gr. di miele d'arancio (ultimi 5 min.)

-4 plugs (56 gr.) fuggle AA 3,9% in bollitura 60 min.

-1 plugs fuggle AA 3,9% in bollitura 15 minuti insieme a una stecca di cannella e 1 cucchiaino di buccia d'arancia amara essiccata

-lievito recuperato da una precedente fermentazione di abdijbier brewferm

-1 plugs di fuggle AA 3,9 in dry hopping

 

Secondo voi come verrà?

Link to comment
Share on other sites

Allora, alla fine ho pensato di farla cosi:

 

-3 kg. di malto in polvere beermalt dry

-250 gr. di carapils

-250 gr. di caravienna

-500 gr. di miele d'arancio (ultimi 5 min.)

-4 plugs (56 gr.) fuggle AA 3,9% in bollitura 60 min.

-1 plugs fuggle AA 3,9% in bollitura 15 minuti insieme a una stecca di cannella e 1 cucchiaino di buccia d'arancia amara essiccata

-lievito recuperato da una precedente fermentazione di abdijbier brewferm

-1 plugs di fuggle AA 3,9 in dry hopping

 

Secondo voi come verrà?

amara, se la vuoi più aromatica io toglierei un po' di luppolo in amaro e aumenterei quello in aroma.

buona idea il dry hopping

Link to comment
Share on other sites

Beh, ho fatto il calcolo secondo la formula di Jean Luc, per un amaro a 22 EBU, che credo sia non eccessivo. Se ho capito bene poi per aroma si usa circa il 25% di quello per amaro, cioè appunto un plug di 14 gr. per 15 minuti, in più io farei anche il dry hopping, quindi dovrebbe essere poco amara e molto aromatica, ma naturalmente è una mia supposizione, motivo per cui son qui a chiedere lumi in merito. Per gli aromi come ti sembra?

tu metteresti meglio zucchero di canna al posto del miele, o va bene cosi?

Grazie.

Link to comment
Share on other sites

Si, infatti per scongiurare i rischi d' infezione solitamente faccio bollire la calzina e un pezzetto di vetro da usare come peso per farla poi affondare, poi risciacquo tutto sotto il rubinettino dell'impianto a osmosi inversa, da cui l'acqua esce sicuramente sterile e procedo........

Se poi aumento il carapils, devo diminuire il caravienna, in modo da non superare il totale di 0,5 kg? Il caravienna vorrei metterlo in quanto ho letto che lascia un sapore dolce alla birra.

 

Allora, gattoubriaco, secondo la tua esperienza nella mia ricetta cosa dovrei cambiare?

Grazie, ciao.

Link to comment
Share on other sites

Si, infatti per scongiurare i rischi d' infezione solitamente faccio bollire la calzina e un pezzetto di vetro da usare come peso per farla poi affondare, poi risciacquo tutto sotto il rubinettino dell'impianto a osmosi inversa, da cui l'acqua esce sicuramente sterile e procedo........

Attenzione, non tutti gli impianti per l'osmosi inversa producono acqua non microbiologicamente attiva. Per avere acqua priva di batteri hai bisogno di un impianto che abbia come minimo 3 stadi + una lampada UV.

Link to comment
Share on other sites

Nel mio impianto gli stadi di filtrazione sono:

1-filtro meccanico

2-filtro a carboni attivi

3-doppia membrana osmotica

Non è prevista lampada uv perchè un motorino di spinta aiuta a produrre un getto di acqua osmotizzata diretta, senza serbatoio di accumulo, io comunque la faccio sempre scorrere un pò, cosi avviene anche il ricambio all'interno del circuito.

Uso la stessa acqua per birrificare senza a tutt'oggi aver avuto infezioni e addirittura nelle ultime produzioni risciacquo il fermentatore e le bottiglie con tale acqua prima dell'uso, evitando anche il metabisolfito di potassio.....ciao.

Link to comment
Share on other sites

Ho recuperato pure dei chiodi di garofano e coriandolo. Qualcuno mi sa dire se per l'inserimento li devo lasciare interi o triturarli grossolanamente?

Vorrei anche un consiglio su come abbinare questi aromi fra loro, considerando anche gli altri postati.........riepilogando:

1-cannella;

2-buccia essiccata di arancia amara;

3-chiodi di garofano;

4-coriandolo.

Grazie a chi mi risponderà con consigli già testati da lui, cosi da evitarmi di esagerare con troppi aromi e poi dover buttare tutto.

Buona birra.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share