birra opaca


cico65
 Share

Recommended Posts

Buon pomeriggio a tutti.

Nelle mie ultime sperimentazioni di miglioramento dei kit sto usando il malto in grani carapils, macinato tramite un macinino da caffè a manovella. Il problema (se di problema si tratta) è che la birra mi viene opaca, nonostante abbia fatto la fermentazione in due fasi con gli ultimi 3 giorni in frigorifero. La cosa curiosa è che la birra non è torbida, ma semplicemente opaca e ha pochissimo residuo sul fondo della bottiglia, semplicemente è poco trasparente........è normale che sia cosi?

Se qualcuno conosce la soluzione di questo pseudo-problema, sarò lieto di arricchire la mia conoscenza, magari anche di altri che leggeranno il post.

Grazie........W la birra artigianale <_<

Link to comment
Share on other sites

Di bottiglie circolanti nel mio frigo non ne mancano mai, ci stanno ben oltre i due giorni. Io ho parlato di "pseudo-problema" proprio perchè la birra è ottima da bere, mi interessava capire se l'opacità è un fatto normale caratteristico dell'aggiunta di carapils nel kit........

Comunque per quel poco che ho potuto vedere dalle foto circolanti su internet, le birre artigianali di alto livello, mi pare siano opache come la mia......

Link to comment
Share on other sites

il carapils non da' nessuna opacità serve per aumentare la ritenuta di schiuma e aiuta il corpo della birra

pero' è anche vero che

"nel mega-libro di Korzonas c'è scritto che alcuni malti carapils (a seconda del produttore) non sono del tutto saccarificati e richiederebbero quindi un mashing: se non lo si fa c'e' il rischio di una birra non perfettamente limpida a causa di una presenza (sia pur limitata) di amidi. "

quindi potrebbe essere

il consiglio è di fare sempre il mashing oppure consiglio trovato in rete

 

"Se hai del carapils, rompine un pò di chicchi tra i denti. Se la

consistenza è sempre "vetrosa", e il chicco appare "cristallizzato"

significa che i grani sono saccarificati e non richiedono mash.

Se invece vi sono in proporzione non trascurabile grani con l'interno

decisamente bianco e consistenza (anche solo in parte) gessosa, allora

richiederebbero la conversione. "

 

spero di esserti stato utile (immagino tu abbia usato il carapils in infusione a 68°c per 40 min .. questo potrebbe essere il problema ....)

Link to comment
Share on other sites

Il carapils l'ho tenuto un'ora in acqua calda, ma non avendo un termometro, ho fatto empiricamente cosi:

appena l'acqua bolliva l'ho spenta e dopo qualche minuto ho messo 5 cucchiai di malto in polvere beermalt dry, poi il carapils macinato grossolanamente con un macinino da caffè a manovella e l'ho lasciato un'ora in infusione. Riconosco di aver fatto una procedura approssimativa, non avendo il termometro, ma a parte l'opacità, a 7 settimane dall'imbottigliamento la birra è la migliore che ho fatto fin'ora (credo sia la mia ottava birra). Mi rammarico perchè solo la settimana scorsa ho ordinato dei malti su birramia, ma purtroppo ho dimenticato di inserire un termometro nell'ordine......nnaggia!!!

Secondo te ho fatto un bel casotto?

Link to comment
Share on other sites

Stamattina ho comprato un termometro al BRIKO, cosi da qualche minuto ho inserito i grani carapils nell'acqua calda, ed ora sono esattamente a 72°, fra poco controllerò di nuovo la temperatura, ed appena scende sotto i 68° accendo un pò il fuoco, il tutto per 1 ora.

Ragazzi, oggi mi sto facendo una Coopers European Lager, con l'aggiunta del su citato malto carapils + 1 kg di beermalt dry (magari ci metto pure 300 gr. di zucchero bianco) e fra una settimana ci butto 1 plugs di luppolo fuggle in dry hopping nel secondo fermentatore........vediamo che ne esce fuori!!!!!!

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

........sabato scorso l'ho passata nel secondo fermentatore e ci ho aggiunto un hop bag con dentro il plug di luppolo. Stamattina ho svitato il coperchio e ci ho annusato dentro.......mmmmmmmm, fa un odore godurioso :D . Oggi gli ho acceso il climatizzatore a 18° e dopodomani la imbottiglio. Mi sa che sarà dura aspettare un mese.....e fra qualche giorno attacco con la abdjibier che lascerò maturare fino a dicembre.

Buona birra a tutti.

Link to comment
Share on other sites

Se ci si vuol togliere il dubbio sul contenuto di amido nel carapils, perchè non fare un test con la tintura di iodio nel minimash di acqua e carapils?

Tornando alla questione dell'opacità della birra artigianale, per me non è un problema e in ogni caso tende ad attenuarsi con il tempo

Link to comment
Share on other sites

.....la birra non è torbida, ma semplicemente opaca e ha pochissimo residuo sul fondo della bottiglia, semplicemente è poco trasparente........

A distanza di 17 giorni mi sono accorto che ha pure decantato una discreta quantità di deposito sul fondo e l'opacità è rimasta. Potrebbe essere che col priming i residui di lievito in sospensione si siano replicati e col tempo siano depositati sul fondo?.......Sono rimaste solo 5 bottiglie ma a distanza di 9 settimane dall'imbottigliamento adesso è davvero buona da bere.

DIFETTI:

1-opacità;

2-residuo eccessivo sul fondo delle bottiglie, nonostante abbia fatto la fermentazione in 2 fasi.

Link to comment
Share on other sites

forse bisogna chiarirsi ma cosa intendi per opaca ?

non puo' certo essere cristallina come l'Heinecken

se non è torbida e hai lasciato nei travasi sul fondo del fementatore la maggior parte dei sedimenti la birra sarà sicuramente limpida ma non cristallina

in casa o se non filtrata difficile avere la birra limpida e cristallina anche se ci si avvicina molto a questa situazione per quanto mi riguarda

Link to comment
Share on other sites

Cerco di essere più preciso: a differenza delle mie birre precedenti, che risultavano limpide, questa con l'aggiunta del carapils risulta "non trasparente", e dopo 2 mesi in bottiglia ha fatto un notevole deposito sul fondo della bottiglia, cosa che nelle mie birre precedenti era in minore quantità. Diciamo che non mi sto creando tanti problemi, dato che la biretta è ottima da bere, solo che mi incuriosiva capire se fosse aggirabile questo minuscolo inconveniente confrontandomi con altra gente più esperta di me. Grazie, ciao.

Link to comment
Share on other sites

Cerco di essere più preciso: a differenza delle mie birre precedenti, che risultavano limpide, questa con l'aggiunta del carapils risulta "non trasparente", e dopo 2 mesi in bottiglia ha fatto un notevole deposito sul fondo della bottiglia, cosa che nelle mie birre precedenti era in minore quantità.

A me sembra la dimostrazione che il carapils ha bisogno di mash... usato cosi' com'e' in infusione, rilascia amidi non convertiti che finiscono poi nella birra finita.

Link to comment
Share on other sites

Non credo lupo.delupis, secondo me il problema sta nel fatto che non avendo termometro ho sbagliato la temperatura di infusione dei grani carapils, perchè la facevo a casaccio.

Dopodomani devo imbottigliare la mia prossima birra, che riposa beata nel secondo fermentatore insieme a un hop bag con dentro del buon fuggle, ebbene oggi ho svitato il coperchio, ed in trasparenza è limpidissima, oltre a emanare un odorino delizioso. La differenza è che per quest'ultima mi sono premunito di termometro ed ho fatto l'infusione esattamente fra 68° e 72°. Potrebbe essere un caso, ma secondo me l'errore l'ho fatto proprio nella temperatura, in ogni caso dopo averla imbottigliata ti aggiornerò, lo stesso farò fra un mesetto. Ciao, grazie.

Link to comment
Share on other sites

Non credo lupo.delupis, secondo me il problema sta nel fatto che non avendo termometro ho sbagliato la temperatura di infusione dei grani carapils, perchè la facevo a casaccio.

Stiamo quasi dicendo la stessa cosa. Se sbagli le temperature, il mash non avviene; e se il carapils ha bisogno di mash, e questo non avviene, ti ritrovi amido ad intorbidire la birra finita.

 

Se non ho capito male, tu in infusione avevi messo anche del beermalt, che stando a quanto dice JeanLuc dovrebbe bastare per la conversione degli amidi: pero' dovresti, appunto, rispettare le temperature per non denaturare gli enzimi.

Link to comment
Share on other sites

Sicuramente io non conosco a fondo alcuni dettagli che invece tu conosci benissimo, tuttavia sono contento che alla fine siamo arrivati a capire che l'errore era tutto nella temperatura errata (troppo alta) che sicuramente mi faceva estrarre dal carapils una certa quantità di amidi. Ora che userò SEMPRE il mio termometro nuovo di zecca, non dovrei più avere questo inconveniente.......

Ma secondo te allora la birra mi veniva anche meno buona rispetto a ora che la temperatura di infusione è corretta? o è solo una questione di opacità?

La prossima che farò ho in mente una certa ideuzza su una ricettina che mi è venuta in mente leggendo qui e li..........o viene stratosferica, o una ciofeca eheheheh :rolleyes:

Link to comment
Share on other sites

Perfetto, stamattina l'ho imbottigliata, appena tappata l'ho guardata in controluce ed ha una torbidità assolutamente nella norma, cioè non è proprio trasparente, me nemmeno "sporca".......non vedo l'ora che arrivi ferragosto per assaggiarla.......e ora vado a prepararmi un bello starter da mezzo lt. usando una sola bustina di lievito, cosi lunedi mattina mettiamo in cantiere quei 2 barattoli di abdjibier........poverini, sono li nel ripostiglio, soli soletti, meglio metterli in pentola, no? :rolleyes::P:D

Link to comment
Share on other sites

Stamattina ho guardato una bottiglia in controluce di quelle imbottigliate 4 giorni fa.....come volevasi dimostrare l'opacità delle cotte precedenti era un difetto di temperatura nell'infusione del carapils, perchè, con soli 4 giorni in bottiglia è trasparente come l'acqua con un minimo deposito sul fondo........tutto grazie ai vostri consigli, ragazzi. Prossimo test sarà l'assaggio, ma non prima di fine mese, comunque vi terrò informati, ciao.

Link to comment
Share on other sites

UAH! UAH!UAH! Grande nino, complimenti per la battuta, alla quale sarò lieto di porre rimedio non appena troveremo l'occasione di organizzarci un paio di colleghi birrosi, cosi potremo fare delle degustazioni incrociate, sai, mi incuriosisce assaggiare le birre fatte col metodo AG, per vedere quanta differenza c'è dalle mie fatte col kit più miglioramenti vari.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share