Qualche nota sui malti speciali


docbirra
 Share

Recommended Posts

1) Malto Amber :

Malto speciale tostato a temperatura maggiore dei malti Vienna e Munich. Ha aroma biscottato ma non ancora caramellato. Ha enzimi appena sufficienti per la sua conversione

 

** a mio parere meno biscotto dello Special B ( malto che adoro ), poco caramello ( preferisco in tal senso il cara amber ) influisce sul colore idem per quanto riguarda il biscuit ( dà piu' sapore di biscotto ... )

 

2) Malto Biscuit :

Malto speciale tostato a temperatura maggiore dei malti Vienna e Munich. Ha aroma biscottato ma non ancora caramellato. Ha enzimi appena sufficienti per la sua conversione.

 

 

3) Malto Caramunich :

Caratteristiche simili al Malto Munich. Da un colore più scuro alla birra, in dipendenza della percentuale usata. Ha enzimi appena sufficienti per la sua conversione.

 

** questo malto da un sapore di caramello piacevole e deciso oltre che di aroma, con note importanti influenzando il colore

 

4) Malto Carapils :

Colore chiaro, aroma leggermente caramellato, fermentabilità bassa. Usato per aggiungere corpo alla birra.

 

** in alcune birre noto la differenza tr ausarlo e non usarlo : un malto che a me piace moltissimo

 

 

5) Malto Caravienne :

Caratteristiche simili al Malto Vienna. Da un colore più scuro alla birra, in dipendenza della percentuale usata. Ha enzimi appena sufficienti per la sua conversione.

 

6) Malto Munich :

Da un colore più scuro alla birra, in dipendenza della percentuale usata. Ha enzimi appena sufficienti per la sua conversione.

 

** se usato in % superiori al 40 aumenta il sapore di "maltness" ( dolciastro, con note di tostato ) nella birra conferendogli un aroma dolciastro piacevole

 

 

7) Malto scuro :

Malto essiccato a temperature alte (oltre 90 gradi), in modo che si formino più sostanze coloranti (melanoidine), usato per le birre ambrate e scure. È detto anche malto tostato.

 

8) Malto torrefatto :

Malto essiccato a temperatura alta (oltre 120 gradi) e quindi molto ricco di sostanze coloranti (melanoidine), usato in aggiunta a malto scuro o tostato per ottenere una maggiore colorazione.

 

** per i malti 7-8 dipende da quale si usa e dalle quantità : io adoro il chocolate ... perchè oltre alle note tostate e di caffè si apprezza qualche nota di liquirizia oltre al colore che ti permette di avere

 

9) Malto Vienna :

Malto speciale tostato a temperatura maggiore dei malti chiari. Da un colore più scuro alla birra, in dipendenza della percentuale usata. Ha enzimi appena sufficienti per la sua conversione.

 

** simile al munich , piu' chiaro e con toni aromatici piu' tenui

 

senza dimenticare i malti base :

 

Malto Pale Ale

Malto di base per la maggior parte delle birre dell’Europa Occidentale. Rispetto al Pilsener è più modificato (meno proteine), meno chiaro, meno ricco di enzimi.

 

Malto pilsener

Malto di base per la maggior parte delle birre dell’Europa Occidentale. Da i colore più chiaro alla birra.

 

e ricordo che per malto si intende :

"Cereale che è stato fatto germinare per attivare il suo potere enzimatico, con il quale gli amidi vengono trasformati in zuccheri. Malto d’orzo, di frumento, d’avena ecc.. "

Link to comment
Share on other sites

  • 3 months later...

in risposta a questo post, stavo pensando che fare una tabella del genere (qua ho fatto solo un paio d'esempi, sparanco anche un pò a caso)

http://img204.imageshack.us/img204/673/sen...nzatitolo1c.jpg

semplificherebbe la vita ai neofiti, come me, a scegliere i malti.

 

un esempio ben fatto (a mio avviso) è questo

http://www.infobirra.info/tabellaluppolo.html

 

ho provato a cercare in internet una tabella del genere sia per i lieviti che per i malti, ma senza successo.

 

Che ne dite?

Link to comment
Share on other sites

  • 6 months later...
Link to comment
Share on other sites

  • 1 year later...

Nota sul manto Peated whisky: il colore e le indicazioni sono (dovrebbero essere) quelle di Birramia (o del sito della Castel Malting), ma l'odore persistente che ti rimane sulle mani per ore se non te le lavi è identico a quello che si porta dietro uno stalliere dopo aver fatto pulizie ad un cavallo: altro che incendio della foresta. Odore che persiste anche dopo la fermentazione e perfino nella degustazione dopo un mese: se si decide di fare un clone Adelscott, meglio moderare la quantità e aggiungere un po' di rauch per compensare il sentore di affumicato.

Link to comment
Share on other sites

  • 5 months later...

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share