docbirra

Qualche nota sui malti speciali

17 messaggi in questa discussione

1) Malto Amber :

Malto speciale tostato a temperatura maggiore dei malti Vienna e Munich. Ha aroma biscottato ma non ancora caramellato. Ha enzimi appena sufficienti per la sua conversione

 

** a mio parere meno biscotto dello Special B ( malto che adoro ), poco caramello ( preferisco in tal senso il cara amber ) influisce sul colore idem per quanto riguarda il biscuit ( dà piu' sapore di biscotto ... )

 

2) Malto Biscuit :

Malto speciale tostato a temperatura maggiore dei malti Vienna e Munich. Ha aroma biscottato ma non ancora caramellato. Ha enzimi appena sufficienti per la sua conversione.

 

 

3) Malto Caramunich :

Caratteristiche simili al Malto Munich. Da un colore più scuro alla birra, in dipendenza della percentuale usata. Ha enzimi appena sufficienti per la sua conversione.

 

** questo malto da un sapore di caramello piacevole e deciso oltre che di aroma, con note importanti influenzando il colore

 

4) Malto Carapils :

Colore chiaro, aroma leggermente caramellato, fermentabilità bassa. Usato per aggiungere corpo alla birra.

 

** in alcune birre noto la differenza tr ausarlo e non usarlo : un malto che a me piace moltissimo

 

 

5) Malto Caravienne :

Caratteristiche simili al Malto Vienna. Da un colore più scuro alla birra, in dipendenza della percentuale usata. Ha enzimi appena sufficienti per la sua conversione.

 

6) Malto Munich :

Da un colore più scuro alla birra, in dipendenza della percentuale usata. Ha enzimi appena sufficienti per la sua conversione.

 

** se usato in % superiori al 40 aumenta il sapore di "maltness" ( dolciastro, con note di tostato ) nella birra conferendogli un aroma dolciastro piacevole

 

 

7) Malto scuro :

Malto essiccato a temperature alte (oltre 90 gradi), in modo che si formino più sostanze coloranti (melanoidine), usato per le birre ambrate e scure. È detto anche malto tostato.

 

8) Malto torrefatto :

Malto essiccato a temperatura alta (oltre 120 gradi) e quindi molto ricco di sostanze coloranti (melanoidine), usato in aggiunta a malto scuro o tostato per ottenere una maggiore colorazione.

 

** per i malti 7-8 dipende da quale si usa e dalle quantità : io adoro il chocolate ... perchè oltre alle note tostate e di caffè si apprezza qualche nota di liquirizia oltre al colore che ti permette di avere

 

9) Malto Vienna :

Malto speciale tostato a temperatura maggiore dei malti chiari. Da un colore più scuro alla birra, in dipendenza della percentuale usata. Ha enzimi appena sufficienti per la sua conversione.

 

** simile al munich , piu' chiaro e con toni aromatici piu' tenui

 

senza dimenticare i malti base :

 

Malto Pale Ale

Malto di base per la maggior parte delle birre dell’Europa Occidentale. Rispetto al Pilsener è più modificato (meno proteine), meno chiaro, meno ricco di enzimi.

 

Malto pilsener

Malto di base per la maggior parte delle birre dell’Europa Occidentale. Da i colore più chiaro alla birra.

 

e ricordo che per malto si intende :

"Cereale che è stato fatto germinare per attivare il suo potere enzimatico, con il quale gli amidi vengono trasformati in zuccheri. Malto d’orzo, di frumento, d’avena ecc.. "

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

sapete dove posso trovare una guida o simile che descriva che tipo di amaro e/o aroma ecc..... apportino i vari tipi di luppolo????

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
ottimo link

qualcuno sa tradurmi la parola luplin ? :P

luppolina, e' la sostanza che compone le palline di resina gialla che contengono gran parte del buono del luppolo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
perchè luplin non lo trovavo

ma dopo ho vistoche traducono lupulin ....

boh

:D

In gergo tecnico, si chiama "errore di battitura" :)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

in risposta a questo post, stavo pensando che fare una tabella del genere (qua ho fatto solo un paio d'esempi, sparanco anche un pò a caso)

http://img204.imageshack.us/img204/673/sen...nzatitolo1c.jpg

semplificherebbe la vita ai neofiti, come me, a scegliere i malti.

 

un esempio ben fatto (a mio avviso) è questo

http://www.infobirra.info/tabellaluppolo.html

 

ho provato a cercare in internet una tabella del genere sia per i lieviti che per i malti, ma senza successo.

 

Che ne dite?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Nota sul manto Peated whisky: il colore e le indicazioni sono (dovrebbero essere) quelle di Birramia (o del sito della Castel Malting), ma l'odore persistente che ti rimane sulle mani per ore se non te le lavi è identico a quello che si porta dietro uno stalliere dopo aver fatto pulizie ad un cavallo: altro che incendio della foresta. Odore che persiste anche dopo la fermentazione e perfino nella degustazione dopo un mese: se si decide di fare un clone Adelscott, meglio moderare la quantità e aggiungere un po' di rauch per compensare il sentore di affumicato.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Qualcuno di voi sa dirmi se il malto di avena(non i fiocchi) ha enzimi sufficienti per il suo mash????

Devo fare una oatmleal stout in un futuro prossimo... non vorrei affaticare il mio Maris Otter fuori dalla sue possibilità :D

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora