Video Birrificazione casalinga


Guest
 Share

Recommended Posts

Stamane ero in una farmacia e per curiosità ho chiesto se avevano delle bombole di ossigeno. Risultato : ho speso una fortuna per una bomboletta che non so neanche quanto dura.

Nelle istruzioni c'è scritto che contiene 18,5 l di O2 ad una pressione di 18 bar. Aprendo "mediamente" la valvola dura circa 15 minuti, mentre aprendola al max dura "qualche" minuto (sobh).

Sabato pomeriggio avevo in programma una cotta e volevo emulare Pincopallino.

 

Qualsiasi consiglio è bene-accetto

;)

 

Posso permettermi di dare un consiglio "da inesperto"????

 

Non facciamoci prendere dal desiderio di emulare i metodi di Pincopallino...il suo modo di fare arriva da anni di esperienza, studio e da moooolte cotte e sperimentazioni personali...

Penso che anche lui sia partito un po' come noi...anzi, magari peggio...sono convinto che nel 75 non c'erano tutte le fonti presenti ora, non c'erano forum su cui scrivere e da cui ottenere risposte quasi immediate...solo libri e tanta voglia di fare...e magari qualche esperto da interpellare (ma non troppe volte!!!).

Per questo motivo Pincopallino è una persona da elogiare...personalmente sono molto incuriosito dal suo modo di operare e se abitasse vicino a me, sarei sicuramente da lui dieci volte al giorno per chiedere informazioni...e vederlo all'opera...

Ma dico...perchè non andare per gradi??? :D;)

Link to comment
Share on other sites

Ebbene si, sono un principiante da strapazzo,... ma non avete neanche la piu pallida idea di quanto ho letto e girato in web per informarmi senza "disturbare nessuno" prima di fare la prima cotta.

E mi venite a dire che devo prima fare esperienza. Cosa devo aspettare 30 anni prima di ossigenare il mosto con un pò di ossigeno? Oppure dovevo usare i kit come tappa "obbligata" per poi passare all' AG? Ma non ci penso proprio. (Senza nulla togliere a chi usa il kit, ovviamente).

A Cacciagalli rispondo che ho fatto 3 birre (gli verrà da ridere) tutte rigorosamente All Grain, ma scommetto che non riderebbe affatto se le assaggiasse.

 

P.S. "VAV" stà per "Valore Alla Vita", perchè credo ancora in certi valori che mi è sempre più difficile condividere.

Tolgo il disturbo.

Link to comment
Share on other sites

@VAV

 

Mi dispiace davvero molto che tu l'abbia presa così...le mie parole non volevano essere una critica a te come homebrewer, ma al fatto di partire a razzo ed introdurre tecniche nuove senza avere la più pallida idea di come gestirle...del resto sei stato proprio tu a dire che hai speso una cifra per la bombola d'ossigeno senza nemmeno sapere che 18lt di ossigeno compresso vanno via in un attimo se non fai attenzione a come apri il rubinetto o se non monti un microriduttore per il flusso...

Sul fatto che le tue birre siano eccezionali, non spetta a me giudicarle e non lo metto in dubbio, e che tu ti sia fatto una mega-cultura in internet e sia partito direttamente dall'AG, complimenti!!! Io dopo quasi 20 E+G non mi sono ancora deciso...un po' per comodità ed un po' per insicurezza...

Nella vita ho imparato (ed anche tu penso) che a fare il passo più lungo della gamba si hanno buone di probabilità di cadere...c'è chi, come me, preferisce farne due di passi per essere più sicuro...c'è chi invece salta per arrivare prima...a chi salta auguro buona fortuna di cuore!!!

Link to comment
Share on other sites

Ebbene si, sono un principiante da strapazzo,... ma non avete neanche la piu pallida idea di quanto ho letto e girato in web per informarmi senza "disturbare nessuno" prima di fare la prima cotta.

E mi venite a dire che devo prima fare esperienza. Cosa devo aspettare 30 anni prima di ossigenare il mosto con un pò di ossigeno? Oppure dovevo usare i kit come tappa "obbligata" per poi passare all' AG? Ma non ci penso proprio. (Senza nulla togliere a chi usa il kit, ovviamente).

A Cacciagalli rispondo che ho fatto 3 birre (gli verrà da ridere) tutte rigorosamente All Grain, ma scommetto che non riderebbe affatto se le assaggiasse.

 

P.S. "VAV" stà per "Valore Alla Vita", perchè credo ancora in certi valori che mi è sempre più difficile condividere.

Tolgo il disturbo.

possibile che quando faccio una domanda ci si deve inalberare come un pennone di una nave, ho solamente chiesto quante birre hai fatto.

il fatto che ti siano riuscite bene mi fa + che piacere e spero ti siano venute proprio l tipo che volevi fare.

 

ti ho chiesto questo solo perche ' hai detto che hai speso una fortuna per una bomboletta di ossigeno, che, te lo dico francamente ,non serve a nulla, qualsiasi liquido se lo vuoi ossigenare basta sbatacchiarlo, è il principio dei pesci in acquario se non ci fosse l'acqua in movimento l'ossigeno finirebbe. per fare assorbire l'ossigeno ad un liquido acqua per esempio dovresti nebulizzarla, altrimenti l'O2 sale in forma di bolle in superficie ed evapora. quindi non so quanto hai speso sono affari tuoi ma come hai chiesto nel tuo tread "accetto consigli"io ti rispondo che con quei soldi ti compravi un'altra cotta.

 

salute

Link to comment
Share on other sites

 

 

       e questo è solo l'inizio  ... mannaggia  ;)

Della serie: "ma questo da dove arriva",... vero?

io non avevo nessun intenzione di dire quel che tu hai pensato

volevo solo dire che ora c'è il deisiderio di avventurarsi in cose senza prima pensare se non sia possibile farle in modo piu' semplice

pincopallino ha una esperienza che lo ha portato per gradi a dove è arrivato

io sto facendo un cammino per conto mio per arrivare dove spero di poter produrre birre sempre migliori

questo era il senso del mio intervento

non mi sognerei mai dire una frase del genere

e sono arci contento che tu sia passato subito a fare AG , come ho fatto anch'io , e sono convinto che fai ottime birre

Link to comment
Share on other sites

a parte la vicenda dell'ossigeno, ognuno faccia come meglio creda (anche io avrei speso qui soldi in altri ingrdienti).

x la cronaca domenica ho avuto dei contrattempi mentre (prima, durante e dopo) facevo una E+G, ho dovuto inoculare il t-58 senza nemmeno reidratarlo, ho ossigenato molto molto bene, in 1 ora è partita la fermentazione, tutto regolare.

 

faccio i complimenti a VAV, se uno si sente sicuro, si è documentato approfonditamente ed è consapevole di ciò che sta facendo, non è obbligatorio fare le tappe.

Link to comment
Share on other sites

@VAV

 

Mi dispiace davvero molto che tu l'abbia presa così...le mie parole non volevano essere una critica a te come homebrewer, ma al fatto di partire a razzo ed introdurre tecniche nuove senza avere la più pallida idea di come gestirle...del resto sei stato proprio tu a dire che hai speso una cifra per la bombola d'ossigeno senza nemmeno sapere che 18lt di ossigeno compresso vanno via in un attimo se non fai attenzione a come apri il rubinetto o se non monti un microriduttore per il flusso...

Sul fatto che le tue birre siano eccezionali, non spetta a me giudicarle e non lo metto in dubbio, e che tu ti sia fatto una mega-cultura in internet e sia partito direttamente dall'AG, complimenti!!! Io dopo quasi 20 E+G non mi sono ancora deciso...un po' per comodità ed un po' per insicurezza...

Nella vita ho imparato (ed anche tu penso) che a fare il passo più lungo della gamba si hanno buone di probabilità di cadere...c'è chi, come me, preferisce farne due di passi per essere più sicuro...c'è chi invece salta per arrivare prima...a chi salta auguro buona fortuna di cuore!!!

Non l'ho presa male, credimi. E' solo che ogni volta che qualcuno fà qualcosa al di fuori dei canoni viene preso per presuntuoso o quant'altro.

Credo più di voi che le persone per progredire debbano fare esperienza sulla propria pelle, ed è quello che sto facendo.

Ma credi che se non me lo dite voi come fare con l'O2 non lo faccia?

Certo che lo faccio.

E poi non ti sembra di esagerare? Avere la paura di fare una AG dopo aver fatto 20 Thè al gusto di birra (è una battuta, per Dio, mi raccomando) non ti sembra esagerato?

Nei forum i Post si devono inserire non solo per interesse personale ma anche nell'interesse di tutti i partecipanti. Altrimente scambiatevi le mail e buonanotte.

Link to comment
Share on other sites

E poi non ti sembra di esagerare? Avere la paura di fare una AG dopo aver fatto 20 Thè al gusto di birra (è una battuta, per Dio, mi raccomando) non ti sembra esagerato?

Io continuo a fare E+G più che altro per comodità...se dovessi attrezzarmi anche con mulini, pentoloni e sacchi di malto i miei mi caccerebbero di casa...per il momento devo arrangiarmi a fare quello che più si avvicina ad una AG...anche se devo ammettere che effettivamente il passo un pochino mi spaventa ancora... ;)

Appena ne avrò la possibilità stai tranquillo che mi deciderò...

Link to comment
Share on other sites

Il tubo per arieggiare viene sterilizzato con bisolfito + acido citrico, pericolo di contaminazione 0,0.

Ciao Gino, mi spiegheresti le funzioni dell'acido citrico (limone, se non sbaglio) , insieme al metabisolfito, nel sanitizzare il tutto ?????

 

Grazie.

 

Com'è il tempo li da tè, è scesa la temperatura ???

 

Ciao, Nino. ;)

Ciao Nino, in nome preciso in italiano non lo so'pero'se lo traduco letteralmente e'acido citrico che e'un componemte della frutta, naturalmente in concentrato. La reazione che provoca con il bisolfito e'un gas in cui nessun microbo puo'sopravivere. ( recipiente con coperchio e lasciare per una mezz'ora. ) Ora ci sono diversi altri disinfettanti come il CHEMIPRO ACID e altri. La temperatura e'ancora sui 15 gradi,ma secondo le previsione calera'la prossima settimana.

 

P.S sciogli nell'acqua il bisolfito nella dovuta % poi aggiungi un mezzo cucchiaino di acido citrico. Attenzione non metterci dentro in naso.

Ti ringrazio Gino.

 

Te l'ho chiesto perchè io in casa di acido citrico ne ho a chili, lo uso per altri scopi ( decalcificante).

 

Perciò la reazione dei due componenti messi assieme, per la sanitizzazione, è di gran lunga superiore al solo metabisolfito.

 

Ma senti, poichè io conosco il gusto dell'acido citrico, che è di un amaro unico, dopo averlo usato si dovrebbe risciacquare il tutto, se no il prodotto finale, la birra, porterebbe con se quel brutto amaro. Giusto ????? ;)

Ciao, Nino. :D

Link to comment
Share on other sites

Ho scatenato una bufera di commenti e non era la mia intenzione. L'uso dell'ossigeno puro e'una scelta personale ( in America viene fatto da molti ).

Ha i suoi vantaggi e svantaggi. E'costoso e attenzione a non mettere vicino a una fonte di calore in, piu'e'difficile calcolare la Q= necessaria, se ne mettiamo troppo ai fermenti gli verra'"lo stress " I vantaggi sono chiari secondo le mie informazioni 30 sec. e'uguale a 45 minuti di aria. RIPETO NON VI ASPETTATE MIRACOLI E'SOLO UNO DEI 10 COMANDAMENTI.

 

Dopo ogni sanificazione con bisulfito+acido citrico schiaccuo sempre con acqua. ( Nino ) infatti si puo'usare come decalcificante.

 

E'naturale che bisogna fare esperienza personale ma bisogna anche usare e provare l'esperienze altrui altrimenti il forum non avrebbe senso.

 

Se non si fa'uno starter e si usa il lievito secco( istruzioni standarizzate ) nella proporzione come vedi nella tabella ( post precedente ) E'NECESSARIO OSSIGENARE IL MOSTO DOPO LA BOLLITURA E RAFFREDDATURA DOPO AVER INOCULATO IL LIEVITO ).

 

La T attuale e'ora 13,5 gradi,e secondo le previsione scendera'la prossima settimana di qualche grado..speriamo. Dopo di che il Video.

Link to comment
Share on other sites

ma lo starter per quanto tempo lo puoi conservare? Non si stanca il lievito?!

Si puo'conservare in frigo senza problemi 1/2 settimane. Si puo'( lo sto'facendo io ädesso ) anche tenerlo pimpante aggiungendoli ogni 3/4 giorni un pochino di mosto. In questo caso il lievito non si stanca ..io si ! :rolleyes:

Link to comment
Share on other sites

ed i grani? ho visto che li hai gia' macinati, anche se non sai ancora di preciso quando farai la cotta!

io ho sempre letto che l'optimum e' macinarli poco prima di usarli..... c'e' un motivo per cui tu li macini tempo prima?

dove li conservi nel frattempo?

Ho solo macinato 500 g. per fare vedere il video. Non macino mai in anteprima, al massimo la sera prima di fare la cotta.

Link to comment
Share on other sites

in italia fine settimana arriva il freddo (povere le nostre ale in fermentazione ;))

...e in olanda?! :D

Alle 9.30 ho misurato la temperatura esterna 12,8 gradi alle 12.50 14,1 gradi. Con un armadio termico ( isolato e con stufetta elettrica + ventilatore) mantenere i 20/25 gradi non e'un problema. Per avere una T bassa bisognerebbe avere un grande freezer a cassa e manipulato allo scopo. L' armonia familiere ne risentirebbe.

Link to comment
Share on other sites

in italia fine settimana arriva il freddo (povere le nostre ale  in fermentazione ;))

...e in olanda?!  :D

Alle 9.30 ho misurato la temperatura esterna 12,8 gradi alle 12.50 14,1 gradi. Con un armadio termico ( isolato e con stufetta elettrica + ventilatore) mantenere i 20/25 gradi non e'un problema. Per avere una T bassa bisognerebbe avere un grande freezer a cassa e manipulato allo scopo. L' armonia familiere ne risentirebbe.

o una ghiacciaia come la mia ... :P

senza nessun problema in famiglia

Link to comment
Share on other sites

quindi aspetti che sia intorno ai 10° per fare la tua lager?

 

una media di 8 gradi

 

o una ghiacciaia come la mia ...

 

Fare una cassa termica non e'difficile, ma ha ghiacciare tutte le bottiglie ??

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share