Come rendere piu' limpida la nostra birra


Recommended Posts

Una soluzione che ho trovato molto pratica è anche, successivamente alla bollitura del mosto, l'utilizzo di un cucchiaio in acciaio per formare un vortice (simulando l'effetto di una centrifuga), che consente una migliore separazione della componente solida da quella liquida. Attendere un po' per favorire la sedimentazione e usare immediatamente una serpentina inox per il raffreddamento immediato, in questo modo tutto il composto si deposita sul fondo ed in maniera più compatta. 

Spero di esservi stata utile, provate e fate sapere se avete ottenuto risultati anche voi!

Link to post
Share on other sites
  • Replies 65
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

buona lettura  

Posso confermare l'efficacia della gelatina alimentare (quella che come riportato nell'articolo, è usata per i dessert, in particolare per le crostate di frutta) nella chiarifica (o affinatura) della

secondo me per i miei gusti e opinioni parlando di BIRRA FATTA IN CASA la soluzione migliore sono 5 giorni a 2°C in fermentatore prima di imbottigliare anche in un libro di idromele che ho c'è un bel

  • 2 months later...

buona sera a tutti, ho un piccolo quesito da porvi. Ho provato il kit wheat beer di muntons connoisseur da 1.8 kg. Ho usato acqua naturale lievissima in bottiglia a differenza delle altre volte e ho notato che la fermentazione è durata quasi 10 giorni. Poi come da consigli letti qui nel forum ho aspettato altri 20/22 giorni per fare in modo che si schiarisca meglio. Dopodichè ho fatto la prova della densità ma nonostante tutto questo tempo non scendeva al di sotto di 1015 contro il valore della scheda tecnica 1010. Ho aspettato altri 3/5 giorni e nulla da fare alla prova manteneva sempre 1015, ho sgasato anche come ho letto in questo forum ma niente da fare... ho imbottigliato e buona notte... Ora chiedo a voi sicuramente molto più esperti e bravi di me, dove ho sbagliato? Preciso anche che la temperatura è stata sempre stabile su i 18 gradi e solo per 4 giorni a circa 4/6 gradi.

Edited by pinolapeste
Link to post
Share on other sites
11 ore fa, pinolapeste ha scritto:

buona sera a tutti, ho un piccolo quesito da porvi. Ho provato il kit wheat beer di muntons connoisseur da 1.8 kg. Ho usato acqua naturale lievissima in bottiglia a differenza delle altre volte e ho notato che la fermentazione è durata quasi 10 giorni. Poi come da consigli letti qui nel forum ho aspettato altri 20/22 giorni per fare in modo che si schiarisca meglio. Dopodichè ho fatto la prova della densità ma nonostante tutto questo tempo non scendeva al di sotto di 1015 contro il valore della scheda tecnica 1010. Ho aspettato altri 3/5 giorni e nulla da fare alla prova manteneva sempre 1015, ho sgasato anche come ho letto in questo forum ma niente da fare... ho imbottigliato e buona notte... Ora chiedo a voi sicuramente molto più esperti e bravi di me, dove ho sbagliato? Preciso anche che la temperatura è stata sempre stabile su i 18 gradi e solo per 4 giorni a circa 4/6 gradi.

Ciao Pino, allora una domanda... che stile é, che lievito hai usato? Hai usato zucchero o malto? La OG? Le componenti che possono incidere sono molte... ma nel tuo caso con i passaggi che hai spiegato mi viene da pensare che:

-il lievito non era un fenomeno di attenzione

-hai ossigenato molto bene prima dell'inoculo?

-se la OG era di 1050 ci puoi stare...

- può sembrare strano ma anche la birra con le sue variabile rientra nella teoria del caos...:o

Edited by baccomax
Link to post
Share on other sites
  • 1 year later...

Onestamente non ho mai adoperato lagerizzazione per rendere limpida la birra, ne usato prodotti specifici se non un po' di irish moss in fase di bollitura, che comunque agisce davvero poco. Credo, secondo il mio personale parere, che un paio di travasi in più aiutino notevolmente a rendere la birra più limpida. Personalmente faccio mediamente 4/5 travasi.

 

Link to post
Share on other sites
4 ore fa, Alessio1984 ha scritto:

che un paio di travasi in più aiutino notevolmente a rendere la birra più limpida. Personalmente faccio mediamente 4/5 travasi.

personalmente non faccio nessun travaso.. neanche per priming (inserisco soluzione zuccherina in bottiglia) e le mie birre sono stra limpide.. pure troppo!!! travasare espone solamente la birra ad ossidazione.. se col tempo prendi esperienza e manualità il non travaso ti rende la vita piu semplice e risolutiva.

 

Link to post
Share on other sites
4 ore fa, Alessio1984 ha scritto:

Onestamente non ho mai adoperato lagerizzazione per rendere limpida la birra, ne usato prodotti specifici se non un po' di irish moss in fase di bollitura, che comunque agisce davvero poco. Credo, secondo il mio personale parere, che un paio di travasi in più aiutino notevolmente a rendere la birra più limpida. Personalmente faccio mediamente 4/5 travasi.

 

Ciao, 4/5 travasi mi sembrano eccessivi nonché dannosi, corri troppo il rischio di ossidare la birra. Macinatura adeguata, filtraggio dopo il mash fatto come si deve, bollitura vigorosa in modo da far coagulare bene le proteine e whirpool finale secondo me incidono molto di più sulla limpidezza. Riesco ad ottenere birre molto limpide e non faccio nessun travaso se non quello finale poco prima di imbottigliare.

Link to post
Share on other sites

Che dirti, credo non ci sia arma migliore per rendere una birra limpida che non il travaso. Per l'ossidazione basta solo prendere le dovute accuratezza. È difficile ossidare una birra se sai farlo bene. Tra sanitizzazione, tubo crystal per travaso e zero splash non capisco proprio come fai a ossidare la birra a meno che non la versi da un fermentatore all'altro manco fosse l'acqua del secchio col mocio.....

Link to post
Share on other sites
15 ore fa, baccomax ha scritto:

personalmente non faccio nessun travaso.. neanche per priming (inserisco soluzione zuccherina in bottiglia) e le mie birre sono stra limpide.. pure troppo!!! travasare espone solamente la birra ad ossidazione.. se col tempo prendi esperienza e manualità il non travaso ti rende la vita piu semplice e risolutiva.

 

Beh se travasare è una complicanza della produzione o comunque rende la vita più complessa meglio lasciare stare. Credo che il travaso sia una cosa meravigliosa, ad ogni travaso vedi la birra sempre più limpida e più pulita, il risultato finale che si avvicina di più. Non ci vedo nulla di male a travasare qualche volta in più, così come nella produzione di vino anche nella birra è una cosa importante.

Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Alessio1984 ha scritto:

Beh se travasare è una complicanza della produzione o comunque rende la vita più complessa meglio lasciare stare. Credo che il travaso sia una cosa meravigliosa, ad ogni travaso vedi la birra sempre più limpida e più pulita, il risultato finale che si avvicina di più. Non ci vedo nulla di male a travasare qualche volta in più, così come nella produzione di vino anche nella birra è una cosa importante.

si ma ad ogni travaso crei ossidazione e quindi vai a degradare ogni volta di piu il tuo prodotto!!! rischi di infezione a parte!!

nel  vino in genere si fanno due travasi principali per le vinacce il primo e il fondazzo il secondo.. (entrambi con gorgolgiatore) poi il terzo a seconda se si hanno damigiane o botti in resina.. dove vaddo messi olii separatori proprio per non mandare in contatto il vino con l'aria..

Alessio se non si fosse capito .. i nostri nettari meno aria prendono e meglio è!!!

Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Alessio1984 ha scritto:

Che dirti, credo non ci sia arma migliore per rendere una birra limpida che non il travaso. Per l'ossidazione basta solo prendere le dovute accuratezza. È difficile ossidare una birra se sai farlo bene. Tra sanitizzazione, tubo crystal per travaso e zero splash non capisco proprio come fai a ossidare la birra a meno che non la versi da un fermentatore all'altro manco fosse l'acqua del secchio col mocio.....

a meno che non sei in una stanza dove è stato tolto l'ossigeno..!!!! e comunque l'arma migliore x purificare  la birra è il freddo!!! oltre che i fattori preliminari come la filtrazione ecc.

Link to post
Share on other sites
7 ore fa, baccomax ha scritto:

a meno che non sei in una stanza dove è stato tolto l'ossigeno..!!!! e comunque l'arma migliore x purificare  la birra è il freddo!!! oltre che i fattori preliminari come la filtrazione ecc.

Il freddo quando chiaramente hai la possibilità di ricrearlo

Link to post
Share on other sites
7 ore fa, baccomax ha scritto:

si ma ad ogni travaso crei ossidazione e quindi vai a degradare ogni volta di piu il tuo prodotto!!! rischi di infezione a parte!!

nel  vino in genere si fanno due travasi principali per le vinacce il primo e il fondazzo il secondo.. (entrambi con gorgolgiatore) poi il terzo a seconda se si hanno damigiane o botti in resina.. dove vaddo messi olii separatori proprio per non mandare in contatto il vino con l'aria..

Alessio se non si fosse capito .. i nostri nettari meno aria prendono e meglio è!!!

Bacco ma è normale. Io parlo solo delle mie esperienze, mai avuto problemi travasando....e credimi ne ho fatta di birra in dieci anni....

Link to post
Share on other sites
20 minuti fa, Alessio1984 ha scritto:

Bacco ma è normale. Io parlo solo delle mie esperienze, mai avuto problemi travasando....e credimi ne ho fatta di birra in dieci anni....

non so che dirti..!! continua nel moto che hai sempre usato..  ma sappi che non è quello corretto!!! non lo dico io.. ma la scienza... l'ossigeno ossida!!

Edited by baccomax
Link to post
Share on other sites
  • 4 months later...
Il 14/5/2007 in 09:40 , mzorne ha scritto:

Posso confermare l'efficacia della gelatina alimentare (quella che come riportato nell'articolo, è usata per i dessert, in particolare per le crostate di frutta) nella chiarifica (o affinatura) della birra che non ne vuolo sapere di diventare limpida dopo la fermentazione, anche dopo attese di alcune settimane.

Inizialmente ho provato la gelatina in polvere da sciogliere in acqua bollente, ma l'efficacia è piuttosto limitata (ha un buon inizio, ma al comparire dei primi coauguli, si blocca lì e non si muove più).

Immediatamente dopo, ho provato quella che si trova in fogli, da ammorbidire in acqua fredda (si trova in pacchetti da 3 fogli di 20 cm per 8 circa e dello spessore di 1 mm; è quasi incolore e la confezione è trasparente, senza alcuna indicazione se non la data di scadenza). Basta farla sciogliere in acqua a circa 40 - 50° C, versarla delicatamente nel fusto con la birra da chiarificare, dare una leggerissima mescolata della superficie con un cucchiaio da cucina (sanitizzato), e attendere. Tutto quello che si trova in sospensione, viene inglobato in grossi grumi di gelatina, che lentamente scendono verso il fondo del fermentatore. Può capitare (come è successo nell'ultima birra che ho imbottigliato due giorni fà), che alcuni di questi coauguli non si depositino, rimanendo in sospensione: sono facilmete asportabili in fase di travaso per il priming, facendo passare la birra ormai pronta attraverso uno straccio pulito in cotone messo all'interno di un imbuto.

Ciao, ma il dosaggio di questi fogli di gelatina?

Link to post
Share on other sites
21 ore fa, Mcph72 ha scritto:

Ciao, ma il dosaggio di questi fogli di gelatina?

 Difficile che ti risponda visto che è un messaggio di 13 anni fa',  mai usata ma penso si tratti di colla di pesce o carragenina e si chiama Protafloc,  se proprio devo uso irish moss .

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...