SteIre

Questione di santificazione.

Recommended Posts

Salve amico Homebrewers, come ormai è noto  fin dall’inizio, che ci siamo immersi nel mondo brassicolo è la santificazione... Quasi tutti abbiamo iniziato con il metabisolfito poi da lì molte strade si sono divise, ad esempio io per un periodo ho usato (devo dire che non ha creato mai problemi) OXI SAN ma poi ho scoperto che è un semplice detergente... oggi vi metto nuovamente a confronto se qualcuno conosce questo prodotto e cosa ne pensa per un probabile utilizzo cioè “Star San HB” come da foto allegato. 
Grazie a tutti come sempre e buona birra

8C543AA3-AC09-43F6-9C71-AEE5DFAD9C24.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ovviamente è sanificazione il t9 avvolte mi fa brutti scherzi 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo StarSan lo uso soprattutto per i fermentatori ed è un buon sanificante, il più usato dagli HB ammerigani. Fortunatamente da poco è tornato disponibile in Europa, per mesi c'era stato un blocco dovuto a chissà cosa e non si trovava più. Meno male, perché avevo quasi finito la scorta e ora l'ho potuto ordinare nuovamente ^_^

La santificazione la lasciamo fare ai cardinali :lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ora si chiama in altro modo, è cambiata la formula ma il prodotto resta valido, va risciacquato  al contrario di prima.

Share this post


Link to post
Share on other sites
54 minuti fa, morrison ha scritto:

Ora si chiama in altro modo, è cambiata la formula ma il prodotto resta valido, va risciacquato  al contrario di prima.

Sicuro? Su un noto sito per homebrewing è disponibile tale a quale a prima, poi c'è anche il Saniclean prodotto sempre da FiveStar la cui unica differenza è che è poco schiumogeno. Forse il prodotto analogo a cui ti riferisci è il Chemipro San.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si forse è lo stesso sito che c’erano le ultime due e le ho acquistate... comunque penso che sono sempre di valida utilità anche se il prodotto cambia un po’ 

Share this post


Link to post
Share on other sites

A

20 ore fa, Jimmy ha scritto:

Sicuro? Su un noto sito per homebrewing è disponibile tale a quale a prima, poi c'è anche il Saniclean prodotto sempre da FiveStar la cui unica differenza è che è poco schiumogeno. Forse il prodotto analogo a cui ti riferisci è il Chemipro San.

Abbiamo entrambi ragione, lo StarSan era stato ritirato perchè non contemplato per le leggi italiane ed era uscito il Chemipro San a cui mi riferivo, ora lo  la Five Star ha reimmesso il prodotto cambiando formula ( acido Anionico al posto del Fosforico )  ed è tornato in commercio.

 Mi devi una birra... ed io una a te :lol:

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
41 minuti fa, morrison ha scritto:

A

Abbiamo entrambi ragione, lo StarSan era stato ritirato perchè non contemplato per le leggi italiane ed era uscito il Chemipro San a cui mi riferivo, ora lo  la Five Star ha reimmesso il prodotto cambiando formula ( acido Anionico al posto del Fosforico )  ed è tornato in commercio.

 Mi devi una birra... ed io una a te :lol:

Vedi che facciamo in fretta a metterci d'accordo :P

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ragazzi so che  susciterò un vespaio, ma cerco il confronto anche, e soprattutto, con voi: 

Avete mai pensato di passare alla sanificazione tramite raggi Uvc?

Sto conducendo uno studio in proposito e posso anticiparvi giusto 2 casette:

-le lampade “serie” ( osram, Philips) da 11/15w oggi costano poco (Max 25€) e farle accendere è una banalità 

-in soli 10 secondi d’esposizione uccidono il 99% di virus, batteri e ogni organismo vivente ( e anche le muffe se usi una soluzione di acqua ossigenata). Attualmente vengono usate anche nelle sale operatorie degli ospedali e per rendere potabile le acque che, viceversa, propagherebbero la malaria.

- durano un’eternita 

Il prossimo mese me ne arriva una (a causa del covid19 non se ne trovano) e voglio sperimentarla

Adesso mi/vi chiedo: perché non usarle x sterilizzare tutto quanto ( bottiglie escluse)? Basta esporre gli attrezzi x 20 secondi (facciamo un minuto ) e la smettiamo di usare prodotti chimici, vapore, candeggina e quant’altro (senza nemmeno la sicurezza di aver fatto bene).

L’unica accortezza è che non dobbiamo esporre ai raggi uvc il ns corpo nè niente di organico ( piante, animali).

Io sono aperto ad ogni dibattito e consiglio. 

 

Che la birra sia con voi 

Pr:31-6

Edited by Dani

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, Dani ha scritto:

Ragazzi so che  susciterò un vespaio, ma cerco il confronto anche, e soprattutto, con voi: 

Avete mai pensato di passare alla sanificazione tramite raggi Uvc?

Sto conducendo uno studio in proposito e posso anticiparvi giusto 2 casette:

-le lampade “serie” ( osram, Philips) da 11/15w oggi costano poco (Max 25€) e farle accendere è una banalità 

-in soli 10 secondi d’esposizione uccidono il 99% di virus, batteri e ogni organismo vivente ( e anche le muffe se usi una soluzione di acqua ossigenata). Attualmente vengono usate anche nelle sale operatorie degli ospedali e per rendere potabile le acque che, viceversa, propagherebbero la malaria.

- durano un’eternita 

Il prossimo mese me ne arriva una (a causa del covid19 non se ne trovano) e voglio sperimentarla

Adesso mi/vi chiedo: perché non usarle x sterilizzare tutto quanto ( bottiglie escluse)? Basta esporre gli attrezzi x 20 secondi (facciamo un minuto ) e la smettiamo di usare prodotti chimici, vapore, candeggina e quant’altro (senza nemmeno la sicurezza di aver fatto bene).

L’unica accortezza è che non dobbiamo esporre ai raggi uvc il ns corpo nè niente di organico ( piante, animali).

Io sono aperto ad ogni dibattito e consiglio. 

 

Che la birra sia con voi 

Pr:31-6

Il metodo è allettante anche per me....mi ero un po' documentato tempo fa e sembra che (dai test di laboratorio) funzioni bene....al momento ho desistito poiché hanno tempi biblici per le spedizioni e perché alla fine vedo che con l'antico metodo dell'ipoclorito di sodio,acido citrico e MBS di potassio, è sempre andata bene...sono un po' in ansia per via di qualche pezzo dell'attrezzatura che ho inavvertitamente portato a contatto con un'infezione lattica(voluta)che pare sia difficile da debellare se non con bollitura prolungata... effettivamente se funziona come dicono è un metodo valido....

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, DAVIDROVORA ha scritto:

effettivamente se funziona come dicono è un metodo valido....

Funziona? Centri estetici, Barbieri, ospedali usano questo metodo. Ti faccio una domanda: ma tu pensi che le aziende che producono alimentari ( birra, vino, sughi, cibo in scatola ecc) usano bisolfito, candeggina e menate varie per sterilizzare gli attrezzi?

Anche le lattine di coca e bevande varie vengono sterilizzate così. 

Se vuoi possiamo riparlarne, soprattutto quando avrò tra le mani la lampada e il dispositivo d’accensione (un reattore tipo tubo neon )

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io sono un tipo tradizionalista, e poi le industri quindi parliamo di birre commerciali il prodotto finale viene pastorizzato e le bottiglie sicuramente avranno un trattamento di sanificazione con qualche prodotto... attenzione non dico che il risultato finale non dia i suoi risultati poi chi lo sa un giorno il tuo progetto diventa uno dei migliori 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma io non mi parlo di sterilizzare le bottiglie perché visto il colore è lo spessore del vetro i raggi uvc non funzionano a meno che non infili la lampada dentro ( e comunque sto lavorando anche a questo). Io parlo di sterilizzare l’attrezzatura: fermentatore, palette, pentole, tubi di travaso e quant’altro. 

Tutto ciò con la pastorizzazione non c’entra nulla. 

Eppoi, tu sei uno tradizionalista, ma quando finisci di sanificare......non hai la paura di aver trascurato qualcosa?

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Certo la paura c’è sempre infatti ti auguro buon lavoro magari un giorno il tuo progetto avrà successo e magari anche io attuerò la sanificazione con la lampada a raggi uv 

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 ore fa, Dani ha scritto:

Se vuoi possiamo riparlarne, soprattutto quando avrò tra le mani la lampada e il dispositivo d’accensione (un reattore tipo tubo neon )

Volentierissimo tienici aggiornati.....

Share this post


Link to post
Share on other sites

In periodo di quarantena Homebrewing Pills ha fatto diversi meeting tra cui quello sulla sanificazione tenuto da nicola Coppe, biologo, birraio di Bionoc,Produttore di lactbacilli per fermentazione sour, tra tutti i metodi di sanificazione non mi pare si sia parlato di raggi UVC( non ne sono sicurissimo ) pero' s'è parlato molto dell'ozono, ha fatto esperimenti facendo passare in laboratorio il suo caprone ( avete capito bene, un vero caprone) facendolo sostare una notte intera compresi bisogni e quant'altro, il giorno dopo ha prelevato l'aria, messo in funzione la macchina per l'ozono ( 60 euro circa ) ed ha prelevato  alla fine.... lo specifico al minuto 59 circa, ma consiglio davvero di ascoltare tutto il video.

 

Edited by morrison

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ragazzi ma non vi sembra di essere un pò OT????!!!!!!

Il titolo del tread parla di SANTIFICAZIONE quindi parliamo di intercessioni celestiali!!!!! :D:D:D:D

 

Saluti.

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, morrison ha scritto:

ma consiglio davvero di ascoltare tutto il video.

Si verissimo... l'avevo visto per intero mentre sbanattavo dopo essermi informato tramite il suo canale per questioni di acidificazione ed era uscito il video esperimento....casualità dopo qualche giorno un utente del forum lamentava problemi riconducibili ad un infezione e gli accennai il metodo dell'ozono...

Share this post


Link to post
Share on other sites

L’uso dell’ozono per sanificare è un buon metodo, ma i costi e la semplicità di realizzazione, pendono verso le semplici lampade uvc. Una lampada uvc da 15w costa 20€ e dura 7/8 mila ore. Per farla accendere basta un reattore tipo neon, anzi a dirla tutta vendono degli adattatori (costo 5€) che da un lato ospitano la lampada e dall’altro si avvitano ad un comune portalampada ( E27). Poi serve una spina, del filo e un interruttore. Sull’efficiEnza delle stesse è inutile parlarne: sono usate dal 1916 per sterilizzare qualunque cosa: bastano pochi minuti d’esposizione x eliminare il 99% di ogni forma vivente. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...