Sign in to follow this  
redtuna77

tara termica ????

Recommended Posts

salve,ho un dubbio a riguardo della cella di fermentazione...:o

se devo utilizzare un lievito (nel mio caso s04) che deve lavorare per circa 10-12 giorni alla temperatura di 18°C , quando imposto la temperatura desiderata su inkbird , tenendo presente che durante la fermentazione tumultuosa la temperatura si innalzera' di 2-3°C, devo impostare inkbird a 15°C ?

C'e' una specie di "tara" termica da considerare ?

Oppure devo semplicemente impostare inkbird a 18°C ?

Qui sul forum , in un post vecchio si parlava di una cosa simile ma non ho ben capito come procedere ..^_^

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Purtroppo credo che non ci sia un qualcosa che valga per tutti. Mi spiego, la mia camera è diversa dalla tua e fa quella degli altri e viceversa... Ognuno deve prendere un po' la mano con i suoi strumenti.

Detto questo calcola un inoculo sui 24' e poi devi spingere verso il basso perché il mostro tenderà a salire almeno nelle prime 48 ore.

Poi la spinta della fermentazione cala e quindi dovresti alzare... 

Se ad esempio, io che uso un frigo metto la temperatura a 18 e inoculo a 24 chiudo e me ne vado, potrei trovare il mosto a lavorare a 28' gradi...

In genere io inoculo e metto nel frigo a 12 circa, poi nelle prime ore butto un occhio e mano a mano salgo cercando di stabilizzarsi sulla temperatura che voglio...

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, Cristi4n ha scritto:

Purtroppo credo che non ci sia un qualcosa che valga per tutti. Mi spiego, la mia camera è diversa dalla tua e fa quella degli altri e viceversa... Ognuno deve prendere un po' la mano con i suoi strumenti.

Detto questo calcola un inoculo sui 24' e poi devi spingere verso il basso perché il mostro tenderà a salire almeno nelle prime 48 ore.

Poi la spinta della fermentazione cala e quindi dovresti alzare... 

Se ad esempio, io che uso un frigo metto la temperatura a 18 e inoculo a 24 chiudo e me ne vado, potrei trovare il mosto a lavorare a 28' gradi...

In genere io inoculo e metto nel frigo a 12 circa, poi nelle prime ore butto un occhio e mano a mano salgo cercando di stabilizzarsi sulla temperatura che voglio...

quindi , mi sembra di capire che se usi un lievito per le alte fermentazioni, inoculando a 12°C , la tua fermentazione non parte subito ma solo quando hai raggiunto la temp. giusta, magari dopo 24-72 ore...non hai paura di ritrovarti qualche sapore sgradevole sulla birra ?

ciao e grazie per il consiglio

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, redtuna77 ha scritto:

quindi , mi sembra di capire che se usi un lievito per le alte fermentazioni, inoculando a 12°C , la tua fermentazione non parte subito ma solo quando hai raggiunto la temp. giusta, magari dopo 24-72 ore...non hai paura di ritrovarti qualche sapore sgradevole sulla birra ?

ciao e grazie per il consiglio

No, non ci siamo capiti.

Un conto è la temperatura del mosto, un conto è quella della camera di fermentazione.

Il lievito in generale va inoculato sui 23/25 gradi,poi bisogna vedere le indicazioni specifiche, il mosto va poi portato nel range di lavoro del lievito o ad una determinata temperatura prescelta. Per fare ciò si lavora sulla temperatura della camera, per lo meno io con il modello di camera che ho costruito io

Edited by Cristi4n

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ho preso l'abitudine di inoculare a 20 gradi, anche perchè essendo la temperatura consigliata per il test del densità iniziale, faccio il test e poi ossigeno ed inoculo, sbaglio?

Share this post


Link to post
Share on other sites
23 minuti fa, LucioSantus ha scritto:

Io ho preso l'abitudine di inoculare a 20 gradi, anche perchè essendo la temperatura consigliata per il test del densità iniziale, faccio il test e poi ossigeno ed inoculo, sbaglio?

Come anticipato da Cristian x i lieviti ad alta si inocula attorno ai 24° poi si scende gradualmente alla temperatura di esercizio ai primi segni di attività.. questo diminuisce i tempi di latenza.. poi ci sono altre correnti di pensiero che preferiscono inoculare alla temperatura di esercizio.. come nelle basse fermentazioni ( nel primo caso da 16° a 11/10°).. Personalmente preferisco la prima.. con meno latenza.. anche se piu difficile da tenere a bada..

Edited by baccomax

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si anche io preferisco inoculare sui 24, nelle prime ore va "vegliata". Diversamente mi è capitato di inoculare a 20 la fermentazione parte più tardi ma sul prodotto finito non ho mai notato particolare differenza. In ogni caso alcuni lieviti danno l'indicazione specifica di inoculare ad una temperatura più alta, pertanto preferisco fare così.

Credo che sia dovuto a necessità di reidratazione e ambientamento del lievito, quindi in caso di reidratazione a parte o starter potrebbe anche essere totalmente indifferente, ma questa è :una mia considerazione del tutto personale, quindi potrebbe anche non essere così

Share this post


Link to post
Share on other sites
37 minuti fa, Cristi4n ha scritto:

Si anche io preferisco inoculare sui 24, nelle prime ore va "vegliata". Diversamente mi è capitato di inoculare a 20 la fermentazione parte più tardi ma sul prodotto finito non ho mai notato particolare differenza. In ogni caso alcuni lieviti danno l'indicazione specifica di inoculare ad una temperatura più alta, pertanto preferisco fare così.

Credo che sia dovuto a necessità di reidratazione e ambientamento del lievito, quindi in caso di reidratazione a parte o starter potrebbe anche essere totalmente indifferente, ma questa è :una mia considerazione del tutto personale, quindi potrebbe anche non essere così

Non avevo messo in conto una cosa, sono sicuro che i lieviti che usate voi non sono quelli in dotazione ma sono lieviti specifici, ed in quelli è comprensibile che ci siano temperature da ripettare a seconda del lievito che si usa. Io facci i kit ed uso ancora i lieviti in dotazione, per cui mi seguo la regola generale test con mosto a 20 gradi e per comodità passo subito dopo il test a ossiggenare e inoculare. Non appena userò liviti specifici avrò l'accortezza di essere più minuzioso a seguire le regole guida per ogni lievito.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 18/10/2019 in 22:36 , redtuna77 ha scritto:

salve,ho un dubbio a riguardo della cella di fermentazione...:o

se devo utilizzare un lievito (nel mio caso s04) che deve lavorare per circa 10-12 giorni alla temperatura di 18°C , quando imposto la temperatura desiderata su inkbird , tenendo presente che durante la fermentazione tumultuosa la temperatura si innalzera' di 2-3°C, devo impostare inkbird a 15°C ?

C'e' una specie di "tara" termica da considerare ?

Oppure devo semplicemente impostare inkbird a 18°C ?

Qui sul forum , in un post vecchio si parlava di una cosa simile ma non ho ben capito come procedere ..^_^

 

Dipende da dove poni la sonda, se la tieni a contatto col fermentatore coperta da un pezzo di polistirolo o pasta termica cambia poco( 1 C° lo abbasserei) se la tieni libera nella camera è in balia dell'inerzia termica e non va troppo bene.

Il top sarebbe un pozzetto sul coperchio  ......

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, LucioSantus ha scritto:

Io facci i kit ed uso ancora i lieviti in dotazione

Però anche qui dipende dal kit, i kit birramia serie mitica mi pare e quelli mangrove jack sicuramente hanno lieviti specifici in dotazione sul cui retro sta scritto tutto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this