Recommended Posts

Buongiorno! Volevo qualche chiarimento sul metodo E+G

Da quanto ho capito la piccola percentuale di malto macinato che si usa deve essere di malto speciale: perché? Che differenze ci sono rispetto ai malti base? Cioè perché ha bisogno solo del passaggio a 68°?

Ad esempio, se devo produrre una Pale Ale, di cui l'elemento base è ovviamente il malto Pale, che però è un malto base, come posso sostituirlo? 

Ho provato a leggere su internet e sul libro "progettare grandi birre" ma queste spiegazioni non le trovo. 

Grazie! 

Edited by AndreaMarchiori

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, AndreaMarchiori ha scritto:

Buongiorno! Volevo qualche chiarimento sul metodo E+G

Da quanto ho capito la piccola percentuale di malto macinato che si usa deve essere di malto speciale: perché? Che differenze ci sono rispetto ai malti base? Cioè perché ha bisogno solo del passaggio a 68°?

Ad esempio, se devo produrre una Pale Ale, di cui l'elemento base è ovviamente il malto Pale, che però è un malto base, come posso sostituirlo? 

Ho provato a leggere su internet e sul libro "progettare grandi birre" ma queste spiegazioni non le trovo. 

Grazie! 

I malti speciali hanno subito un trattamento termico dove la conversione degli amidi é avvenuta giá nel chicco, quindi basta estrarre gli zuccheri tenendoli a mollo a 68°  e non necessitano un vero mash come nei malti base appunto! Non capisco perché devi sostituire il malto pale!!! Ma poi in e+g hai malto pronto e devi solo aggiungere i malti speciali appunto!

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, baccomax ha scritto:

I malti speciali hanno subito un trattamento termico dove la conversione degli amidi é avvenuta giá nel chicco, quindi basta estrarre gli zuccheri tenendoli a mollo a 68°  e non necessitano un vero mash come nei malti base appunto! Non capisco perché devi sostituire il malto pale!!! Ma poi in e+g hai malto pronto e devi solo aggiungere i malti speciali appunto!

Cioè se devo fare in all grain una pale ale userò malto pale per lo più no? Ma se devo fare una pale Ale in e+g come sostituisco il malto pale con quello secco? Cioè metto un estratto di malto chiaro che è uguale per tante ricette e due malti speciali e sono questi a caratterizzarne lo stile? 

Non so se mi sono spiegato bene

Share this post


Link to post
Share on other sites
17 minuti fa, AndreaMarchiori ha scritto:

Cioè se devo fare in all grain una pale ale userò malto pale per lo più no? Ma se devo fare una pale Ale in e+g come sostituisco il malto pale con quello secco? Cioè metto un estratto di malto chiaro che è uguale per tante ricette e due malti speciali e sono questi a caratterizzarne lo stile? 

Non so se mi sono spiegato bene

Lo stile lo da soprattutto il lievito, poi i fermentabili, i luppoli e infine la temperatura!! In e+g c'è poco da scegliere malto chiaro o amber e poi qualche grano cara/crystal in infusione x dare complessità e/o corpo/colore, occhio ai malto speciali... vanno usati con cautela... in genere non più del 10/15%

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, baccomax ha scritto:

Lo stile lo da soprattutto il lievito, poi i fermentabili, i luppoli e infine la temperatura!! In e+g c'è poco da scegliere malto chiaro o amber e poi qualche grano cara/crystal in infusione x dare complessità e/o corpo/colore, occhio ai malto speciali... vanno usati con cautela... in genere non più del 10/15%

Va bene, è tutto chiaro, grazie mille come sempre! 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve a tutti! Visto che c'è già questo topic di chiarimento sul metodo E+G approfitto per qualche chiarimento anche io, posso? :D

A breve, appena i miei impegni mi lasceranno un po' di tregua, inizierò la produzione della mia prima birra E+G e per l'occasione avevo pensato alla IPA di birramia arricchita con un dry-hopp di cascade, per goderla in primavera! Ora mi sono documentato e preparato perchè io sono uno abbastanza metodico e mi piace aver capito bene prima fare. Mi restano però alcuni dubbi pratici sul metodo di preparazione del mosto che ora illustrerò e se qualcuno volesse darmi un chiarimento è ringraziato in anticipo!

Preparazione del mosto

1- faccio l'infusione dei malti speciali a 68°, ho comprato un grain-bag, dopo l'infusione che faccio strizzo?

2- A questo punto dovrei fare lo sparge, ho pensato di sollevale i grain-bag legandolo ai manici della pentola e di versare sopra l'acqua di sparge rompendo il getto con una schiumarola (mestolo forato). I grani li devo lasciare compatti al centro o mo' di polpetta oppure li spalmo per consentire un lavaggio più diffuso? al termine che faccio? strizzo?

Luppolatura/cottura del mosto

3 - Ho acquistato degli infusori a sfera per il luppolo, faccio le tre gittate nei tempi previsti, al termine dei 60 minuti di bollitura ho letto che bisogna estrarre i luppoli e far raffreddare, ma sulle istruzioni del kit birra-mia ho letto di lasciare i luppoli fino a fine raffreddamento... cosa devo fare? aggiungo che non ho una serpentina ed il raffreddamento avverrà tramite inserimento della pentola all'interno di una lavello riempito d'acqua, quindi sarà piuttosto lungo.

4 - per velocizzare il raffreddamento alcuni consigliano di usare acqua fredda da frigo per la diluizione del mosto nel fermentatore, altri sconsigliano questo metodo per motivi di shock termico, cosa mi consigliate?

 

Grazie a chi vorrà dedicarmi il suo tempo!;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
13 minuti fa, Cristi4n ha scritto:

1- faccio l'infusione dei malti speciali a 68°, ho comprato un grain-bag, dopo l'infusione che faccio strizzo?

strizza senza esagerare dopo lo sparging

 

17 minuti fa, Cristi4n ha scritto:

sulle istruzioni del kit birra-mia ho letto di lasciare i luppoli fino a fine raffreddamento... cosa devo fare?

Se ci sono le istruzioni per la ricetta,seguile alla lettera...

19 minuti fa, Cristi4n ha scritto:

4 - per velocizzare il raffreddamento alcuni consigliano di usare acqua fredda da frigo per la diluizione del mosto nel fermentatore, altri sconsigliano questo metodo per motivi di shock termico, cosa mi consigliate?

Lo shock termico senza il lievito non esiste...più velocemente raffreddi e meglio è...

14 minuti fa, Cristi4n ha scritto:

2- A questo punto dovrei fare lo sparge, ho pensato di sollevale i grain-bag legandolo ai manici della pentola e di versare sopra l'acqua di sparge rompendo il getto con una schiumarola (mestolo forato). I grani li devo lasciare compatti al centro o mo' di polpetta oppure li spalmo per consentire un lavaggio più diffuso? al termine che faccio? strizzo?

Lo sparge non è di vitale importanza in e+g,se vuoi fare un mini risciacquo va benissimo in tutti i modi,tanto i grani sono talmente pochi che non influisce il metodo di sparging...

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie DAVIDROVORA!

Ho letto che qualcuno aveva avuto problemi con la schiuma con il kit IPA e+g di birramia, tu lo hai mai realizzato?

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Cristi4n ha scritto:

3 - Ho acquistato degli infusori a sfera per il luppolo, faccio le tre gittate nei tempi previsti, al termine dei 60 minuti di bollitura ho letto che bisogna estrarre i luppoli e far raffreddare, ma sulle istruzioni del kit birra-mia ho letto di lasciare i luppoli fino a fine raffreddamento... cosa devo fare? aggiungo che non ho una serpentina ed il raffreddamento avverrà tramite inserimento della pentola all'interno di una lavello riempito d'acqua, quindi sarà piuttosto lungo

abbassa il gosso che puoi col lavello poi metti acqua semighiacciata nel fermentatore, togli i luppoli e versa il mosto caldo  (che starà sui 50/60°) nel fermentatore .. lasciato un paio di litri di margine... a volte mi è capitato di dover scaldare altra acqua poichè era troppo fretto :D

x lo sparge puoi preparare un pentolino con un paio di litri di acqua a 68° e fai un piccolo batch sparge cosi non ossidano le trebbie un paio di minuti di ammollo e tiri via!!

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Cristi4n ha scritto:

Grazie DAVIDROVORA!

Ho letto che qualcuno aveva avuto problemi con la schiuma con il kit IPA e+g di birramia, tu lo hai mai realizzato?

Prego figurati....si unico kit e+g fatto nella mia vita,era se non erro l'IPA superpremium di birramia,e purtroppo la schiuma era il problema minore!!!birra vomitevole e amaro impercettibile per casini combinati in preparazione!!da li ho capito che non sono fatto per seguire istruzioni e mi sono lanciato di testa sul allgrain...

Share this post


Link to post
Share on other sites
17 ore fa, baccomax ha scritto:

x lo sparge puoi preparare un pentolino con un paio di litri di acqua a 68° e fai un piccolo batch sparge cosi non ossidano le trebbie un paio di minuti di ammollo e tiri via!!

Grazie baccomax, quindi in pratica sostituisco lo sparge a pioggia con una mini infusione rimescolando le trebbie, una bella strizzata e via!

In effetti mi pare decisamente più pratico questo sistema inoltre non vedo che differenza possa fare un risciacquo a pioggia rispetto a questo, anzi, come giustamente dici tu si azzera quasi completamente l'esposizione all'aria, oppure c'è qualcosa che mi sfugge?

A questo punto mi chiedo come mai anche sulle ricette non venga suggerito questo metodo direttamente perchè appare decisamente migliore, anche se meno scenografico B).

Share this post


Link to post
Share on other sites
17 ore fa, DAVIDROVORA ha scritto:

ho capito che non sono fatto per seguire istruzioni e mi sono lanciato di testa sul allgrain...

Prima o poi quando tempo e finanze lo permetteranno piacerebbe approdare all'AG anche a me. Ma tra moglie, figlio, famiglia, lavoro e questa follia che ho iniziato nel 2017 di iscrivermi all'università al momento mi lasciano poco spazio di manovra in tutti i sensi. E già adesso il salto dal kit base al kit E+G mi sembra già impegnativo!

Per adesso vorrei fare qualche cotta E+G da kit , provare almeno una volta una bassa fermentazione e poi magari azzardare delle ricette "mie" vorrei tentare di riprodurre in casa una "Keller" una "Alt" una "Weizenbock" (tipo Aventinus di Shneider & Son che è uno spettacolo), ma per adesso mi accontento di fare la IPA da Kit E+G di birramia con DH Cascade ed iniziare ad impratichirmi nell'E+G, sperando che venga buona e non mi faccia rimpiangere i kit luppolati... il resto si vedrà!.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Cristi4n ha scritto:

Grazie baccomax, quindi in pratica sostituisco lo sparge a pioggia con una mini infusione rimescolando le trebbie, una bella strizzata e via!

In effetti mi pare decisamente più pratico questo sistema inoltre non vedo che differenza possa fare un risciacquo a pioggia rispetto a questo, anzi, come giustamente dici tu si azzera quasi completamente l'esposizione all'aria, oppure c'è qualcosa che mi sfugge?

A questo punto mi chiedo come mai anche sulle ricette non venga suggerito questo metodo direttamente perchè appare decisamente migliore, anche se meno scenografico B).

Non strizzare!! Al massimo appena tornato na stretta!!. Il batch sparge é meno usato poiché é meno efficiente del fly!! Ora nel tuo caso sono solo mezzo kg di  grani speciali.. ma in cotte da 5-6-8-10kg di malto la differenza c'è!! Anche se rimane un sistema valido.. nelle prime due cotte AG da 16lt ho usato questo sistema poi mi sono autocostruito un tino filtro con bazooka (lo trovi nella sezione fai da te) e praticato il fly.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Cristi4n ha scritto:

Prima o poi quando tempo e finanze lo permetteranno piacerebbe approdare all'AG anche a me. Ma tra moglie, figlio, famiglia, lavoro e questa follia che ho iniziato nel 2017 di iscrivermi all'università al momento mi lasciano poco spazio di manovra in tutti i sensi. E già adesso il salto dal kit base al kit E+G mi sembra già impegnativo!

Per adesso vorrei fare qualche cotta E+G da kit , provare almeno una volta una bassa fermentazione e poi magari azzardare delle ricette "mie" vorrei tentare di riprodurre in casa una "Keller" una "Alt" una "Weizenbock" (tipo Aventinus di Shneider & Son che è uno spettacolo), ma per adesso mi accontento di fare la IPA da Kit E+G di birramia con DH Cascade ed iniziare ad impratichirmi nell'E+G, sperando che venga buona e non mi faccia rimpiangere i kit luppolati... il resto si vedrà!.

I tempi tra AG ed E+G non sono molto diversi (ammostamento multi step e raffreddamento a parte), piu che altro serve attrezzatura specifica, come Ph metro, termometro valido, bilancia di precisione, anche un rifrattometro sarebbe moooooolto utile. 

Vedi che la bassa serve un sistema valido di raffreddamento..., sinceramente l'ho fatta due volte e a dire il vero il gioco non vale lo sbattimento.... soprattutto se hai poco tempo da dedicare alle cotte.. e tenere impegnate le attrezzature per 30/40gg x una fermentazione che necessita di lagerizzazione!! Ma io faccio poco testo.. sono imparziale essendo un amante del torbido:P

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si l'All Grain chiede sicuramente maggiore impegno sotto vasti e vari profili.

Per la bassa fermentazione è più la voglia di provarla, in effetti dove abito io al supermercato trovo vasta scelta delle 6 sorelle di Monaco di baviera a prezzi stracciati... più se c'è l'opportunità di eventuali incursioni in territorio teutonico.... mentre purtroppo non posso dire lo stesso per le ALE inglesi, uno dei motivi per i quali mi sono lanciato nell'Homebrewing.

Io per fermentare/maturare uso un frigorifero da incasso recuperato attaccato ad una presa elettrica dotata di termostato con sonda per il freddo e per scaldare invece ho acquistato 6 metri di cavo da terrario. mi sta dentro il fermentatore da 23 litri e le 46 bottiglie.

Poi per la maturazione ho costruito un cassone con lastre di polistirolo da 5 cm dove metto le bottiglie insieme a bottiglie d'acqua ghiacciata...non è il massimo nei mesi di luglio e agosto, ma per il resto fa il suo, anche se devo studiare un'evoluzione più tecnologica e precisa di questa....

Share this post


Link to post
Share on other sites
32 minuti fa, Cristi4n ha scritto:

Si l'All Grain chiede sicuramente maggiore impegno sotto vasti e vari profili.

Per la bassa fermentazione è più la voglia di provarla, in effetti dove abito io al supermercato trovo vasta scelta delle 6 sorelle di Monaco di baviera a prezzi stracciati... più se c'è l'opportunità di eventuali incursioni in territorio teutonico.... mentre purtroppo non posso dire lo stesso per le ALE inglesi, uno dei motivi per i quali mi sono lanciato nell'Homebrewing.

Io per fermentare/maturare uso un frigorifero da incasso recuperato attaccato ad una presa elettrica dotata di termostato con sonda per il freddo e per scaldare invece ho acquistato 6 metri di cavo da terrario. mi sta dentro il fermentatore da 23 litri e le 46 bottiglie.

Poi per la maturazione ho costruito un cassone con lastre di polistirolo da 5 cm dove metto le bottiglie insieme a bottiglie d'acqua ghiacciata...non è il massimo nei mesi di luglio e agosto, ma per il resto fa il suo, anche se devo studiare un'evoluzione più tecnologica e precisa di questa....

Ti sei organizzato bene dai!!! Certo lo stoccaggio delle bottiglie in estate é un problema comune..., io ho una cantina ma... a luglio dentro ci sono 26/28°.., d'altronde negli ultimi anni di caldo anomalo si sino toccati spesso i 40/42°

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...