Recommended Posts

Salve a tutti, 

la prossima settimana produrrò la mia prima birra fatta in casa. Premetto che ho lavorato in un birrificio e conosco perfettamente quanto sia importante mantenere monitorata e regolata la temperatura durante la fermentazione, proprio per questo sono preoccupata perchè ovviamente non posseggo una cella refrigerata dove regolarla. Volevo chiedervi dunque, qual è il vostro sistema per gestire la temperatura durante la fermentazione primaria? 

Vorrei realizzare una lager ambrata, dunque a bassa fermentazione, c'è qualche trucco che potete suggerirmi? 

Grazie per l'aiuto! 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io la tengo in soffitta e il mio metodo di regolazione é la finestra, 10/11° stabili... certo l'ideale sarebbe una camera di fermentazione e ti organizzi con i ghiaccioli... oppure un vecchio frigo con centralina separata... oppure vai di alta con scaldino facendo un ibrido lager/ale...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Claudia,

Ti sconsiglio di affidarti  al meteo per fare una lager e ti spiego perchè. Il problema di trovare un luogo a temperatura quasi costante si potrebbe anche avere (magari una cantina). Ma poi c'è da fare il dyacetil rest e quindi alzare la temperatura a boh supponiamo 18 °C. dopo c'è la lagherizzazione a 1-3 °C. e dubito che si possa avere un luogo a cosi bassa temperatura per un mese intero. Io sono appassionato di lager, mi piacciono di piu per cui mi sono attrezzato con il minimo indispensabile un congelatore a pozzetto che veniva buttato via da un bar e un sct 1000 (15 euro). Io fermento e lagherizzo in una damigiana di vetro in genere ne faccio 42-45 litri a volta. Con questo sistema noto che la temperatura mi sta sulla temperatura di set point +- 0.5°C, quindi non credo che ci sia la necessità di comprare un termoregolatore con controllo pid che sono si fighi ma molto piu costosi.

A dire il vero non uso neanche la serpentina per il riscaldamento. Unica attenzione è quando devo passare tipo da temperatura di fermentazione a temperatura di lagherizzazione: non posso passare dall'una all'altra in un solo step sia perchè stressi il lievito sia perchè l'inerzia del congelatore  abbasserebbe eccessivamente la temperatura del mosto. Attualmente tale passaggio lo gestisco manualmente ma avrei intenzione di provare un timer di quelli semplici che attacchi alla spina elettrica in modo da far si che il congelatore stia mezza ora acceso e e una ora spento con il termostato impostato alla nuova temperatura di set point (per esempio 2 °C.  (Questo intervallo lo devo verificare con delle prove magari basta 15 min acceso e 1 ora spento per raggiungere la nuova temperatura in un paio di giorni tipo esistono al solito altri termostati che ti permettono di regolare la rampa ma il costo è notevolmente piu alto). Un caro saluto e fammi sapere che ne pensi

Edited by dany_

Share this post


Link to post
Share on other sites

Claudia,  la bassa fermentazione è una cosa delicata e non ci si puo' arrabbattare con strumenti presi a caso, sforando su alcune temperature ne uscirebbe un prodotto mediocre.... a te che sei abituata a bere prodotti ad hoc.B)

  E' piu' facile scaldare un fermentatore che raffreddarlo, quindi se non hai modo di costruirti una camera, un frigo in disuso o altro, per la tua prima fatica ti consiglierei di fare una Ale, magari  con 16/19 °C  te la cavi meglio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie a tutti per le risposte, ho deciso che proverò ugualmente a fare una lager, ne farò solo 15l come prova iniziale, spero che il risultato sia comunque buono, anche se il metodo un po' molto artigianale! 

Vi aggiornerò se ho trovato qualche tecnica per mantenere maggiormente sotto controllo la temperatura.

Grazie!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho provato a realizzare una lager, ho utilizzato lievito Fermentis SaftLager W 34/70, con 11,5g su 10 l di mosto. Ho fatto trascorrere 8 giorni di fermentazione primaria a 12°C e poi per 2 giorni ho alzato la T a 18°C per la pausa del diacetile, ora sono andata a travasare la birra e la terrò 3/4 settimane a 0-3°C. Al momento del travaso questo è ciò che mi è rimasto sul fondo del fermentatore, secondo voi è tutto a posto? 

Perchè la birra presenta un odore pungente di vino fruttato, non riesco a capire se si normale o se ci siano stati dei problemi durante la fermentazione. Aggiungo che ho utilizzato anche del miele nella produzione.

Vi ringrazio per il vostro aiuto e consigli! 

Claudia.

WhatsApp Image 2018-01-22 at 22.06.16.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao, spero tu abbia bollito o pastorizzato il miele prima di miscelarlo..., 18° per il diacetil forse sono un po' troppi il range consigliato é 12+15 e portarlo a 18 forse ha fatto tirar fuori un po' di fruttato/sulfureo, in piu dopo 8gg fare il diacetil forse e tardi... va fatto quando si è raggiunto il 60% della fermentazione (in genere 4/6 giorni) avresti dovuto misurare le densità iniziali, intermedie, e finali o se lo hai fatto non le hai menzionate. Il fondo é come dovrebbe essere. Per la lagerizzazione a 0/3° attenzione allo 0° non vorrai congelare il tutto, fermati a   un piu rassicurante  2°, ora non so che sistemi usi per controllare la T.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bacco, mi spiace contraddirti ma,  essendo molto lenta la fermentazione in bassa la pausa diacetile si  fa piu' avanti, 70 % almeno, altrimenti ci vorra' un'altra settimana (in pausa) per termenare la fermentazione.

 Generalmente la faccio dopo  10 gg circa.....

Share this post


Link to post
Share on other sites
19 minuti fa, morrison ha scritto:

Bacco, mi spiace contraddirti ma,  essendo molto lenta la fermentazione in bassa la pausa diacetile si  fa piu' avanti, 70 % almeno, altrimenti ci vorra' un'altra settimana (in pausa) per termenare la fermentazione.

 Generalmente la faccio dopo  10 gg circa.....

Figurati non ti preoccupare qui stiamo ad imparare... solo che da qualche parte l'ho letto e se mi ricordo e lo trovo magari lo valutiamo insieme:)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il miele trovo sia una "brutta bestia" per la birra. L'ho usato, (raccolto direttamente dalle mie arnie !) ma alla fine - mio gusto - Mah! Se usi quello commerciale , probabilmente costa solo piu dello zucchero, se trovi quello artigianale deve comunque essere raffinato, o meglio , privato di acqua, cera e altri componenti del prodotto grezzo.  Pastorizzato a 80 c° per almeno dieci minuti, non bollito e aggiunto a mosto caldo per evitare precipitazioni. Però pronto a cambiar idea, non ho mai provato con birre chiare, lager o pils ma solo con ambrate. :rolleyes:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ok grazie a tutti per i consigli, ora la birra è in fase di lagerizzazione, per cui attenderò ancora 2-3 settimane prima di trasferirla in bottiglia e poi vi aggiornerò sperando che il fruttato se ne sia andato! 

Claudia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...