Dopo 16Gg Nel Primo Fermentatore


Dyper
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti,

Sono un neofita partito con un kit con un normale malto Lager (per 23l di birra).

 

Ho fatto tutto come da istruzioni e il fermentatore e' stato posizionato fin dall inizio in stanza con temp. costante a 22 gradi.

 

La densita' e' partita a 1040 ma la discesa e' stata lentissima e adesso dopo 16gg e un sacco di birra buttata per le prove con il densimetro, la densità e' ancora a 1010.

 

Quello che mi chiedo e' :

- e' normale che, nonstante i 7-10gg di cui sento sempre parlare (e riportati come tempistica nel kit) sono invece nel mio caso piu del doppio?

- la birra subisce qualche alterazione con una fermentazione cosi lunga?

- devo secondo voi aspettare ancora oppure imbottiglio?

Se imbottiglio :

Nel kit dice di sciogliere 170gr di zucchero nel secondo contenitore dove travaso (per 23l di birra). Ora, a furia di prove, i litri sono circa 21 e in piu la densita non e' esattamente "da manuale"....quanto zucchero mi consigliate di aggiungere?sempre 170gr?

 

Grazie mille a tutti.

Matteo

Link to comment
Share on other sites

Ciao,

Comincio dicendoti che dai kit lager fermentati a 22 gradi producono una birra più simile alle ALE , però come prima birra ci può stare, per quanto riguarda la densità io direi che 1010 non è una tragedia e potresti imbottigliare, però dovresti aver fatto un travaso a 7gg, la permanenza nel primo fermentatore per tutto questo tempo (16gg) è tanta e rischi di peggiorare la qualità in quanto il mosto resta a contatto con i lieviti morti ed i residui proteici, inoltre col travaso, i lieviti si riattivano un pochetto e ti fanno raggiungere più facilmente la FG.

 

Adesso se non disponi di un secondo fermentatore, travasa il mosto in un contenitore sanitizzato senza far splashare la birra, e lasciandoti dietro il fondo nel fermentatore, a questo punto pulisci il primo fermentatore e ci rimetti il mosto, poi calcoli 7gr per litro (x 21 lt sono 147) li sciogli in poca acqua calda e fai bollire 2 min, fai raffreddare questo "sciroppo" e lo aggiungi al mosto mescolando dolcemente senza ossigenare, poi durante l'imbottigliamento dai una mescolatina ogni 4 bottiglie

Link to comment
Share on other sites

Poi ti consiglio per esperienza di concentrarti per bene sulla pulizia delle bottiglie, anche se è una faticaccia, poi sanitizzale con metabisolfito (3 cucchiaini rasi per ogni lt di liquido che vuoi preparare, se ne metti di più rischi di avere spiacevoli odori nella birra)

Inoltre fai delle prove di tappatura, io ad esempio ho tappato le mie prime bottiglie con la tappatrice a 2 leve ottenendo risultati...sgasati, quindi cerca di procurarti un tappabottiglie a colonna in ferramenta (15€)se non ne hai uno, sono soldi ben spesi!

 

Ps: guarda i video tutorial di brewingfriends su youtube, ci sono tantissimi consigli utili!

Link to comment
Share on other sites

Ciao,

Innanzitutto grazie mille per l'aiuto.

A quanti gradi avrei dovuto tenere il fermentatore con il malto lager?

 

Quindi, giusto per essere sicuro di aver capito :

- procedo al travaso dal primo fermentatore al secondo (nel kit era presente un altro contenitore identico al primo con rubinetto e coperchio con guarnizione)

- aggiungo lo zucchero come da procedura che mi hai spiegato

- mescolo e, senza far passare altri giorni, procedo a imbottigliare?

 

Grazie mille ancora.

Matteo

Link to comment
Share on other sites

Si, fai queste operazioni subito prima di imbottigliare, fallo appena puoi.

Le lager fermentano a temperature bassissime 8-12 gradi ed hanno bisogno di lieviti specifici (nelle giuste quantità) che siano liquidi o secchi, poi avviene la fase di lagherizzazione, durante la quale si porta il mosto a 2-4 gradi per un mese

Link to comment
Share on other sites

Ok perfetto fatto tutto, sanificato bottiglia per bottiglia e imbottigliato, La tappatrice ero già andato a fare delle prove dal ferramenta che tra l'altro mi aveva anche consigliato i sotto tappi che ho utilizzato.

Alla fine, tra fondo del fermentatore e altre "perdite" erano in tutto 19l, ho quindi sciolto 133g di zucchero.

Ora da istruzioni del kit c'è scritto di attendere 14gg lasciando le bottiglie alla stessa temperatura a cui era il fermentatore e poi di metterle in luogo fresco e buio....è corretto?

 

Siccome ho un altro malto, Geordie Scottish Export, approfitto della tua disponibilità per elencarti le operazioni che ho fatto con il precedente (premium lager) e per evitare gli stessi eventuali errori :

1) messo a fuoco lento il malto in una pentola con 3l di acqua e 1Kg di zucchero e mescolato fino a non avere grumi ma senza aver fatto bollire

2) messo il risultato nel fermentatore e aggiunto acqua (mista fredda e tiepida) fino ad arrivare ai 23lt e una temperatura tra i 18 e 24 gradi (indicata sul foglietto del malto)

3) aggiunto lievito (quello nella bustina inclusa con il malto)

4) riposto il fermentatore in una stanza a temperatura più o meno costante di 22°C.

Ovviamente ho sempre sanificato e risciacquato tutto con biosolfato di potassio sciolto in acqua.

Con quanto fatto ho avuto il "problema" della fermentazione lunghissima che, come dicevo all'inizio di questo post, ci ha messo più di 2 settimane per arrivare a 1010 di densità con gorgogliatore quasi sempre silenzioso.

 

Quello che ho fatto dopo lo sai perchè me l'hai consigliato tu e ti ho seguito alla lettera! :)

 

Ora, vorrei a breve apprestarmi a fare anche il secondo malto che avevo incluso nel kit, ma ho l'ansia che riaccada tutto come prima. C'è qualche accortezza oppure ripeto tutto uguale?

Ho guardato le istruzioni dentro il nuovo malto e tutto è uguale, inclusa la temperatura di fermentazione suggerita tra i 18 e 24 gradi.

 

Grazie ancora!

Matteo

Link to comment
Share on other sites

anche io sono appena entrato in questo mondo.. credo che nella procedura che hai descrito ci sono state delle cose dovevi evitare e altre che non hai fatto..

1. il mosto molti consigliano di portarlo a ebollizione anche per poco, questo lo sanitizza e riduce i rischi di infezione

2. prima di versare il mosto nel fermentatore, avresti dovuto farlo raffreddare, più velocemente possibile, immergendo la pentola a bagnomaria in acqua ghiacciata, e aggiungendo anche acqua fredda (possibilmente in bottiglia) nel mosto. Ossigenare il mosto ancora caldo non va bene, e se lo hai versato caldo nel fermentatore, probabilmente è successo per lo splash..

3. il lievito in dotazione al kit viene spesso sconsigliato da tutti, perchè il modo di conservazione non è garantito.. cmq di norma dovrebbe essere conservato in frigo, prima della cotta lo esci per portarlo piano piano e a temperatura ambiente.. mezzora prima dell'inoculazione lo sciogli in acqua a 25° in una tazza precedentemente sanitizzata..

4. dopo aver inoculato il ievito nel mosto che avrai portato a 22°, invece avresti dovuto ossigenare molto bene il mosto, mescolandolo energicamente per almeno 5 minuti..l'ossigeno per il lievito è importante, perchè serve per replicarsi.. forse la fermentazione lenta è stata causata dalla carenza di ossigeno dopo l'inoculazione..

 

per quanto riguarda la sanitizzazione, i più esperti sconsigliano l'uso del metabisolfito perchè non è un sanitificante vero e proprio.. consigliano prodotti specifici come Chemipro Oxi, Oxi San ecc.. non richiedono risciacqui e essendo a base di ossigeno attivo hanno un alto potere sanitizzante..

 

mi risevo che i più esperti confermino ciò che ho detto, perchè ti ripeto, anche io sono alle prime armi.. ho risposto solo perchè capisco quanto faccia tranquillizzare ricevere risposte che possono aiutare a chiarire dubbi..

Edited by AlexG83
Link to comment
Share on other sites

La misurazione della densità' e' importante ma non deve essere una paranoia.

si misura all'inizio e si misura prima di imbottigliare, tutte le altre misurazioni sono inutili.

Se misuri la densità' dopo 10 giorni hai due opzioni:

1) hai raggiunto la FG ma dovrai comunque fare il travaso e aspettare altri 7 giorni.

2) Non hai raggiunto la FG ma dovrai comunque fare il travaso e aspettare altri 7 giorni.

 

Con il kit se tutto e' stato fatto come da manuale, la OG e' obbligata e la FG e' la conseguenza naturale se tutto e' stato fatto a modo.

Link to comment
Share on other sites

La misurazione della densità' e' importante ma non deve essere una paranoia.

si misura all'inizio e si misura prima di imbottigliare, tutte le altre misurazioni sono inutili.

Se misuri la densità' dopo 10 giorni hai due opzioni:

1) hai raggiunto la FG ma dovrai comunque fare il travaso e aspettare altri 7 giorni.

2) Non hai raggiunto la FG ma dovrai comunque fare il travaso e aspettare altri 7 giorni.

 

Con il kit se tutto e' stato fatto come da manuale, la OG e' obbligata e la FG e' la conseguenza naturale se tutto e' stato fatto a modo.

 

Ciao,

quindi praticamente, se ho capito giusto, in ogni caso non bisogna mai tenere il mosto nel primo fermentatore per più di 10 giorni?

Nelle istruzioni del kit che ho i 7 giorni dopo il travaso non sono menzionati. Nel senso che viene riportato di attendere fino alla densità di 1.008-1.003 dopodiché travasare e imbottigliare.

 

Secondo te, avendo lasciato due settimane il mosto a fermentare, c'è qualche speranza che ne risulti comunque qualcosa di bevibile oppure sarà tutto da buttare?

Link to comment
Share on other sites

Certo che sara bevibile!

Poi riguardo l'estratto ci sono varie scuole di pensiero, c'è addirittura chi lo mette a freddo nel fermentatore, io ad esempio aspetto il che bolla e poi spengo tutto e raffreddo, ma anche versarlo in acqua calda a 80-90 gradi è sufficiente a sterilizzarlo

Link to comment
Share on other sites

E' una questione di buon senso, se non fai travasi imbottigli una birra piu' torbida che avrà' sul fondo delle bottiglie un deposito più' importante, quando andrai a berla i primi bicchieri saranno comunque abbastanza limpidi, mentre gli ultimi saranno più' torbidi e con un sapore diverso.

Diviso non vuol dire meno buono, ovviamente sentirai di più' l'amaro dei luppoli e il retrogusto del lievito.

Se hai fatto una Weiss torbida' e sapore di lievito hanno una logica, se hai fatto una Pilsner il discorso cambia.

 

I travasi si fanno per "ripulire" la birra, l'ultima Pilsner della cooper che ho fatto con il KIT l'ho travasata dopo 7 giorni, dopo 5 giorni l'ho portata a circa 2 gradi per altri 4 giorni e ho imbottigliato dopo altri 4 giorni.

Era talmente limpida che quando ho messo la paletta nel fermentatore per mescolare lo zucchero del priming, riuscivo a scorgere il fondo.

Link to comment
Share on other sites

salve a tutti scusate l'intromissione ho una domanda da porvi

finita la fermentazione e dopo controllato se era pronta per l'imbottigliamento (cosa che puo' essere fatta) ho aggiunto lo zucchero nel fermentatore e quindi ho agitato ,tale cosa ha fatto rimuovere il lievito depositato rendendo la birra opaca.

La mia domanda e la seguente:ritornata chiara la birra devo riaggiungere lo zucchero perche' ormai ha esaurito una parte della del suo compito o posso travasarlo nelle bottiglie?

grazie

Link to comment
Share on other sites

da ciò che ho capito io, avresti dovuto fare uno sciroppo bollendo dell'acqua (circa 250 ml) con lo zucchero (circa 5/6 grammi per litro di mosto, ma dipende dallo stile di birra che hai fatto).. poi far raffeddare lo sciroppo immergendolo a bagno maria in acqua ghiacciata, fino a farlo arrivare alla stessa temperatura del mosto.. fatto questo, puoi versare lo sciroppo nel mosto e mescolarlo delicatamente evitando più possibile l'ossigenazione.. ogni quattro bottiglie riempite, una delicata mescolata del mosto..

 

tutto questo vale se hai fatto i regolari travasi, cioè il primo dopo 7 giorni, poi il secondo dopo altri 7 giorni, alla fine di questi 14 giorni misurazione della FG e se rimane costante per i successivi due giorni, ultimo travaso e aggiunta dello sciroppo prima dell'imbottigliamento secondo la procedura che ho descritto su..

Link to comment
Share on other sites

In realtà il secondo travaso và fatto al momento di imbottigliare, poi si aggiunge "lo sciroppo"

David se hai messo lo zucchero direttamente nel fermentatore senza bollirlo ed hai ossigenato... rischi ossdazione ed infezioni...

Se hai imbottigliato subito dopo,rischi di avere bottiglie sgasate ed altre "esplosive"

Se non hai imbottigliato, adesso hai alzato la densità e devi aspettare che il lievito fermenti questo zucchero extra, monitora la densità, quando scenderà su valori stabili, fai la procedura come ho scritto sopra ed imbottiglia

Edited by Nightbrewer
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share