Neo Birrao: Neodubbi, Neobirra E Neoconsigli


Recommended Posts

ciao a tutti, data la mia crescenta passione per la birra, ho deciso di buttarmi nel mondo dell'homebrewing (come altri campi gastronomici) comprando la strumentazione.

sto leggendo svariate discussioni da giorni, e questi sono gli ultimi dubbi che mi rimangono prima di iniziare la prima cotta.

 

1- camera di fermentazione: sono profondamente indeciso sull'acquisto di una brewbelt o la costruzione di un piccolo sistema riscaldante. il fermentatore lo posiziono all'interno di un armadietto abbastanza isolato in una stanza sui 17°, la brewbelt è economica e semplice, ma non mi permetterebbe di mantenere in temperatura le bottiglie in fase di carbonazione, mentre il sistema (con delle strisce da terraio) credo sia un po' meno efficiente ( non è a contatto col fermentatore) ma tiene in caldo tutto l'armadio... cosa mi consigliate?

 

2- sempre in tema di fermentazion e travasi: leggo spesso che alcuni fanno o consigliano un ulteriore travaso durante la fermentazione (7-10 giorni in uno, altri 5 giorni in un altro fermentatore, poi travaso priming e imbottigliamento). nella ricetta all grain della open baladin addirittura consigliano di tenere il fermentatore a 4 gradi per alcuni giorni prima di imbottigliare. ma non capisco come questo possa giovare alla birra: eliminando parte dei lieviti e ossigenando la cotta durante il travaso non si creano solo danni? se la fermentazione è già terminata dopo i primi 7-10 giorni, riparte di nuovo?

e in ultimo: per questioni pratiche di spazio, il fermentatore si trova in basso e devo spostarlo per imbottigliare o fare travasi, non credo sia un grosso problema evitando di squoterlo esageratamente, chiedo conferme.

 

3- per iniziare credo proprio sia meglio cominciare con i kit di malto amaricato e ne ho tre insieme all'attrezzatura. però leggendo noto che è opinione comune il fatto che questi siano abbastanza mediocri e di poco corpo, eventualmente sostituendo lo zucchero con il malto e provando un'aromatizzazione con dry hop, la situazione migliora un po'?

In particolare pensavo di lavorare in questo senso su un kit draught (che mi pare voglia dire tutto e niente), quindi vi chiedo consigli su quale luppolo usare e se eventualmente potrebbe starci una leggera nota di arancia (adoro gli agrumi :-P )

pensavo come luppolo l'amarillo, mentre per la scorza non saprei se procedere sempre con dry hopping (si può con le spezie?) o fare infuso con uno dei tre litri d'acqua calda in cui poi stemperare il malto amaricato.

 

4- sempre in ottica di miglioramento del gusto, avrebbe senso sostituire lo zucchero del priming con altri zuccheri come il miele? più o meno in che dosi si equivalgono?

 

attendo fiducioso nonostante la mole di domande :)

e buona birra a tutti!

Link to post
Share on other sites

aggiornamento per quanto riguarda l'utilizzo del miele: leggo sul sito di bertinotti che il suo utilizzo è consigliato a fine bollitura o in prima fermentazione.

credo proprio che opterò per l'opzione 10% in fermentazione in quanto posso sfruttarne gli aromi bilanciando il dolce con il luppolato dato dal dry hopping (ditemi se sbaglio)
più che altrodevo capire bene 10% su cosa (tot materiali fermentabili): sul totale del malto/zucchero iniziale o devo contare altro?

Link to post
Share on other sites

Ciao!!!
Rispondo ai punti che so

punto 2) Se travasi bene (non facendo splashare) hai un'ossigenazione minima, e così facendo elimini i fondi (che contengono lieviti morti e depositi) evitando così di ritrovarteli nella birra finita, la fermentazione comunque riparte una volta che aggiungi altro zucchero perchè i lieviti vivi sono ancora in sospensione
punto 3) il problema qui è che rimescoli i fondi, devi stare molto attento e non fare scatti mentre lo sposti e comunque un po' di rimescolamento ce l'hai lo stesso

Punto 3,5) si, sostituendo lo zucchero con il malto aumenti il corpo. L'amarillo è molto apprezzato per le sue doti aromatiche, te prova e se non ti piace cambierai ;)
Punto 4) Mi sa che sia il 10% di materiale fermentabile da aggiungere.
Se posso darti il mio modesto parere inizierei a fare esperimenti (dry hopping, miele ecc...) dalla seconda birra in poi, di solito con le prime si commettono vari errori che portano ad infezioni ed altri problemi che abbassano la qualità della birra. Poi vedi te, se ti senti sicuro puoi già iniziare dalla prima. Buona birra!

Link to post
Share on other sites

Ciao col miele devi stare molto attento inquanto costituito da zuccheri complessi non del tutto utlizzabili dal lievito. Per questo motivo il miele andra' ad incidere molto sul sapore della birra quindi usane un tipo (quercia acacia millefiori) che ti sembra idoneo per lo stile della tua birra. Consiglierei un massimo dell'8%.

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...