cencione

Dry Hop Alcolico

Recommended Posts

E' da tanto tempo che ci pensavo,ma non mi ero mai deciso a sperimentare il Dry Hop Alcolico...ho deciso di destinare una parte dei circa 30 litri dell'ultima cotta,per fare questo esperimento.

Ho utilizzato circa 15 grammi di luppolo in pellet della varietà Bravo,che ho inserito in un barattolino insieme a circa 20-25 cl di alcool etilico alimentare a 95°.http://imageshack.com/a/img836/7985/qy8t.jpg

Sono già 2-3 giorni che è in infusione e aprendo il barattolo arriva un aroma di luppolo molto forte.

Credo di inserirlo domani quando dovrò fare il prima travaso,magari prima cercherò di filtrarlo per avere meno residuo di luppolo...

Se qualcuno ha già provato e vuol darmi pareri/consigli si faccia pure avanti....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hai considerato che con 2-3 giorni si estrae anche la maggior parte dell'amaro? Poi credo che 15 gr. in estrazione alcolica per tutto quel tempo siano già abbastanza per una cotta di 30 lt., pertanto se lo inserisci tutto solo in una parte della birra sicuramente sarebbe eccessiva. Se si ricerca solo l'aroma basterebbero solo poche ore, 3-4, con il luppolo appena coperto dall'alcool ed il quantitativo potrebbe anche andare bene, ma anche qualcosa di più, per l'intera cotta.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

caro Yuri concludi l'esperimento e facci sapere i risultati.

non credo che possiamo darti consigli in memerito.

L'esperimento mi interessa moltissimo

Ciao

Domenico

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dipende dallo scopo che vuoi ottenere, mi spiego : il dry hopping si fa'come tutti sanno per aggiungere piu'aroma senza alterare l'amaro. Certo mettendo in infusione il luppolo dopo la prima fermentazione si corre il pericolo di infezione inquanto il luppolo non viene certo inpacchettato con metodi sterili. Su un sito australiano vendono bustine di 12 g. di diverse varieta' di luppoli per il suddetto scopo. Un sacchetto va'messo in un barattolo con acqua bollente per c.a 10 min. (pastorizzazione senza alterare l'amaro) dopodiche'si mette nel fermentatore. L'infusione nel'alcol e' necessaria se questo infuso si vuole conservare a lungo. ( io ce l'ho sempre a disposizione nel frigo ). Bisogna calcolare il fattore amaro altrimenti cambia la ricetta originale. Ciao.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sto cercando come sempre di sperimentare e provare nuove tecniche,chi mi conosce sa che sono curioso come una scimmia...in questo caso sto cercando un metodo che mi permette di avere un aroma più netto e di maggior durata nel tempo all'interno della birra...dovrò sicuramente fare molti tentativi prima di trovare la strada giusta,andando in qualche caso incontro a possibili fallimenti...per quanto riguarda l'estrazione di amaro non credo sia molto evidente se per farlo serve la T non vedo come possa estrarre a freddo,sicuramente c'è il rischio di estrarre tanti sapori indesiderati contenuti all'interno del luppolo,penso all'erbaceo alla clorofilla e a tante altre sostanze che sicuramente non conosco..per la quantità io sono partito da 15 grammi di Bravo considerando poi che voglio recuperare solo la parte in sospensione lasciando il fondo nel contenitore,magari usandolo in bollitura nella prossima cotta,quindi penso che alla fine immetterò in 10 litro una parte alcolica di circa 5ml...vedremo oggi credo di travasare e quindi mi butto...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho capito...Pinco non so però quanto sia potente questa estrazione ,non mi posso basare su alcun riferimento però credo si possa parlare di alcune unità di Ibu,nel mio caso partendo da un valore relativamente basso circa 30 ibu penso che non andrò oltre le 35-40 Ibu che sono sempre moderate...

Comunque mi avete fatto riflettere e quindi rimando il travaso a domani inserendo una nuova variabile,ho del luppolo Summit in pellets che destinerò ad un ulteriore esperimento,in un altro vasetto inserirò 1-2 ore prima del travaso circa 5-10 gr di luppolo in 15-20 ml di alcool,così dovrei estrarre solo aroma e avere anche meno estrazione di aromi indesiderati....

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

non so se l'hai gia' fatto ,ma qui era stato postata la procedura di preparazione di dry hop alcoolico da Fabelot...prova a cercarlo e vedi se ti puo' essere utile ( io ho preparato dello styrian golding, ma non l'ho ancora usato )

Share this post


Link to post
Share on other sites

Purtroppo Squonk non riesco a trovare il post che mi hai indicato...comunque ho fatto il travaso e ho diviso la birra in 3 fermentatori da circa 10 litri cad. nel primo c'è la birra solo travasata, nel secondo c'è la birra con il dry hop con luppolo Bravo in infusione in alcool per 5-6 gg di cui ho recuperato solo la parte liquida in superficie tramite una siringa, nel terzo c'è la birra a cui ho aggiunto il dry hop con Summit in infusione alcolica per 5 ore circa qui ho deciso di aggiungere tutto il contenuto del vasetto anche il luppolo.

Ho provato ad assaggiare la birra al naturale sembra venuta veramente bene, la parte alcolica con Bravo è tosta si sente tutto l'alcool,sembra avere un amaro deciso seppur mantenendo un buon aroma e sapore, quella con Summit non saprei al momento giudicare l'assaggio è stato l'ultimo e quindi può essere falsato....vedremo più avanti ma sicuramente per la parte che è stata in infusione per5-6 gg credo che dovrò avere più pazienza in modo che possa ammorbidire con l'andare della maturazione.....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ci sarebbe anche un altro metodo di estrazione delle resine in corrente di vapore. E' una tecnica per l'estrazione di essenze oleose anche se in parte isomerizza gli a-acidi per via della temperatura. non altera il grado alcolico della birra. Mi ero ripromesso di provare ma alla fine non l'ho mai fatto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho fatto una "cappellata" colossale.... :angry: preso dalla fase di imbottigliamento abbastanza incasinata visto i 3 fermentatori separati,per il priming ho preparato in un pentolino 20 gr di zucchero di canna e acqua destinati ai circa 10 litri da inserire nel fusto,in un altro pentolino ho preparato 80 gr di zucchero di canna e acqua per i restanti 20 litri....

dov'è la cappellata??l'ho fatta quando ho inserito tutto il composto con gli 80 gr nel fermentatore dove ho fatto il travaso non dividendola a sua volta per poter separare il priming nei restanti 2 fermentatori.....alla fine così ho dovuto unire le due birre fermentate separatamente con DHEA di 5gg e con DHEA di 5 ore per non rischiare una sovracarbonazione,considerando anche il fatto che ho imbottigliato quasi esclusivamente in bottiglie da 1,5 e 2 litri,quindi il rischio sarebbe stato ancora maggiore....

a questo punto devo sperare che il risultato finale sia ottimo,visto che spesso capita che dagli errori escono risultati eccezionali!!

Ho avuto modo comunque di assaggiare una piccola parte dei 3 distinti risultati e devo dire che da quello neutro senza Dh mi aspettavo più presenza visto che avevo inserito una buona quantità di luppolo a fine bollitura,vedremo con la maturazione...gli altri due direi che si equivalgono con il DHEA a 5 gg che pensavo fosse troppo carico ed invece è morbido e profumato,l'ultimo DHEA a 5 ore mi è sembrato ottimo profumato e un pò più pungente dell'altro....ma ca..arola non potrò riconsiderarli separatamente in maturazione...tocca riprovacci!! :wub:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...