2 Cotte Pilsner Insoddisfacenti


andymobile
 Share

Recommended Posts

salve

 

vorrei descrivere il mio ennesimo problema con una cotta di Pilsner

Stesso gusto burrosmedicina metallico sia al sapore che all'odore .

La prima pensavo di aver sbagliato dosi sia per il mash sia per lo sparge, ma per questa seconda assolutamente no.

Questo gustaccio è venuto dopo la 1à settimana di fermentazione a 12° costanti.

L' Og iniziale èra di 1050 come da ricetta come quella intermedia dopo 7GG a 1020.

Adesso stò facendo il diacetyl rest a 15°.

Presumo che un 'analogia che può esserci con la cotta precedente è quella che non ho avuto voglia di fare ne starter ne attivazione del lievito

ma l'ho immesso direttamente nel mosto come facevo per i Kit luppolati e non avevo mai avuto problemi.

Non vorrei che il ritardo della partenza della lenta fermentazione (che c'è stato) abbia provocato qualche problema.

Ho qualche speranza di recuperare un gusto piacevole ?? potrebbe essere il diacetile che poi viene riassorbito ??

In quella precedente si è attenuato dopo 2 mesi di bottiglia ma quel retrogusto è rimasto.

grazie anticipatemente per chi esprime il proprio parere

 

Link to comment
Share on other sites

ciao, la fermentis consiglia l's 23 per lo stile dortmunder e il w 34/70 per tutte le altre basse, io lo preferisco, poi comunque c'è gente anche in questo forum che usa l's 23 nelle basse con ottimi risultati.

io ti posso dire (dall'utilizzo che ne ho fatto che magari dipende da come si birrifca, dall'acqua, dal mash....ecc... ) che produce abbastanza diacetile e ha più variabili mentre il w 34/70 mi sembra più costante, comunque dà un gusto un pelo più maltato.

 

 

la riduzione del diacetile i primi tempi non l'ho mai fatta ed è andata bene, ma le variabili incontrollabili ( non siamo industrie) sono diverse e può capitare che ne resti molto nella birra finita anche se " la volta precedente non c'era".

 

se il lievito ha lavorato sotto stress magari farà fatica a ridurre il diacetile, per questo ti dico di reidratarlo sempre mezzora prima e inocularlo a 18° ( circa) con mosto ben ossigenato, quando è partito lo porti a 10/12° e vedrai che lavora bene.

 

Ridurre il diacetile in bottiglia io ho provato ma è stato inutile, la birra finisce prima, inoltre la mia maturava a 12°, probabilmente per ridurlo in bottiglia deve maturare a 20°.... io comunque ho detto: . la bevo subito e non ci penso più....

 

Magari provane una ogni tanto e vedi se migliora....

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Come dice giustamente ingarret per avere una buona partenza comviene reidratare il lievito mezzora prima, ( se volete reidratazioni ancora più decise vi consiglio di prelevare un pelo di mosto che sta bollendo raffreddarlo e reidratarlo con quello e vedrete come parte, io in birrificio faccio così) e poi consiglio di inoculare il lievito ad una temperatura più alta, 17-18 gradi vanno bene e poi abbassare lentamente portandolo a temperatura di fermenrazione. poi quando vedete che siete quasi a fine fermentazione lasciatelo salire a 15-16 greadi per 3-4gg in modo che riduca bene tutto il diacetile. poi travaso e giù a lagherizzare per 30-40gg a 2-3°C e vedrete che pils che vengono fuori!

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Io sto bevendo proprio in questi giorni una hell fermentata con 2 bustine di S-23. Devo dire che il lievito è neutro, non riscontro difetti.

Il Dyacetil Rest dovresti farlo quando la birra è ancora del fermentatore, più o meno dopo il primo travaso porti a circa 16°C e lasci per 3 giorni..

Condivido in pieno quello che ha detto Zakk che mi ha anticipato mentre stavo scrivendo.. ;)

Link to comment
Share on other sites

la prossima è sempre la migliore :P

SIEEE..... :D l ho detto anche con quella precedente.

Cmq son dell 'idea che 4/5 cotte vanno sacrificate prima di fare qualcosa di veramente eccellente,

Devo dire che avendone fatte 4 spero di aver pagato il giusto dazio :-)

Le prime 2 ho sbagliato la quantità di acqua per il mash e lo sparge però non avevo avuto il problema del lievito , anche perchè le temp° della stagione erano diverse,

per quest altre c'è stato la storia del lievito ......

la 5 dovrà essere una BOMBA :ph34r: STò PENSANDO AD UNA EXTRABITTER .... speriamo che non scoppi :D

Link to comment
Share on other sites

poi travaso e giù a lagherizzare per 30-40gg a 2-3°C e vedrete che pils che vengono fuori!

 

Chiaramente ti riferisci ad una lagherizzazione in fermentatore.

Come viene facendolo direttamente in bottiglia? Nel senso, sicuramente scenderà tutto sul fondo, ma poi una volta aperta sarà così consistente da dare fastidio versando la birra?

Link to comment
Share on other sites

Lagherizzazione sempre in fermentatore, in bottiglia non se ne parla per quanto mi riguarda, soprattutto le basse fermentazioni hanno bisogno di maturare a freddo tutta assieme, bisogna capire che la maturazione in fermentatore di tutto il mosto è più rapida che singolarmente in bottiglia, quindi lagherizzare in fermentatore anche per 40-50gg per le basse fermentazioni e poi tranquilli in bottiglia... ovviamente le temperature cambiano un po' se si porta a freddo una alta o una bassa ferm, io le basse ferm le porto a 2°C mentre le alte solo a 4-5°C e per molto meno tempo (10-12gg soltanto) ma si tirano fuori birre limpide fino all'ultimo millilitro e che quindi nel bicchiere siano super brillanti, infatti tanti mi hanno chiesto varie volte se avessi filtrato le mie birre... la mia risposta era che dopo quasi 90 cotte all-grain l'esperienza ha portato a questi risultati...

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Lagherizzazione sempre in fermentatore, in bottiglia non se ne parla per quanto mi riguarda, soprattutto le basse fermentazioni hanno bisogno di maturare a freddo tutta assieme, bisogna capire che la maturazione in fermentatore di tutto il mosto è più rapida che singolarmente in bottiglia, quindi lagherizzare in fermentatore anche per 40-50gg per le basse fermentazioni e poi tranquilli in bottiglia... ovviamente le temperature cambiano un po' se si porta a freddo una alta o una bassa ferm, io le basse ferm le porto a 2°C mentre le alte solo a 4-5°C e per molto meno tempo (10-12gg soltanto) ma si tirano fuori birre limpide fino all'ultimo millilitro e che quindi nel bicchiere siano super brillanti, infatti tanti mi hanno chiesto varie volte se avessi filtrato le mie birre... la mia risposta era che dopo quasi 90 cotte all-grain l'esperienza ha portato a questi risultati...

 

Prima di lagherizzare travasi o abbassi semplicemente la temperatura e lasci nel secondo fermentatore?

Link to comment
Share on other sites

Lagherizzazione sempre in fermentatore, in bottiglia non se ne parla per quanto mi riguarda, soprattutto le basse fermentazioni hanno bisogno di maturare a freddo tutta assieme, bisogna capire che la maturazione in fermentatore di tutto il mosto è più rapida che singolarmente in bottiglia, quindi lagherizzare in fermentatore anche per 40-50gg per le basse fermentazioni e poi tranquilli in bottiglia... ovviamente le temperature cambiano un po' se si porta a freddo una alta o una bassa ferm, io le basse ferm le porto a 2°C mentre le alte solo a 4-5°C e per molto meno tempo (10-12gg soltanto) ma si tirano fuori birre limpide fino all'ultimo millilitro e che quindi nel bicchiere siano super brillanti, infatti tanti mi hanno chiesto varie volte se avessi filtrato le mie birre... la mia risposta era che dopo quasi 90 cotte all-grain l'esperienza ha portato a questi risultati...

Ciao, io sono di quelli che lagherizzano in bottiglia, non fosse altro che per non occupare un fermentatore, ma anche per comodità....dimensioni del frigo ecc...

 

Che deve maturare a freddo tutta insieme perchè la maturazione è più rapida ok, o c'è qualche altra ragione ?

 

Ho sempre sentito da chi lagherizza nel tino che poi va aggiunto comunque lievito, quindi la limpidezza assoluta come può esserci ?

 

Io prima di imbottigliare porto la birra in frigo 2 gg poi priming e lagherizzazione, vengono limpide abbastanza, ma un pelo di fondo c'è sempre, non è tanto per il fondo, è che l'ultimo sorso sa di lievito...

Link to comment
Share on other sites

Io lagherizzo nel fermentatore, e il lievito non è mai stato necessario riaggiungerlo, certo che per la carbonazione i tempi sono molto più lunghi..

Comunque il velo di lievito sul fondo della bottiglia non lo toglie nessuno, sennò come può essere rifermentata in bottiglia??

proverò a lagherizzare nel fermentatore senza aggiunta di lievito...

 

per il velo di lievito io mi riferivo a Zakk, che ha birre limpide " fino all'ultimo millimetro"....sarebbe il massimo... ( artigianale non filtrata e senza fondo)....ma mi chiedo come sia possibile.....

Link to comment
Share on other sites

Con lieviti che compattano molto il velo tende a rimanere attaccato sul fondo, quindi si mescola meno alla birra, ma il fondo di lieviti c'è sempre.. anche se lagherizzi 3 mesi e ripulisci totalmente la birra con il priming alimenti nuovamente le cellule di lievito rimaste che ricominciano la loro (anche se breve) moltiplicazione..

Altra cosa importante è come viene servita la birra, in meno volte si versa e più limpida sarà ovviamente..

Link to comment
Share on other sites

Io uso da sempre l's-23 perchè prima il W34/70 non c'era e con lo starter la fermentazione fila via liscia in 3 giorni/1settimana quindi come. Come sempre quindi ti consiglio uno starter adeguato che risolverà tanti problemi di puzzette e fermentazioni eterne. In alternativa metti 2 bustine e fai contenta la fermentis che così ci guadagna il doppio per darti un risultato identico :)

Edited by Blem
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share