Recommended Posts

premesso che sono inesperto,

chiedo cosa si ottiene se si saltano alcuni passaggi, e cioe'

usando i metodi tradizionali, ovvero appena germogliato l'orzo , anziche asciugarlo e macinarlo

si procede immediatamente all'ammostatura con quantita' appropriate

e poi si porta alla fermentazione ecc. ecc.

Quale birra si ottiene?

 

Link to post
Share on other sites

bene!

ma come si puo' portare in essiccazione l'orzo a casa non avendo le attrezzatuere dei birrrai?

L'orzo lo puoi essiccare in forno. Tempi e step però non te li so dire perchè non ho mai valutato neanche lontanamente di autoprodurmi il malto principalmente per tre motivi: spazio, impegno e soprattutto per il fatto che il risultato è approssimativo. Alcuni HB lo hanno fatto (ad esempio per prodursi il malto brown), se cerchi in rete sicuramente trovi qualcosa. Si tratta di far cuocere l'orzo germogliato in forno per diverse ore a diverse temperature. Buona ricerca

Link to post
Share on other sites

Mi sento di darti un consiglio...visto che come hai detto sei inesperto,parti facendo le cose più semplici possibili senza fretta e quando ritieni di avere abbastanza esperienza inizia a sperimentare,avrai risultati migliori riuscendo a sprecare meno tempo e denaro...!!

Link to post
Share on other sites

Grazie per i suggerimenti ma vorrei aggiungere le esperienze fatte a seguito dei risultati della birra acquistata con i preparati. Bene, eseguito alla lettera le istruzioni delle confezioni la birra e'risultata ok (era una legher e una pilsener), ma non riuscii a capire la birra e il suo fascino.

Dopo aver letto tante esperienze su internet ho pensato di sperimentare la procedura dell'orzo germogliato,

asciugato al sole perche non superasse i 50c' ,

tostato una piccola parte ,

macinato in quantita giusta con aggiunta di riso grano,

bollitura a fasi a temperature indicate,

Il caso e l'entusiasmo mi porto a ricercare il luppolo che, finora a mia insaputa nemmeno sapessi che

esistesse dalle nostre parti, bene, che ci crediate o no, era ottobre e ne trovai tantissimi nei boschi dove batte poco il sole.

Completai cosi l'esperienza di usare solo prodotti locali ad eccezione del lievito.

Filtrai il mosto, fermentazione ed imbottigliamento come da normali istruzioni da birra in kit

Volete sapere il risultato? Colore paglierino torbido, schiuma forte persistente, gusto buono, retrogusto

sgradevole, troppo amaro per non dire eccessivo, a sovrastare gli altri aromi.

Penso di aver fatto il salto piu lungo della gamba, ma vorrei correggere gli errori. Il malto forse ne e' una

prova cosi il luppolo. Il malto puo essere migliorato, forse, mi chiedevo se dalla germinazione si poteva passare direttamente alla bollitura, ma vedo che molti lo sconsigliano. Per il luppolo ne ho comperato diversi

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...