Raffreddamento Veloce: Essenziale O Mito Da Sfatare?


Recommended Posts

I motivi principali sono essenzialmente due:

 

- disinfettare con il mosto bollente il fermentatore

- poter eseguire il raffreddamento come detto prima visto che la pentola non entra nel bidone blu con l'acqua di raffreddamento

Cioè fammi capire, tu travasi 20-30 litri di mosto bollenti velocemente nel fermentatore senza splashare (e senza scottature)?

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

no, precisiamo che il mio è un progetto, devo ancora trovare il fusto in inox come dico io.

 

ad ogni modo, travasare velocemente è abbastanza facile, basta applicare alla pentola un rubinetto di quelli che si usano per gli impianti di mungitura dei bovini (diciamo un tubo da 50 - 70mm) che arrivi dalla pentola al fondo del fermentatore. (certo è un altra vita rispetto ad un rubinetto da mezzo pollice :D

 

 

con scottature a cosa ti riferisci?

Link to post
Share on other sites

Blem, dall'alto della tua esperienza, leggi le mi ultime due discussioni "birresident evil l'infezione dilaga" e soprattutto "infezione....amore mio" ed aiutami a risolvere il mio problema.

 

non ho mai avuto infezioni in anni ed ora le mie cotte sono imbevibili oltre che degli sprechi immensi.

 

si la procedura serve a evitare infezioni derivanti dal fermentatore visto che ho leto in rete di uno che non se ne liberava nemmeno con la candeggina...

 

 

 

scottature? per il mosto e le pentole? no per fortuna o per necessità col mio lavoro spesso ho girato le fonderie di ghisa e acciaio....li si che fa caldo, 100°C in confronto sono aria fresca

Edited by L'uomoluppolo
Link to post
Share on other sites

Ah, chi lavora in fonderia non si scotta se mette la mano nell'acqua bollente...non lo sapevo :)

Io in genere non parlo dall'alto della mia esperienza, se posso dare dei consigli li do, sempre senza la pretesa di avere la ragioone dalla mia parte. Qui si parlava di raffreddare velocemente o meno il mosto, ho detto la mia opinione in relazione all'oggetto, non come soluzione ad una infezione dilagante.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

no no, tranquillo se lavori in fonderia non ti cambiano il DNA sostituendo il carbonio con l'amianto :D :D ti scotti comunque anche con 99°C è solo l'abitudine di avere a che fare con cose molto calde che ti fa sembrare il maneggiare pentole calde come una cosa abbastanza normale.......è come chiedere al barbiere se quando si rade trova il rasoio scomodo tutto qui.

 

 

non volevo uscire dal seminato, volevo solo spiegare perchè vorrei mettere il mosto bollente nel fermentatore in modo diretto cercandone di evitare l'ossidazione ed eliminando il discorso serpentina (di cui mi fido ma fino a un certo punto).

 

se potessi mettere la pentola direttamente nel mezzo bidone pieno d'acqua lo farei, ma quella è più larga, mentre invece utilizzando un fusto in inox a tenuta tipo quello dell'olio o quello del vino il problema non si avrebbe.

 

 

purtroppo, come vedrai nelle mie discussioni, alle quali spero vorrai prendere parte per cercare di trovare una soluzione, le infezioni (se sono quelle) mi stanno rovinando la vita...

Link to post
Share on other sites

Non si è parlato del dms, fino a una certa temperatura viene prodotto, se sta al chiuso rimane nella birra perché non evapora, un po se ne va con la fermentazione tumultuosa con la cO2, se fai una lager no-chill c'è più il rischio che lo si senta, anche se io sono un undertaster e non me ne accorgerei....anch'io ho provato a inoculare il giorno dopo, ma la prima parte del raffreddanento, almeno,fino a 45/50° andrebbe fatta velocemente, per i coaguli di proteine se fosse vero che basta eliminare la fondazza dal fermentatore nessuno avrebbe chill haze, evidentemente il coagulo a qualcosa serve, tutte cose magari di poca importanza, ma nell ottica di migliorarsi sempre magari andrebbero considerate

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

non credo che nella mia ipotesi in cui chiudo il fermentatore con il contenuto bellente non fatto splashare durante il travaso e lo immergo in un bidone di acqua fredda il raffreddamento sia poi tanto più lento di quello che si avrebbe con una serpentina.

 

inoltre il discorso dms si ha in principal modo durante la bollitura, che farei senza coperchio oltre al fatto che, il vapore sarebbe libero di andarsene durante tutto il processo di travaso pentola-fermentatore...

 

è un fattore da considerare senza dubbioad ogni modo una volta chiuso il fermentatore il calore sanitizzerebbe tutto in 10 minuti circa dopo di che il coperchio può essere rimosso anche parzialmente per evitare l'accumulo di dms

Link to post
Share on other sites

non credo che nella mia ipotesi in cui chiudo il fermentatore con il contenuto bellente non fatto splashare durante il travaso e lo immergo in un bidone di acqua fredda il raffreddamento sia poi tanto più lento di quello che si avrebbe con una serpentina.

 

inoltre il discorso dms si ha in principal modo durante la bollitura, che farei senza coperchio oltre al fatto che, il vapore sarebbe libero di andarsene durante tutto il processo di travaso pentola-fermentatore...

 

è un fattore da considerare senza dubbioad ogni modo una volta chiuso il fermentatore il calore sanitizzerebbe tutto in 10 minuti circa dopo di che il coperchio può essere rimosso anche parzialmente per evitare l'accumulo di dms

ma il tuo obiettivo è convincerci ad utilizzare il tuo brevetto del mosto bollente nel fermentatore? :lol: :lol: Fai prima a metterlo in pratica e raccontarci com'è andata, io non lo farò mai... :D

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Ehm... leggendo tutti i post precedenti adesso mi vergogno a dire cosa ho combinato io nelle ultime 3 cotte (ancora in fermentazione primaria e secondaria). Ma penso un bel pasticcio!

 

Dopo la bollitura, ho versato nel fermentatore il mosto a circa 90° C e subito versato acqua gelata per raffreddare il tutto.
Cosa succederà o potrebbe succedere?

P.S.
Una cotta fatta così qualche mese fa non mi ha dato problemi. Una Blonde Ale Beer alquanto piacevole.

Link to post
Share on other sites

Ehm... leggendo tutti i post precedenti adesso mi vergogno a dire cosa ho combinato io nelle ultime 3 cotte (ancora in fermentazione primaria e secondaria). Ma penso un bel pasticcio!

 

Dopo la bollitura, ho versato nel fermentatore il mosto a circa 90° C e subito versato acqua gelata per raffreddare il tutto.

Cosa succederà o potrebbe succedere?

 

P.S.

Una cotta fatta così qualche mese fa non mi ha dato problemi. Una Blonde Ale Beer alquanto piacevole.

 

 

Mi accorgo adesso che ho postato nella sezione All Grain, scusate. Io sono ancora inesperto e uso i malti preparati. Ma la domanda vale lo stesso :D

Link to post
Share on other sites

Ehm... leggendo tutti i post precedenti adesso mi vergogno a dire cosa ho combinato io nelle ultime 3 cotte (ancora in fermentazione primaria e secondaria). Ma penso un bel pasticcio!

 

Dopo la bollitura, ho versato nel fermentatore il mosto a circa 90° C e subito versato acqua gelata per raffreddare il tutto.

Cosa succederà o potrebbe succedere?

 

P.S.

Una cotta fatta così qualche mese fa non mi ha dato problemi. Una Blonde Ale Beer alquanto piacevole.

 

E' un'operazione usuale per abbattere la temperatura. La cosa importante è che il lievito venga inoculato alla giuusta T

Link to post
Share on other sites

Con il malto luppolato, fin che sei nei 23 litri va benussimo...discorso diverso x il metodo all grain, chr andrebbe ad abbattere la densita finale...annaquandola...ed il risultato nn sarebbe soddisfacente...nn da buttare ma insoddisfacente

Link to post
Share on other sites

no :D :D il mio obbiettivo non è convincere ne convertire nessuno tranquillo ;)

 

è un pò che ho il pallino di sanificare tutto a mille gradi perchè le mie ultime cotte mi davano problemi e cercando un modo per sanificare il fermentatore il pensiero è stato "perchè non usare il calore del mosto bollente?"

e da li ci ho costruito intorno un'idea....e ho colto l'occasione di questa discussione per esporvela....il mio scopo (se così posso definirlo) era quello di trovare qualcuno che con le sue obiezioni originate da un punto di vista differente dal mio, mi aiutasse a trovare possibili problemi o lati sconvenienti di questa idea.

 

sto cercando un fusto inox da circa 30 litri per poter mettere in pratica questa idea, se funziona proverò a rivenderla, ma mi rendo conto che richiede component che possono non essere alla portata di tutti anche solo per la loro inusualità

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...