Come Rovinare Cotta Perfetta Con Una Cavolata Banale.


saverius
 Share

Recommended Posts

Domenica era giorno di cotta (Brown Ale), la prima dell'anno, la ventesima circa in assoluto. Nonostante la tensione latente che mi attanagliava prima di dar gas ai fornelli, anche per il timore di aver un po' perso la mano, la cotta è stata "tecnicamente" perfetta (perdonatemi la presunzione). Macinazione veloce di 6,5 kg di malto, mash senza alcun problema con le pale motorizzate che hanno funzionato alla perfezione, filtraggio ottimo in 45 min., bollitura vigorosa e parametri come da ricetta. Risultato: efficienza dell'80%, OG 1.050.

Vado dunque a raffreddare il mosto (passaggio debole delle mie cotte perché, nonostante nel tempo mi sia costruito un impiantino dignitoso, il raffreddamento lo faccio ancora con vasca in acqua corrente perché non ancora non mi convince lo scambiatore). Comunque, dopo un'ora arrivo alla T. che mi ero prefissato per l'inoculo (19°) e procedo a versare nel fermentatore. Per la prima volta adotto il sistema dello splash (fino ad ora versavo con tubo e l'aerazione del mosto la facevo con vigoroso mescolamento al momento dell'inoculo del lievito). Poi, come ho sempre fatto senza alcun problema, inoculo il lievito secco (S-04), direttamente nel fermentatore, senza reidratare, mescolo ben bene, chiudo e, soddisfatto e fiero come un mastro birraio, mi faccio un bel panino con prosciutto che consumo sul divano con una buona Dubbel dello corso anno.

E qui inizia l'incubo. La sera la ferm. non era partita: poco male. La mattina dopo neanche: vabbè, mi son detto, sarà un po' pigra, quindi procedo con una shakerata del fermentatore e lo sposto vicino al radiatore. La sera sempre tutto fermo. Apro per vedere se si fosse formata schiuma: calma piatta. Allora mi allarmo e mi viene in mente che forse il lievito, che avevo conservato dallo scorso anno senza particolari precauzioni, poteva essere scaduto o scadente; quindi prendo un'altra busta di S-04 e reidrato. Il problema, anzi, la cavolata di cui nel titolo, è che per reidratare ho scaldato un pentolino di acqua senza far bollire, ma semplicemente portando la T a 25-30° e inculando il lievito e ho versato nel fermentatore, con ulteriore vigorosa mescolata. Risultato: stamani ho trovato il fermentatore che "galleggiava" in un mare di birra mista a schiuma che per tutta la notte era fuoriuscita come una fontana dal gorgogliatore. L'infezione ha fatto un ottimo lavoro e stasera butto via una trentina di litri di Brown Ale!

Link to comment
Share on other sites

Ciao,

intanto volevo dirti che sono molto più inesperta di te, e probabilmente ti sto facendo una domanda stupida: hai assaggiato il contenuto del fermentatore prima di buttare tutto?

Poi non capisco una cosa, perchè non ti convince lo scambiatore? Dalla mia, se pur poca, esperienza (5 cotte) ti posso dire che funziona benissimo (la sua funzione di raffreddamento la svolge bene).

Link to comment
Share on other sites

Ciao,

intanto volevo dirti che sono molto più inesperta di te, e probabilmente ti sto facendo una domanda stupida: hai assaggiato il contenuto del fermentatore prima di buttare tutto?

Poi non capisco una cosa, perchè non ti convince lo scambiatore? Dalla mia, se pur poca, esperienza (5 cotte) ti posso dire che funziona benissimo (la sua funzione di raffreddamento la svolge bene).

Ho assaggiato stamani ed era un po' cattivina. Non so se quel "cattivina" dipenda dal fatto che alle 08,00 di mattina io gradisco solo il cappuccino ppure dal fatto che dopo due giorni di fermentazione non esiste birra che non sia cattivina o se, invece, dipenda proprio dal fatto che la mia creazione ha preso una bella infezione, cosa che peraltro considera più probabile proprio in virtù della inondazione notturna. Fatto sta che non ho voglia di spendere altro tempo ed energie per travasare, ritravasare, ritravasare ancora, fare priming, imbottigliare e poi far maturare un'infezione liquida...

In quanto allo scambiatore, le mie perplessità sono legate alla sua pulizia, oltre al fatto che se dovessi fare due passaggi per portare il mosto temperatura dovrei modificare l'impianto, attrezzarmi con pompe etc. Magari su questi aspetti mi puoi dare qualche consiglio.

Link to comment
Share on other sites

il problema dubito che è infezione ma che hai buttato due bustine di lievito secco.. bastava fare uno starter con estratto e risolvevi il tutto, la fermentazione ti parte quasi subito a me è successo con l's05 che sputava fuori risolvi con una gomma dentro una bacinella con acqua. cosa che con lieviti liquidi non mi è mai successa

Link to comment
Share on other sites

Fossi in te aspetterei che finisca almeno la fermentazione, prima di buttare tutto. Finita la fermentazione prova ad assaggiare, senti subito se c'e; qualcosa che non va.

 

Per lo scambiatore: pulirlo e' semplice, quando hai finito fai passare dell'acqua dove e'; passato il mosto, poi lo soffi con un compressore, rimane come nuovo. Per portare la temperatura del mosto a 20/22gradi faccio sempre un solo passaggio con lo scambiatore (e ho solo un 12 piastre), senza l'utilizzo di pompe.

Link to comment
Share on other sites

1 perché non utilizzi una serpentina di rame?? in 20' raffredi ed è molto piu comodo della vasca

 

2 non buttare, sei matto!! io ho sempre risciacquato i fermentatori e le bottiglie con acqua del rubinetto, dopo averli sanificati. Non è così facile prendere un infezione fidati...dopo 2 giorni non puo avere un gran sapore, aspetta almeno la fine della fermentazione

Link to comment
Share on other sites

il fatto che butti schiuma dal gorgogliatore significa che la fermentazione è partita a razzo, ma non è sintomo di infezione... fermenta, imbottiglia, e tra un paio di mesi assaggia... a buttare via c'è sempre tempo...

 

Quoto in pieno anche a me capita che la birra esca dal gorgogliatore ma è perchè la fermentazione è più vigorosa del solito e ho 25 lt nel fermentatore da 32 quindi con poco spazio per la schiuma!!!

Link to comment
Share on other sites

Allora ok, non ho buttato niente.... vedremo. Mi chiedo però se tutta quella birra fuoriuscita, libera di perlustrare la stanza e di sciacquettare sul fermentatore per una notte intera, vessando il povero gorgogliatore che eruttava birra come un vulcano attivo, non abbia fatto danni.

p.s.: oggi cerco uno scambiatore tosto, magari ispezionabile. Se non riesco a trovarlo ripiegherò sul 12 piastre che propone Birramia.

Se a qualcuno interessa lo terrò aggiornato sugli sviluppi di questa strana cotta.

Link to comment
Share on other sites

Ciao, anch'io come te non ho altri metodi di raffreddamento e pensavo di mettere la pentola (33 litri) nel lavabo di casa con acqua ghiacciata o corrente. Però una domanda mi sorge: come hai fatto a raffreddare il mosto (suppongo 23 litri) SOLO in un'ora? E la pentola era senza coperchio? Io, quando faccio birre col kit in scatola e metto a bollire solo i canonici 3-4 litri di mosto, ci metto una mezz'ora buona per raffreddare con acqua ghiacciata, e sempre senza coperchio. Illuminami!

Link to comment
Share on other sites

Ma perché la serpentina no? èeconomica e facile da fare...

Con la serpentina ho l'impressione che butterei troppa acqua (cosa che faccio anche con il sistema che ho usato fino ad oggi).

 

Ciao, anch'io come te non ho altri metodi di raffreddamento e pensavo di mettere la pentola (33 litri) nel lavabo di casa con acqua ghiacciata o corrente. Però una domanda mi sorge: come hai fatto a raffreddare il mosto (suppongo 23 litri) SOLO in un'ora? E la pentola era senza coperchio? Io, quando faccio birre col kit in scatola e metto a bollire solo i canonici 3-4 litri di mosto, ci metto una mezz'ora buona per raffreddare con acqua ghiacciata, e sempre senza coperchio. Illuminami!

Io ho una grossa vasca in giardino che riempio con acqua fresca della sistola (in inverno è molto fresca), ci infilo dentro il pentolone con coperchio aperto fino a 60°, sotto i sessanta tengo chiuso-semichiuso. Ricambio l'acqua continuamente, in questo modo in un'oretta arrivo a 24-25°.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Io ho una grossa vasca in giardino che riempio con acqua fresca della sistola (in inverno è molto fresca), ci infilo dentro il pentolone con coperchio aperto fino a 60°, sotto i sessanta tengo chiuso-semichiuso. Ricambio l'acqua continuamente, in questo modo in un'oretta arrivo a 24-25°.

 

Ottima cosa quella del ricambio! Ci proverò...grazie della dritta ;)

Link to comment
Share on other sites

io faccio direttamente nella vasca del bagno :) con un asciugamano sotto x non rovinarla, ricambio d'acqua e mescolo spesso...cotta da 25,5 litri raffreddata in 40 minuti....ahahaha lo so che non è una sfida , serpentina e scambiatore son migliori sopratutto perchè con molti ricambi alla vasca(specialmente io) il consumo d'acqua risulta eccessivo...

Link to comment
Share on other sites

Bene, è doveroso un ringraziamento a coloro che mi hanno consigliato di non buttare niente, visto che stamani ho travasato e mi pare che il paziente stia molto bene. Sapore buono e fg a due punti dalla meta. Penso che sià giusto adottare ogni accorgimento possibile per prevenire le infezioni, ma che non sia così facile prenderle.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share