apre ufficialmente birrificio trami


Guest stefanobs

Recommended Posts

  • Replies 54
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Guest stefanobs

per chi può interessare:

 

Sabato 18 e domenica 19 PORTE APERTE c/o BIRRIFICIO F.LLI TRAMI.

Presentazione e apertura al pubblico dalle 10:00 alle 18:00.

Si potrà visitare la fabbrica e scoprire come viene prodotta la birra artigianale, degustando le nostre birre abbinate a pietanze varie...

Vi aspettiamo numerosi a Capriano del Colle (Bs) in via Trento 140a loc. Fenili Belasi (strada Quinzanese).

Link to post
Share on other sites
  • 1 month later...
Guest stefanobs

a chi può interessare.....

 

Attenzione, attenzione, con oggi si inizia ad imbottigliare a grande richiesta, la gettonatissima - WEISS - Col de Serf -

Sarà disponibile da questa sera in bottiglia nei consueti formati da 0,50 l e 0,75 l e nei migliori locali sia in bottiglia che alla spina

Link to post
Share on other sites

sarebbe interessante capire tutto questa passione per un birrificio sconosciuto che ha appena aperto e di cui non ci sono ancora recensioni tali da motivare un entusiasmo così elevato

ultimamente nascono microbirrifici come funghi e nello stesso modo prevedo nel giro di due tre anni un notevole abbassamento della qualità della birra artigianale e chiusura di almeno un 30-40% di queste realtà per scarsa competitività sul mercato, per prodotti non all'altezza per qualità che si segnaleranno solo per i prezzi elevati che vengono dati ai fruitori e appassionati di tale bevanda

sul sito di mobi c'è un elenco di alcuni microbirrifici dove si puo' acquistare birra presso gli spacci aziendali

ebbene leggere che un litro di birra viene fatto pagare dai 13 ai 16 € lo trovo una cosa esagerata e senza nessun senso ....

a questo punto, di fronte a prodotti spesso non meritevoli di definirsi birre artigianali, per quei prezzi "da spaccio aziendale" mi compro una bella e buona bottiglia di prosecco doc o addirittura di pregiato CARTIZZE e almeno so cosa bevo ....

non so cosa ne pensate voi ma io sto guardando con disgusto l'evolversi della situazione che trovo esilarante e pacchiana al tempo stesso

i prezzi di un prodotto a diffusione "popolare" sono quelli di un mercato di nicchia ed è controproducente

altresì posso comperare una Westmalle, una Westvleteren, una Duvel, una ORVAL tanto per fare qualche nome a prezzi intorno ai 6-7 euro al litro

e stiamo parlando di prodotti chhe hanno fatto la storia della birra nel mondo ed ho detto tutto

Link to post
Share on other sites
sarebbe interessante capire tutto questa passione per un birrificio sconosciuto che ha appena aperto e di cui non ci sono ancora recensioni tali da motivare un entusiasmo così elevato

ultimamente nascono microbirrifici come funghi e nello stesso modo prevedo nel giro di due tre anni un notevole abbassamento della qualità della birra artigianale e chiusura di almeno un 30-40% di queste realtà per scarsa competitività sul mercato, per prodotti non all'altezza per qualità che si segnaleranno solo per i prezzi elevati che vengono dati ai fruitori e appassionati di tale bevanda

sul sito di mobi c'è un elenco di alcuni microbirrifici dove si puo' acquistare birra presso gli spacci aziendali

ebbene leggere che un litro di birra viene fatto pagare dai 13 ai 16 € lo trovo una cosa esagerata e senza nessun senso ....

a questo punto, di fronte a prodotti spesso non meritevoli di definirsi birre artigianali, per quei prezzi "da spaccio aziendale" mi compro una bella e buona bottiglia di prosecco doc o addirittura di pregiato CARTIZZE e almeno so cosa bevo ....

non so cosa ne pensate voi ma io sto guardando con disgusto l'evolversi della situazione che trovo esilarante e pacchiana al tempo stesso

i prezzi di un prodotto a diffusione "popolare" sono quelli di un mercato di nicchia ed è controproducente

altresì posso comperare una Westmalle, una Westvleteren, una Duvel, una ORVAL tanto per fare qualche nome a prezzi intorno ai 6-7 euro al litro

e stiamo parlando di prodotti chhe hanno fatto la storia della birra nel mondo ed ho detto tutto

senza scendere nel diverbio io esprimo la mia opinione:

si, molti si buttano nel birrificio come fosse un modo per arrotondare o fanno il passo più lungo della gamba volendo giocare ai piccoli chimici.

 

altri però lo fanno per passione, nei ritagli di tempo, con già un lavoro e una famiglia, magari in società con un fratello o un amico, con cui coltivano questa passione da dieci anni. dal primo kit, dalla prima braumaster...

hanno investito tempo, denaro, conoscenze, frequentato corsi e consultato birrai.

ora hannno una propria opinione su come si fa una birra e ci credono a tal punto che rischiano in prima persona immettendo sul mercato i propri gusti.

 

che dire, chiaro, una parte chiuderà, una parte si ingrandirà.

e non sempre la birra cattiva chiude.

 

il coltello dalla parte del manico ce l'abbiamo noi che la compriamo.

torniamo sempre li, se abbiamo la conoscenza per riconoscere quelle buone ci aspetta un buon futuro, senza cultura birraia avremo solo birre cattive... e saremo costretti all'import delle solite.

Link to post
Share on other sites

ti riporto 2 opinioni di gestori di locali:

 

-la birra artigianale manca di equilibrio, o troopo forte o troppo amara o troppi contrasti. aggiungeva anche che poi questi birrifici hanno 5/6 tipi di birre ma solo una magari vale la pena tenere a listino.

 

-i clienti non hanno cultura birraria e quindi ci vedono mille difetti (fondo, torbidezza, troppa schiuma..).

 

aggiungo da parte mia che neanche certi gestori sono preparati per venderla, figurati ad istruire i clienti..

 

siamo sempre la, senza cultura dove vai?

più cose sai, più ti diverti.

 

il prezzo?

sono abituati a vendere la birretta e guadagnarci 8-10 euro al litro, chiaro che mettono la bottiglia da 0,75 a 12 euro.. anche se a loro costa 5/6 euro...

aggiungo che una bottiglia così costosa da solo non la prenderei mai, devo trovare un amico che ci stia a fare a metà e spesso i gusti non coincidono..

 

quella degli spacci aziendali mi sembra un allineamento... ragionano che se i gestori la vendono a così tanto perchè anche loro non dovrebbero?

questo è anche peggio, non pretendo di pagarla come un grossista, ma neanche come in un pub!

 

mio zio dice che i prodotti sono come le macchine, se le carichi troppo non vanno.

Link to post
Share on other sites

secondo il mio umile parere (non come birraio ma come imprenditore) il prezzo finale è dettato principalmente dai costi gestionali,tasse,piani di ammortamento,personale ecc.poi se il risultato finale non e il massimo certe spese ci sono ugualmente .ma questo credo che tutti lo sappiano.comunque almeno nella mia zona nei pub una buona birra (dà 33) si paga 5/6 €. Abbastanza in linea con i prezzi descritti.

Link to post
Share on other sites
sarebbe interessante capire tutto questa passione per un birrificio sconosciuto che ha appena aperto e di cui non ci sono ancora recensioni tali da motivare un entusiasmo così elevato

ultimamente nascono microbirrifici come funghi e nello stesso modo prevedo nel giro di due tre anni un notevole abbassamento della qualità della birra artigianale e chiusura di almeno un 30-40% di queste realtà per scarsa competitività sul mercato, per prodotti non all'altezza per qualità che si segnaleranno solo per i prezzi elevati che vengono dati ai fruitori e appassionati di tale bevanda

sul sito di mobi c'è un elenco di alcuni microbirrifici dove si puo' acquistare birra presso gli spacci aziendali

ebbene leggere che un litro di birra viene fatto pagare dai 13 ai 16 € lo trovo una cosa esagerata e senza nessun senso ....

a questo punto, di fronte a prodotti spesso non meritevoli di definirsi birre artigianali, per quei prezzi "da spaccio aziendale" mi compro una bella e buona bottiglia di prosecco doc o addirittura di pregiato CARTIZZE e almeno so cosa bevo ....

non so cosa ne pensate voi ma io sto guardando con disgusto l'evolversi della situazione che trovo esilarante e pacchiana al tempo stesso

i prezzi di un prodotto a diffusione "popolare" sono quelli di un mercato di nicchia ed è controproducente

altresì posso comperare una Westmalle, una Westvleteren, una Duvel, una ORVAL tanto per fare qualche nome a prezzi intorno ai 6-7 euro al litro

e stiamo parlando di prodotti chhe hanno fatto la storia della birra nel mondo ed ho detto tutto

 

Buonasera a tutti,

come al solito sono reo di "sparire" per tempi più o meno lunghi....dovete scusarmi e a mia difesa posso solo dire che negli ultimi 2 anni sono stato alle prese con un progetto piuttosto "complesso"...... :) che spero possa vedere la luce nel giro di qualche mese.......

 

Doc, credo tu abbia centrato la questione: prezzo e qualità, diffusione e coerenza......

 

La birra ha (mio modestissimo parere) un costo eccessivo per due (principali) motivi:

 

- limitata produzione (con conseguente sbilanciamento dei costi fissi)

 

- attività poco attenta alle dinamiche imprenditoriali

 

Ovunque è possibile verificare quali sono i "costi variabili" della produzione tanto che non si discostano in modo enorme dai costi di un HB.....di fatto non si riesce, a meno di fare birra con le "stelle alpine" ;) , a spendere più di un euro/litro (ed è ancora una esagerazione)......e allora?

 

come può, alla fine il prezzo, arrivare a decuplicare?...

 

Alcuni sono propensi ad attribuire il fenomeno all'avidità di certi birrai, ma io credo che non sia così, credo piuttosto che sia un fenomeno dovuto in gran parte dai vari "passaggi di mano" e dalla "novità"....hai citato il prosecco e ti faccio, quindi, un esempio "enologico"......ricordi, credo, circa 25 anni fà la "novità" del Galestro (vino bianco toscano molto fresco e beverino n.d.r.)....bene, quel vino era, a detta degli esperti, un vinello poco più che accettabile, eppure veniva venduto a prezzi da vino altamente qualificato.......

 

In definitiva quando si parla di prezzi di birre estere, si parla di birre prodotte da birrifici con impianti da almeno 50HL/cotta per i quali la distribuzione dei costi fissi è altamente al di sotto di alcuni birrifici nostrani....

 

Credo sia cmq molto complesso parlare di prezzo di produzione se non si conoscono tutte le variabili che concorrono a determinare i "costi aziendali".....

 

Io sono dell'avviso che produrre quantità non "condominiali" e fare della corretta (anche se semplice) gestione d'impresa, sia alla base di una strategia che possa contenere i prezzi senza compromettere la qualità (sempre considerando le stelle alpine)

 

Se un birrificio riuscisse ad "uscire" (ALMENO) con un prezzo di 2,50euro/litro in fusto e di 4,00euro/litro in bottiglia (0,50 o 0,75) e fosse in grado di limitare i "passaggi di mano" si potrebbe arrivare a dei prezzi che diano il giusto margine al publican e, sullo scaffale, siano un giusto compromesso tra una ottima birra industriale(o quasi) e le "storture" di eccessivi "ricarichi"......

 

Cheers,

 

Andrea

 

(the best is yet to come)

Link to post
Share on other sites

Condivido molte delle cose dette quì.

E' vero quello che dice doc, neanche io capisco tutto questo entusiasmo per un birrificio appena nato che fa una pils, una bock e una weiss.. mah :)

Neanche io comprerei mai una 75cl di una bock di un birrificio sconosciuto a 12€ (se poi sono questi i prezzi) a meno che non me la consiglia fortemente un amico di cui mi fido.

 

E' anche molto giusto quello che dice hb2pini, il passaggio di mano in mano moltiplica il prezzo di una birra. Su una 75cl da 12€ il birraio si meterà in tasca si e no 1€ pulito.

 

Comunque, tornando al discorso più interessante, che è il primo che ha sollevato doc, oggi in Italia nascono 3-4 microbirrifici ogni mese. Ne abbiamo il doppio del Belgio, ma sugli scaffali principali (che non sono quelli del pub del paesello del birrificio) se ne possono contare una 30ina differenti, ovvero meno del 10% (parlo di micro italiani). Gli altri o stanno fallendo, oppure campano di poco coi pubbetti in provincia.

Questa è già una selezione. Un'altra avverrà nel giro di poco tempo, quando quella 30ina di birrifici attualmente migliori, grazie ad una distribuzione sempre più capillare, andranno a sostituire le bock di Belluno (per fare un esempio X) anche nel pubbetto di Belluno.

A quel punto decine e decine di micro italiani di poco valore (e ce ne sono una MAREA) chiuderanno.

 

Questo periodo è un pò come la prima fase del Big Bang, ovvero di esplosione - espanzione, ne seguirà una brevissima di stallo e una successiva di implosione, più lenta, che limiterà il numero di galassie (birrifici) in un numero stabile ancora indeterminato.

Link to post
Share on other sites

il prezzo non era riferito a questo birrificio ma se leggi bene all'elenco presente su mobi, sono riportati i prezzi delle birre acquistate presso gli spacci aziendali

la discussione poi , come ha fatto notare frizz, nasce dal facile entusiasmo di un nuovo micro che apre butta fuori le sue birre e si grida al miracolo

mai sentita mai bevuta prima di osannarla assaggiamola e di sicuro su 10 persone il giudizio sarà per ognuno differente

poi il prezzo di una birra è davvero esagerato

manca la cultura del birrificio che la distribuisce, del grossista che la porta al pub ma soprattutto del gestore del locale che ti propone una bionda gradevole e beverina (???)

oppure una doppio malto corposa (???) oppure la novità del momento senza neanche sapere cosa ti sta proponendo

insomma vai al pub toast e birra da mezzo spesso sono 10 euro ridendo e scherzando ...... insomma un priveè di nicchia per pochi eletti ma in molti a spendere e a bere perchè è artigianale

poi delusi dalla birra, che è torbida, non eccezionale, dal costo eccessivo la volta successiva ripiega su una birra di prezzo minore che gli permette di berne due al prezzo della precedente che costava troppo

tanto per fare un esempio una birra da 33 ml alla spina costa dai 3 ai 3,5€ al mediamente e il costo è subito fatto al litro .... ma parliamo di birre estere

la stessa in bottiglia si puo' spendere dai 5 ai 6 euro, sempre da 33 ml

l'ultima volta a roma , delusione delle delusioni, mi sono voluto regalare la real ale ..... sono andato a trastevere ... birra deludente ahimè putroppo ... un pinta ( meno di mezzo litro ) l'ho pagata 5 € se non ricordo male .... e ne sono uscito con l'amaro in bocca ma non della birra bevuta ... ma dal disgusto di una serie di cose che mi avevano dato molto molto fastidio

ogi poi il cliente non viene coccolato, tanto se io non torno più al mio posto ne andranno altri dieci e la giostra continua ... e così via

se non migliorerà la qualità e scenderanno i prezzi la vedo dura nei prossimi anni e al boom di questi ultimi periodi assisteremo a una grande crisi che oltre a fare selezione ci riporterà indietro di decenni nel settore

non puo' uscire da un micro una bottiglia a 4,50 - 5,00 € + iva

è pura follia !!!!

mediate gente , meditate gente

Link to post
Share on other sites

Doc la tua analisi non fa una grinza ,ma credo che si deve fare una differenza tra birre anche artigianali comprati in un negozio o spaccio aziendali con quelli consumati in una birreria o bar ,una 0,4 di qualsiasi birra industriale in un bar minimo 4,50 dunque e ben piu di 10 ero al lt magari una buona artigianale sempre al bar 12 euro lt ci può stare ,e se lo vedo in un negozio se costa piu di 3 euro mezzo lt. già mi sembra troppo ,Un bar ha anche dei costi non in differenti ,e non vedo perché una artigianale fatto bene non può costare almeno quanto una birra industriale,

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...