Crissso

Utente Registrato
  • Content Count

    3
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0 Neutral

About Crissso

  • Rank
    Neo Birraio
  1. Purtroppo dopo quasi 3 settimane a 16 gradi la birra risulta solo leggermente effervescente e senza schiuma. All'assaggio (è certo una birra acerba che deve maturare) sembra di percepire ancora una lievissima parte dolce iniziale che, avendo fatto mash a 65 gradi per 75 minuti, mi auguro siano zuccheri ancora fermentabili e quindi possano farmi guadagnare un pelino di CO2. Ora presumo non abbia più senso mantenere i 16 gradi così passerò a 2 per un paio di mesi nella speranza che qualcosa succeda. Ho pensato anche di provare ad aggiungere mezzo misurino di zucchero ad un paio di bottiglie (avendo cura di santificare bene l'attrezzatura e stappare e ritappare in un nanosecondo) lasciarle a 20 gradi 2 settimane e testarne la carbonazione. A quel punto potrei decidere di ripetere l'operazione per qualche bottiglia in più se, nel frattempo, la birra in lagerizzazione non mi abbia dato segni di miglioramento da questo punto di vista. Perché può guadagnare ancora qualcosa, vero? Magari il processo dura di più proprio perché non è stato aggiunto zucchero? Boh.. Sono meno ottimista della volta scorsa cmq a riguardo poiché temo di aver portato troppi pochi zuccheri in bottiglia per avere una carbonazione decente. È comunque una lezione che non devo perdere, l'errore principale è stato quello di tentare una via troppo rischiosa con strumenti inadatti e poca esperienza. Grazie e un saluto
  2. Si, diacetyl rest fatto. Poi ho letto che ogni punto di densità residuo equivale a 0,65 volumi di CO2 e avendone già 1,10 venutisi a creare durante la fermentazione con 2 punti dovrei arrivare a 2,4 e dovrei esserci. Per conoscere FG (1009) ho fatto fermentare un campione di mosto a temperature più alte e quindi più velocemente. A 1011 ho quindi imbottigliato.
  3. Buongiorno Homebrewers, qualcuno ha mai provato ad assaggiare il mosto dopo appena tre giorni di bottiglia? Siccome per la prima volta ho provato a non aggiungere zucchero in priming ad una Pilsner affidandomi ai 2/3 punti che mi mancavano alla densità finale per la carbonazione, sono un pò paranoico così dopo appena 3 giorni a 12 gradi (nella mia testa vorrei fare 2 settimane a 12 e poi due mesi a 2 gradi prima di goderne) ho stappato una bottiglia test per capire come va e vedere se è il caso di alzare un pò la temperatura. Il risultato è un mosto molto dolce, niente schiuma e una minima di carbonazione è presente. Qualcuno ha mai provato? È normale? Mi conviene alzare a 15 gradi per qualche giorno? Il lievito è un secco Saflager 34/70 e la bustina riporta una temperatura ideale di fermentazione tra i 12 e i 15 gradi. Grazie a chi vorrà rispondermi. Cris