Dani

Utente Registrato
  • Content Count

    298
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    8

Everything posted by Dani

  1. Salve, non puoi imbottigliare se non è finita la fermentazione. Punto. La fine della fermentazione è garantita dal giusto livello di densità finale e/o Quando questa è la più bassa e costante per almeno 3/4 giorni. È evidente, però, che la fermentazione non è finita ( te lo dice il gorgoglio) quindi aspetta: Praticamente è come se vedi una lampadina accendere e ti chiedi se manca la corrente. Se non puoi misurare la densità Aspetta che finisca il borbottio, aspetta ancora 4 giorni, imbottiglia e tieni le dita incrociate.
  2. Assolutamente no, nel senso che non cambia nulla. Un congelatore è una macchina stupida: un compressore comprime un gas che,espandendosi, sottrae calore: in altre parole raffredda. Il termostato ha il compito di regolare la temperatura spegnendo il compressore appena il sistema raggiunge la temperatura prefissata. In altre parole o che usi il termostato integrato o che ne usi uno esterno la solfa non cambia. La differenza è che puoi impostare temperature più alte (meno fredde) e consone al tuo scopo. Io ti consiglio di scollegare il termostato originale ( sono 2 fili) e collegare l’altro. In alternativa puoi mettere al minimo di temperatura (più freddo possibile) quello originale e regolare l’altro alla temperatura voluta. Scusami se sono stato prolisso, ma quando spiego una cosa mi piace farlo bene.
  3. Ciao Pietrogramma, anche io vivo a Palermo e la temperatura non ci aiuta certo. I lieviti consigliati da Morrison non li conosco, provali e facci sapere Per andare sul sicuro ti consiglio una camera di fermentazione che puoi autocostruire (qui sul forum trovi parecchi consigli) o usare un frigorifero vecchio con un termostato specifico. Non dire subito no.......prima o poi cadrai anche tu in questa scelta. Se hai bisogno fà un fischio e che la birra sia con te. Pr:31-6
  4. Scusa ma x congelatore cosa intendi? Il pozzetto congelatore? Se si allora puoi usarlo, ma devi usare un termostato diverso dal suo (esattamente come la tua idea). Questi congelatori sono fatti per arrivare a diversi gradi sotto lo zero, ma interponendo un termostato puoi rendere più miti le temperature
  5. Ha ragione Davidrovora, se lo starter parte .....parte , è dopo che bisogna regolare la temperatura.
  6. Infatti serve x questo (altrimenti perché ne esistono così diversi), ma ha pure proprietà battericida.
  7. Che la birra sia con te. Pr-31:6
  8. Guarda che non stiamo parlando di uranio, non temere!!!!! Vendono delle macchinette che creano il sottovuoto( In molti supermercati li trovi a 20€), poi li metti in frigo e nessuna reazione nucleare si scatena Che la birra sia con te Pr-31:6
  9. Con il raddoppio funziona, infatti tempo fa con un amico raddoppiammo le dosi x una weiss e l’esperimento funzionò. Penso che possa funzionare anche col dimezzare le dosi, perché no!!!
  10. Prendi una pentola grande, ci metti 3/4 litri d’acqua è la fai bollire. Metti a bagnomaria il malto in un’altra pentola per favorirne lo scioglimento. Versa il contenuto recuperando quello che rimane (con un mestolo metti acqua calda all’interno). Non fare mai bollire il malto, mescola e spegni il gas. Dopo 3/4 minuti versa Il beermalt e mescola ancora. Raffredda più che puoi (io uso dei panetti di acqua congelata che butto direttamente in pentola). Nel fermentatore metti un paio di litri d’acqua freddissima e svuotaci dentro il contenuto della pentola. Aggiungi acqua sino ad arrivare a 23 litri.Tieni d’occhio il termometro e fà in modo di avere 19/20 gradi. Appena ci sei inocula il lievito. Spargilo e aspetta 3/4 minuti, dopodiché mescola 30” da un lato e dall’altro.
  11. Per la sanificazione usa la candeggina non profumata (4ml/L) e la tieni a contatto per almeno 7/10 minuti. Io risciacquo con acqua e oxisan ( per portarsi via un po’ di odore di cloro) eppoi risciacquo con acqua imbottigliata. Penso sia tutto
  12. Affermativo !!!!! Dopo aver quasi fatto bollire il malto aggiungi il beermalt (diciamo che è la parte zuccherina che viene mangiata dal lievito). Affermativo!!!! Lo zucchero che metti prima d’imbottigliare serve per creare le bollicine ( fermentazione secondaria). Per la giusta quantità (e la modalità) di zucchero t’invito a leggere le discussioni già fatte e presenti in questo forum. Pr:31-6
  13. Non hai mai bevuto una weiss o una blanche? Sappi che questo è da codice penale e rischi la radiazione da questo forum!!! Scherzi a parte (ma mica tanto) weiss e blanche sono 2 stili di birra ( le mie preferite) fatte con malto di frumento (nella blanche non è maltato) che donano un colore bianco e un gusto unico. Sono birre beverine da mandare giù tutte d’un fiato. Il sapore che si sente è di bananoso , profumano di coriandolo e arancia amara. Consiglio: esiste tanto di scritto (che puoi trovare gratis in rete:) dagli una lettura, studia, sperimenta. Per il kit io comincerei così: - VENERE - MALTO LUPPOLATO PER BIRRA WEIZEN (WEISS) - BEERMALT® LIQUID WHEAT 1,2 KG IN BOTTIGLIA - MANGROVE JACK'S BAVARIAN WHEAT M20 - 10 G fermenta a 24 gradi facendo attenzione che la tumultuosa sarà esplosiva ( a me si è piegato il fermentatore). Se poi vuoi esagerare prepara 20g di coriandolo e 20 di arancia amara: li metti a bollire x 20’ e il contenuto ( filtrato) lo metti nel fermentatore. Studia bene le caratteristiche di ogni cosa che usi e che la birra sia con te. Pr-31:6
  14. Vero, ma non è fiele!!!! Questo stile è così, amara nel finale, ma buonissima. Vedrai che ti piacerà, eppoi bisogna provare.....no? E cmq se proprio non ti piace.......mandala a me
  15. Salve, se tra le tue preferite c’è la weiss o la blanche potrebbe essere un’idea. Viceversa, con quella temperatura (tendente al rialzo) è meglio lasciare stare. Se puoi costruisciti una camera di fermentazione ( un cubo di poliuretano) e raffredda con bottiglie s’acqua gelata o siberini. Certo non è il massimo, ma 5/6 gradi li abbatti.
  16. Esattamente. Al termine dei 10 giorni misuri densità e la rimisuri dopo altri 3/4. Se fai il travaso intermedio annota sempre la densità prima del travaso, che deve avvenire non meno di 7 giorni dopo l’inoculo del lievito. Comunque sia se hai bisogno fà un fischio Che la birra sia con te Pr-31:6
  17. No, io non ho detto questo, io dico che, in generale, la fermentazione non va considerata finita solo perché si raggiunge un numero ( sia esso 1010, 1012, 1008) : questo numero deve essere il più basso possibile e costante x almeno 3/4 giorni. Tutto qui
  18. La fermentazione deve finire e questo è un dato di fatto. Se non finisce nel fermentatore lo farà nella bottiglia che, essendo tappata, si rischia di spaccare le bottiglie!!!!!! Quando facciamo il priming normalmente aggiungiamo zucchero (x le bollicine) e ne aggiungiamo una quantità tale da permettere una blanda fermentazione, blanda perché quella primaria la consideriamo finita. Una birra con un’infezione si potrebbe anche bere, ma ciò provocherebbe una quaquarella non certo gradita, eppoi che gusto avrebbe la birra? Potrebbe sapere di aceto o chissà . Certo, mortale non è ma io aspetterei prima di fasciarmi la testa.
  19. ....e chi lo può dire, così come non si può dire che fosse muffa. Appena la berrai potrai giudicare. Per ritornare al discorso della fermentazione 1010 non indica fermentazione finita. devi avere pazienza e aspettare che si stabilizzi per 3/4 giorni al valore minimo ottenuto. Comunque sia..... speriamo bene. Facci sapere
  20. Spesso viene indicata. Comunque devi far presente che è il lievito che permette la fermentazione ed è a lui che devi adeguarti. Ogni lievito ha il suo range ottimale, e ciò viene indicato, tu cerca di stare al centro!!!!! Ad onor del vero va fatta un’altra considerazione: in certi stili gli esteri SONO permessi , anzi fondamentali e per tirarli fuori devi stare proprio al limite (se non superarlo). L’esperienza t’insegnerà quali sono questi stili. Facciamo un esempio:se vogliamo fare una weiss, sappiamo che il bananoso è uno stile cercato, ragione per cui facciamo lavorare il lievito al limita Max della sua temperatura. Pr-31:6
  21. Io faccio così: le sanifico con acqua e candeggina (4ml/L ) e le lascio scolare. Appena asciutte le risciacquo con oxisan per togliere l’odore del cloro e le lascio scolare almeno 10/15 min. Mai avuto problemi
  22. Ed ecco la mia ma, come ti hanno già consigliato, nell’apposita sezione trovi altro. Che la birra sia con te Pr-31:6
  23. Perché lo devono fare x formare un kit !!!!! Comunque stai ricadendo nello stesso errore: devi fare una birra adatta alla temperatura che hai!!!!!! Se non hai una camera di fermentazione, fatti una weiss, una blanche, una saison ecc ( naturalmente ammesso che ti piacciano) viceversa aspetta temperature più consone. Posso essere sincero e darti un consiglio? Io non uso mai quella marca: non mi piace e non credo sia di buona qualità. Evidentemente è un mio pensiero, poi fai come vuoi . Su birramia esistono anche altre marche ( mangrove, muntons , ecc) che secondo il mio modesto avviso, non perdono un colpo. Ricorda che anche x queste Marche vale lo stesso discorso: spendi 3€ in più e compri un lievito a parte. Che la birra sia con te Pr-31:6
  24. Buono il bisolfito.Io sanifico con candeggina mista all’acqua. Tengo a contatto per 10/15 minuti, faccio scolare eppoi uso okisan x detergere ( e si porta via un po’ di puzza candeggina) eppoi faccio scolare. Per la quantità di zucchero volendo puoi aumentare (ma senza esagerare) lo zucchero aggiungendolo al beermalt. Il lievito io l’ho sempre sparso sopra , aspettato 3/5 minuti eppoi mescolato per una trentina di secondi da un lato eppoi dall’altro. Vedi un po’ tu