Cristi4n

Utente Registrato
  • Content Count

    597
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    20

Everything posted by Cristi4n

  1. Anche io non li avevo mai sentiti, quale sarebbe il vantaggio/differenza rispetto ad un liquido?
  2. 1005 va bene imbottiglia subito. Per il priming come pensi di fare?
  3. Sono d'accordo, 1005 è una FG che ci può stare, dopo 35 giorni direi che quello che doveva dare ha dato.Da che OG sei partito? Che lievito era?
  4. Io prima lavastoviglie senza sapone, non uso già normalmente il brillantante, poi acqua e amuchina o candeggina, lascio a contatto 15/20 min. Risciacquo con acqua e poi via!
  5. No ma infatti l'ho definito "strano" ci sono bravi mastri e birrifici di qualità anche da noi, questo è chiaro anche se una rondine non fa primavera, ma ci sono cose e situazioni nel nostro movimento( non intendo hombrewers, ma birrifici x lavoro)che non riesco a mandar giù, non vorrei andare OT, ma sintetizzando molto: ricerca di un'identità inseguendo il vino con le IGA, i prezzi fuori mercato, mancanza di amore per la birra ma molto per i quattrini, artigianale=più buono, italiano=più buono... In ogni caso sono sempre pronto a cambiare idea, magari c'è solo necessità di fare selezione come dici tu e il tempo aiuterà. Anche all'estero ci sono fasi di decadimento culturale e di risalita,se gli inglesi hanno il CAMRA e se la Baviera ha fatto leggi stringenti sulla birra un motivo ci sarà...senza parlare poi di cose strane avvenute in Belgio negli anni addietro...
  6. No dai, dipende dove peschi, se vai in Germania il DH non sanno nemmeno cosa sia, cioè è molto molto raro, in Belgio la tradizione è sul malto e sulle spezie, dall'Inghilterra l'importazione è scarsa, ma le birre storiche ci sono tutte. Se parliamo di produttori italiani purtroppo è un movimento strano, che non apprezzo e ho rinunciato a conoscere
  7. Uno dei post più spassosi da quando sono iscritto al forum
  8. Da un metodo all'altro non cambia molto, far bollire protegge da eventuali infezioni relative alla materia prima che metti a fermentare. Se vogliamo trovare una differenza è che piú si fa bollire piú caramellizzano gli zuccheri che tendono a scurire la birra finita. Io coi kit faccio così, porto a bollore 6/7 litri di acqua, nel frattempo scaldo a bagnomaria l'estratto luppolato, raggiunto il bollore spengo, butto estratto luppolato e zucchero o altro fermentabile(di solito estratto secco) e poi con un mestolo prendo il mosto e ne metto un po' nel contenitore del kit per recuperare tutto. A questo punto metto la pentola nel lavello con acqua e ghiaccio per raffreddare il più velocemente. Da ultimo giro il contenuto nel fermentatore santificato e aggiungo acqua fredda o tiepida a seconda di cosa serva fino al livello desiderato, mescolo forte per ossigenate, lievito, bella mescolata ulteriore, tappo, gorgogliatore, ansia, attesa, bottiglia e via!
  9. Magari maturando si ammorbisce. Il DH è a mio parere un salvabirre, copre, smorza, aiuta la schiuma, in fondo è il vero segreto di molti birrifici anche di tendenza che fanno pessime birre, un paio di additivi, un sacco di pellet e via, extra DH per veri intenditori, vicina alla moda ed alle esigenze nazionalistiche. Io ho sempre sostenuto che i birrifici migliori sono quelli che fanno birre perfettamente in stlie, pulite, precise, pochi stili classici sempre in produzione con birre speciali a random, il mastri birrai top sanno dare il loro tocco, che non è il DH sempre ad ogni costo...
  10. Beh dipende dai kit, alcuni contengono lieviti specifici e di qualità, i kit birramia, brewferm, mangrove jack's Bisogna leggere e valutare caso per caso
  11. Scusa avevo capito che usavi i tappi meccanici
  12. Anche usare i tappi a macchinetta non è proprio il massimo. Né come igiene né come certezza di tenuta. Senza offesa questa birra a partire dalla ricetta dovrebbe stare su un manuale di cosa non fare, più maltrattata di così non si poteva. Detto ciò, e credimi non per offendere ma come pura considerazione, è anche un po' normale che sta birra abbia problemi, lo hanno alcune delle mie che sono state fatte su ricette pluricollaudate e vendute in kit e che non hanno dovuto subire quello che ha subito la tua. Io farei tesoro dell'esperienzae e poi lascerei a maturare senza toccare per 3/4 mesi, la maturazione a volte risolve da se, una volta feci una birra, anche buona che faceva zero schiuma, poi un bel giorno dopo mesi e mesi di riposo, oplà! Con sorpresa ... Schiuma! Nel mentre mi concentrerei su una nuova cotta magari passo passo, e prima di fare, chiarisci i tuoi dubbi qui, troverai sicuramente l'aiuto che ti serve
  13. Non ho detto questo. Se stai tra 18-20 la birra la fai ma sarebbe meglio poter controllare la temperatura. Parlando di spesa, io uso un frigo usato pagato 25€ e poi ho comprato 2 prese con sonda termostato, ad una ho collegato il frigo all'altra un cavo per terrario. È più difficile dirsi che farsi. Come spesa calcola un totale di 100€ anche meno, ma posso winterizzare e birrificare come e quando mi pare
  14. Puoi fare come vuoi, ci sono pro e contro. I travasi potrebbero aumentare il rischio ossidazione e infezione ma sicuramente riducono le impurità e su qualche libro si sostiene che allontanando le feccie di fermentazione migliori anche il gusto. Secondo me, al di là dei travasi, che come a avrai capito si possono fare o meno completando cmq la birra, il tuo problema n'1 da risolvere è il controllo della temperatura. È dal controllo della temperatura che potrai riuscire a fare la differenza tra un buon lavoro ed un pessimo lavoro, principalmente, oltre ad altri milioni di cose , ma con un kit luppolato penso che il 90% dei risultati scarsi venga da li
  15. Ho iniziato a guardarlo, adesso però non ho molto tempo, sembra un lavoro ben confezionato, lui chiama maturazione la fase non tumultuosa della fermentazione primaria, non ho mai sentito nessuno chiamarla così ma vabbè... Cmq il tipo Bombardier lavora per un'azienda concorrente di birramia. Lo guarderò con calma e poi casomai se mi convince sperimenteró su birre già fatte più volte per avere un paragone...non so che altro dire
  16. Questo proprio no. Ormai è fatta, la birra sarà più alcolica, potrebbe avere problemi do dchiuma e sbilanciata probabilmente...stop... La domanda è con og di 1092 chissà se il lievito ha una buona tolleranza all'alcool e chissà se porterà a termine, probabilmente, no.
  17. Si ma chi l'ha fatta la slide? Nel senso chi sono le fonti? In genere ho sempre letto di inoculare i secchi sui 22/24 e abbassare... In ogni caso il riquadro "maturazione" non mo torna con ciò che scrive accanto. La maturazione è una fase che avviene a fermentazione ultimata ed al fresco, li parla di fermentazione aumentando la temperatura...Premesso che c'è sempre da imparare, ma non è che siccome il primo che passa su YouTube fa un video allora tutto ciò che si dava per assodato fino a ieri non vale più. In ogni caso anche inoculando a temperatura di lavoro la fermentazione parte, se parliamo di ale, nel caso di lager avrei qualche dubbio sul fatto di portare a termine
  18. Ciao, le infezioni se si sanitizza correttamente con sufficiente diligenza sono assai rare, io starei tranquillo da quel punto di vista. I travasi non sono obbligatori, in generale coi fermentatori a fondo piatto sono consigliati per birre più limpide e pulite. Io personalmente, sarà sfortuna, quando non travaso ho difficoltà a raggiungere la giusta FG e spesso finisco per travasare cmq per cercare di rimettere in moto i lieviti, quindi sono giunto alla decisione di fare sempre il travaso e stop! In bocca al lupo per la tua prima cotta!
  19. Eh volentieri, quando si potrà e sperando non finisca prima il mondo :)))
  20. draught non lo chiamerei propriamente uno stile, più che altro una draugth beer sarebbe una birra alla spina, un po' rara nel mondo del home brewing. Nel mondo americano-australiano si intendono spesso con quel termine delle birre ligth alla spina...potremmo chiamarle "session lager" (questa la brevetto)
  21. Bella da vedere, ma sarebbe meglio assaggiare... In ogni caso io sono un talebano, e mi farei tatuare l'editto di purezza a tutta schiena, quindi sullo sperimentare di più... Beh...non so...devo dirti che peró la assaggerei volentieri perché da come l'hai descritta sembra buona
  22. Allora come birre secche gli stili che mi vengono in mente sono le saison, le bitter e le pils. Ora, le pils sono basse fermentazione e te le sconsiglio, salvo "barare" con lieviti ibridi tipo California lager, le altre 2 a 20 gradi la fermentazione ci sta, specie con i lieviti da kit che generalmente danno 18-22 come temperature di lavoro. Certo sto semplificando molto e varrebbe la pena approfondire con un po'di studio sulla fermentazione da parte tua. La cosa più importante è il controllo della temperatura, frigo, cavi scaldanti ecc. Una fermentazione a temperatura casuale o altalenante non è desiderabile. Lo stile saison se non lo conosci ti consiglio di testarlo con una birra comprata perché secco è secco, ma anche acidulo e speziato come stile, io ho appena fatto la saison di brewferm metà con Dry hops. Quella senza DH non mi esalta, troppo poco amara per me, quella con DH invece mi garba decisamente (2 gr litro di cascade, ma forse era meglio stare sui 3). I due kit che hai preso possono andare a 20 gradi con i lieviti dei kit, se però vogliamo risultati ottimali, la Gallia si potrebbe anche spingere a 22/24 verso fine fermentazione, mentre la pils cerca di lavorare a 18, anche se la cosa migliore sarebbe cambiare lievito, ma questo hai e quindi... PS: scusa se non ti ho risposto prima ma ero impegnato
  23. Ciao. I kit brewferm sono tra i migliori quindi puoi avere un buon risultato usando il lievito della confezione e lo zucchero da tavola. Questi 2 kit non lo ho mai fatti ma posso dirti che la Gallia non è secca e luppolata, la pils potrebbe ma in dotazione hai un lievito ale quindi non uscirà una pils. Ora se vuoi potresti cambiare quel lievito o cimentandosi in una bassa fermentazione, ma devi avere in frigo, oppure usando un lievito ibrido (tipo MJ54) Poi se vuoi puoi sostituire in tutto o in parte lo zucchero con estratto di malto, vedi tu, ma ti garantisco che questi kit vengono bene anche con lo zucchero...
  24. Si pensavo proprio al California lager, me ne hanno sempre parlato tutti bene, ad ogni modo basse non ne ho mai fatte personalmente, e se dovessi provare prenderei la via lunga di un vero lievito a bassa. Mi sconfifferava una dobbel bock oppure una Vienna... Due stili che personalmente adoro...sinceramente le hell tedesche con la vasta scelta al super al prezzo inferiore all'euro non ho mai ritenuto valerne la.pena, magari le pils che sono più rare d trovare...BAH vedremo, adesso ho la dispensa piena di lievito ALE. fai sapere come ti trovi con Mj54, dicono sia veramente simile
  25. Ma per sapore strano esattamente cosa intendi? Cmq i kit lager se non usi lievito a bassa, non ne ho mai sentito parlar bene, al limite con lieviti ibridi dicono che si ottengano buoni risultati