MarsMad

Utente Registrato
  • Content Count

    9
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

2 Neutral

About MarsMad

  • Rank
    Neo Birraio
  1. Questo zucchero ama la fermentazione! http://www.masarang.nl/en/what-we-do/sugar-palm-beer-the-role-of-sugar-palm.shtml "We already knew that the palm juice that drips from the cut of flower stems of the sugar palm starts fermenting almost immediately. When left by itself after just a few hours the alcohol concentration already reaches 5-6% and within 24 hours the concentration can get close to 10%!" Quando raccolgono questo zucchero devono bollirlo subito, se no: "10 gradi in 24 ore"! Altro che le nostre fermentazioni pigre, starter, brewbelt, carezze, incazzature :-) Devo provare a farci un gallone di birra "all sugar"
  2. Non mi fa più modificare il messaggio delle 20:54 Aggiornamento 2 - c'entra il percarbonato di sodio. Per il test ho preso due bottiglie, una nuova l'altra usata da birra commerciale e le ho spennellate con acqua e percarbonato su una strisca verticale, le ho lasciate asciugare bene e poi le ho immerse fino a metà in acqua e candeggina, già a occhio si vede che succede qualcosa di strano, tra qualche ora le tiro fuori e le esamino. Mi sa che serve l'opinione di un chimico per capire le reazioni, non vorrei si passasse da due sanificazioni a un veleno
  3. Aggiornamento: L'opacizzazione è solo uno strato di residuo che non si rimuove con detersivo per i piatti ma con un acido, la prima prova positiva l' ho fatta con l' aceto e la seconda con acido citrico puro in polvere. Appena ho tempo faccio ulteriori prove, ho ancora diverse bottiglie nuove di quel lotto, le metterò a bagno con la stessa candeggina insieme a bottiglie usate di birre commerciali per capirne di più.
  4. Ho probabilmente subito la mia prima infezione "in bottiglia" su un piccolo lotto sperimentale a causa di un travaso eseguito male. Trattandosi di soli tre litri ho buttato tutto svuotando le bottiglie nel WC. Ho sciaquato le bottiglie le ho poi messe in in un secchio d' acqua con mezzo bicchiere di candeggina, peccato che me le sono dimenticate per un giorno. Quando le ho tolte dalla broda sanificante mi sono accorto che anche dopo numerosi risciacqui e anche lavaggi con detersivo per piatti la suerficie del vetro non è più liscia, sembra opacizzata. La candeggina ha intaccato il vetro (pensavo che ci riuscisse solro l'acido fosforico) oppure le bottiglie erano trattate per farle diventare lucide? Sono solo 10 bottiglie da 0,33 e le butto a razzo, sono più preoccupato per l'ipotesi "vetro trattato", non erano bottiglie riutilizzate di birra comerciale ma acquistate nuove. Ho usato una cadeggina senza altri ingredienti se non l'ipoclorito di sodio, mi sono scaricato la scheda tecnica.
  5. Un paio di giorni fa nel negozio di prodotti bio dove acquisto il percarbonato puro ho trovato uno strano zucchero integrale bruno ma non il solito di canna. Sulla confezione c' è scritto Gulamerah, ma ho letto in rete che è da scrivere Gula Merah, ed è zucchero ricavato dal fiore della palma da cocco. Ne ho presa una confezione da 500g, il sapore è fantastico, molto più complesso dei migliori zuccheri di canna che avevo assaggiato. Devo capire come usarlo in birrificazione, questa la composizione in etichetta: Per 100g Carboidrati 86g, di cui: Saccarosio 63g Fruttosio 3g Glucosio 1g Altri polisaccaridi 19g Penso che di fermentabile ci siano 67g su 100 considerando che i polisaccaridi non vengono elaborati dal lievito. Magari inizierò con il priming di qualche bottiglia sperimentale. Ah, costa più della droga :-)
  6. Coperta pesante di corsa e se possibile anche una brewbelt. 10 gradi sono pochi anche per un lievito da bassa temperatura, Saflager dichiara per l' S-23 un intervallo da 9 a 22 gradi e dice che a 9 gradi se ne deve inoculare una dose tripla.
  7. So che l' argomento è stato trattato un milione di volte, vorrei portare la mia esperienza. Sono un homebrower da pochi giorni con alle spalle tre kit. Vorrei fare qualche prova in piccolo di E+G e non voglio/posso spendere (vedi mio post di presentazione "Neoiscritto - Homebrewing E Divorzio" 😁 ) e avendo in casa una macchina della pasta manuale economica ho provato a modificarla con una godronatura artigianale. Mi stavo preparando ad un lungo lavoro con il trapano quando nella cassetta del trapano ho notato questo utensile: https://www.dropbox.com/s/4kb3xv9qx61u1ha/IMG_20160214_173146-600x800.jpg?dl=0 In pratica è un raspa a cilindro con attacco trapano. In pochi minuti con la macchina della pasta messa in rotazione tramite trapano avvitatore a batteria e l'utensile su trapano classico ho inciso parecchio i cilindri della macchina, il risultato è questo: https://www.dropbox.com/s/scwhrru2dow8xc2/IMG_20160214_175034-800x600.jpg?dl=0 Ho provato a macinare del riso, con varie distanze tra i cilindri, il rendimento mi sembra molto buono. https://www.dropbox.com/s/31a3ynqzadxowzc/IMG_20160214_174811-800x600.jpg?dl=0 Domanda: il riso è un test adeguato o ha una durezza e un comportamento alla macinatura diverso dal malto?
  8. Grazie per i consigli. Intanto continuo a leggere e documentarmi.
  9. Titolo scherzoso ma non troppo Bevitore ignorante di birre e anche di "birre ignoranti", sono stato proiettato in questo magico mondo grazie al kit Birramia a due fermentatori ricevuto come regalo di Natale da mio figlio. Due kit in bottiglia e uno nel fermentatore. In programma corso di degustazione e poi magari di birrificazione AG. Problema: a mia moglie non piace la birra, unica parziale eccezione la 10 Luppoli Poretti (e qui parte il flame). Ovviamente non pretendo di clonare la 10 Luppoli ma vorrei capire come birrificare qualcosa che possa incontrare i suoi difficili gusti, giusto per contrastare l'ostilità nata con il nuovo hobby (e non ho ancora migrato a e+g o all grain) e il (potenziale) divorzio. Si accettano consigli, anche a rischio di stravolgere qualsiasi stile birrario conosciuto, da realizzare al massimo con e+g. Ah, ho anche un figlia di 19 anni che beve pochissima birra, target Poretti 7 luppoli. Perchè così tante Poretti in giro? Parzialmente originario della Valganna (quella che si vede in bianco e nero all' inizio di alcuni spot) prezzi buoni nei supermercati della valle e spaccio aziendale vicino (altro flame in arrivo). Ho visitato il birrificio lo scorso agosto, fantastici edifici stile liberty.