Antonio C

Utente Registrato
  • Numero messaggi

    590
  • Registrato

  • Ultima Visita

  • Days Won

    25

Contenuti inviati da Antonio C

  1. Dopo il confronto avuto con Morrison e Soia a Beerattraction pubblico i miei esperimenti di temperature fatti nella camera di fermentazione Chiunque abbia realizzato una camera di fermentazione si trova di fronte al dilemma di dove posizionare la sonda del nostro STC. le soluzioni più' gettonate sono quattro: Sonda dentro il fermentatore a misurare la t del mosto Sonda dentro la camera di fermentazione a misurare la t della camera di fermentazione Sonda dentro un contenitore contenente acqua dentro la camera di fermentazione (in genere una bottiglia) Sonda attaccata al fermentatore e isolata con polistirolo la terza e la quarta si escludono perche' sono talmente ridicole che non meritano nemmeno di essere trattata. Per quanto riguarda le altre due ho fatto un esperimento usando 23 litri di acqua dentro un fermentatore. in questo grafico la sonda e' stata messa dentro il fermentatore (termoregolazione del mosto) ed ho misurato la temperatura dell'acqua (T1) la temperatura della camera di fermentazione (T2) e la temperatura esterna (T3) STC settato a 20 gradi con differenza di 1 grado In questo secondo grafico la sonda e' stata messa dentro la camera di fermentazione (termoregolazione dell'aria interna) ed ho misurato la temperatura dell'acqua (T1) la temperatura della camera di fermentazione (T2) e la temperatura esterna (T3) STC settato a 20 gradi con differenza di 1 grado nel primo caso (sonda dentro il fermentatore) abbiamo un controllo della t del mosto che oscilla di circa 1 grado e temperatura della camera di fermentazione che ha fortissime oscillazioni con accenzione sia dell'impianto di riscaldamento che del raffreddamento. nel secondo caso (controllo della camera di fermentazione) occorre un po' più' di tempo per raggiungere la t impostata ma il controllo e' perfetto sul liquido e con uno scarto di 1 grado dell'aria all'interno e utilizzo del solo riscaldamento Se si considera che nel primo caso si deve ricorrere a fori nel fermentatore e pozzetti vari, direi che se si vuole avere un controllo preciso della t del mosto bisogna agire dall'esterno. In tanti mi diranno che la fermentazione genera calore...... e' vero infatti nei primi giorni e' consigliabile regolare l'STC sul range più' basso e aumentare un po' dopo i primi tre/quattro giorni. gli esperimenti sono fatti con temperature estreme, difficilmente si partita' con il mosto da una t di 8 gradi, per rispondere in anticipo a Morrison e' da notare che con temperatura della CDF a regime (20 gradi) l'aumento di t da 16 a 19,5 avviene in circa 10/12 ore.
  2. in genere il primo travaso si fa dopo una settimana e dopo almeno 15 giorni (io in genere ne aspetto anche 20) si imbottiglia. Per l'imbottigliamento si fa il priming e si imbottiglia subito, se aspetti mezza giornata ovviamente riparte la fermentazione, ora e' difficile calcolare quanti zuccheri sono stati mangiati dal lievito, unica soluzione attendere la fine della fermentazione e poi rifare il priming e imbottigliare (questa volta subito). in teoria dovrebbe uscire una birra un po' più' alcolica e un po' più' secca.
  3. se hai aperto una bottiglia dopo solo due settimane dall'imbottigliamento cosa speravi di ottenere??? in genere non sia apre mai una bottiglia prima dei due mesi
  4. Priming....forse sbagliato

    non hai fatto nessun errore, io metto sempre il destrosio senza fare la bollitura e non aggiungo acqua. una volta ho avuto un po' di schiuma ma secondo me perché' la fermentazione non era ancora del tutto terminata. Sono quasi certo che cmq non avrai problemi
  5. con i kit pronti l'OG e' difficile sbagliarla a meno che tu non metta più' acqua del dovuto. come ti ha detto Morrison basati su quella delle istruzioni. Se invece in futuro decidi di fare E+G oppure AG, la mancata misurazione dell'OG e' una grave mancanza perché' non puoi sapere quanti zuccheri hai estratto.
  6. info travaso da pentola a fermentatore

    anche io faccio proprio come Soia, e sto ottenendo delle birre molto limpide (forse troppo). inoltre l'aggiunta di un tessuto aumenta l'ossigenazione del mosto che splascia meglio
  7. Info OG

    anche io l'ho fatto a gennaio, ci ho aggiunto un po' di malto cristal (100 g) e ho avuto una OG di 1088 con 23 litri nel fermentatore
  8. Sacchettino filtrante

    il gorgogliatore riparte perche' aumentando la temperatura aumenta il volume dell'aria non credo che sia una ripartenza della fermentazione
  9. Sacchettino filtrante

    non c'e' un motivo preciso,,, semplicemente raffreddando ho l'impressione di modificare qualcosa e allora cerco di rimettere tutto a posto... non ho mai provato ad imbottigliare "a freddo"
  10. Sacchettino filtrante

    Il metodo più' semplice per rendere più' limpida la birra e' portare la temperatura a 0/2 gradi alla fine della fermentazione per un paio di giorni, poi fai risalire la t, travasi e imbottigli
  11. Aiuto camera di fermentazione

    il legno può' andare bene ma se lo puoi forare e' meglio, altrimenti crei delle sacche di temperature diverse
  12. Temperatura sui 20 gradi

    Lascia perdere i pozzetti, sono soldi buttati la temperatura si gestisce come nel frigorifero, con lo scambio termico, il pozzetto abbinato ad un sistema ON OFF e' inutile perché' non puoi controllare l'inerzia termica
  13. birra di natale og basso

    COSA E' IL CONTEST MCB?
  14. vendere la propria birra

    assolutamente non puoi se lo vuoi fare dei aprire un microbirrificio e investire qualche decina di migliaia di Euro. se vendi anche una sola bottiglia per guadagnare pochi spiccioli rischi una verifica fiscale della GDF e poi so cazzi amari.
  15. Termostato STC 1000

    Una camera di fermentazione e' praticamente un frigorifero che funziona a temperature più' alte, per le birre ALE in circa 20 gradi. valgono le stesse regole del frigorifero, se vuoi bere una birra fredda la metti in frigo e aspetti lo scambio termico, non si va a staccare il termostato per metterlo dentro la bottiglia della birra o a contatto del vetro con il polistirolo, quindi come pre il frigo metti il fermentatore nella camera a temperatura controllata e aspetti lo scambio termico. c'e' da considerare che la fermentazione tende a produrre un po' di calore, ma non e' una centrale termica, la temperatura del mosto si alza di un grado un grado e mezzo circa a seconda del lievito del tipo di fermentazione e del mosto, quindi e' buona norma nella prima fase della fermentazione impostare la temperatura un grado di meno, se decidi di fermentare a 20 gradi imposti l'STC a 19. inoltre e' fondamentale mettere una ventola tipo quelle del PC dentro il frigo per uniformare la temperatura all'interno. la brewbelt in genere si usa al di fuori della camera di fermentazione in ambienti freddi, per l'interno la soluzione sono i cavi per terrai, a seconda del frigo 50 o max 100 W
  16. Lavaggio e sanificazione bottiglie

    l'osi in teoria non andrebbe risciacquato, tuttavia secondo me meno robaccia chimica resta nella birra meglio e'. io risciacquo sempre tutto
  17. Temperatura sui 20 gradi

    http://www.forumbirramia.com/topic/23717-dove-mettere-la-sonda-stc-nella-camera-di-fermentazione/ qui c'e' l'esperimento che ho fatto con le sonde e i grafici ovviamente durante l'esperimento NON e' stato aperto il frigo
  18. Temperatura sui 20 gradi

    totalmente in disaccordo con te. primo il fermentatore si mette in frigo e ci si lascia una settimana, non c'e' bisogno di aprire ...... per vedere cosa? il frigo deve stare chiuso non e' più' un frigo ma una camera di fermentazione. Il problema e' di natura fisica e la fisica ha le sue leggi, in linea generale se devi riscaldare un gas agisci direttamente su di esso, se invece devi riscaldare un liquido o un solido non lo puoi fare con il sistema on/off, perché' l'effetto del "volano termico" ti fa oscillare notevolmente la temperatura. Se vuoi portare ad una certa temperatura un liquido o un solido devi usare un PID, in pratica e' uno strumento intelligente che calcola l'inerzia termica e fa staccare la corrente prima del raggiungimento della soglia. Quindi con un sistema on/off la soluzione migliore e' lo scambio termico, se metti un oggetto in un ambiente ad una certa temperatura quell'oggetto raggiungere' quella temperatura. Non ha senso fare le prove di apertura, deve stare chiuso una settimana.
  19. Temperatura sui 20 gradi

    L'uniformita' della temperatura la puoi controllare mettendo delle semplici ventole da PC, se misuri l'aria puoi mettere in fermentazione contemporaneamente due fermentatori, oppure un fermentatore e x bottiglie a carbonare. se attacchi la sonda gli sbalzi termici sono molto piu' ampi.
  20. Temperatura sui 20 gradi

    premesso che i range del lievito sono talmente ampi che alla fine tutto va bene, se vuoi avere una camera di fermentazione devi regolare la camera di fermentazione e grazie allo scambio termico tutto quello che ci metti si adegua alla temperatura interne, il principio e' lo stesso del frigorifero, se vuoi mettere qualcosa in fresco la metti nel frigorifero non stacchi la sonda del termostato per attaccarla alla verdura o alle bottiglie di birra. la soluzione ideale e' quella di termoregolatore l'aria. c'e' da considerare che la fermentazione genera un po' di calore (max 1 o 2 gradi) quindi se vuoi fermentare a 20 imposta 19 e otterrai ottimi risultati. se attacchi la sonda al fermentatore regoli ugualmente la temperatura ma avrai più' sbalzi e più' consumo di corrente inoltre non potrai usare la camera per altri scopi. se guardi nella sezione fai da te ho postato dei grafici con esperimenti fatti con fermentatori pieni di acqua
  21. Temperatura sui 20 gradi

    se fai una camera di fermentazione attento alle cavolate che girano nei forum. la sonda deve stare a contatto con l'aria e termoregolatore l'interno della camera di fermentazione, quindi evita acquisti inutili per fantomatici pozzetti, non attaccare la sonda al fermentatore e soprattutto non metterla in un altro liquido di un altro recipiente.
  22. Temperatura sui 20 gradi

    lascia perdere i pannelli, frigoriferi vecchi e funzionanti se ne trovano, vai in un'area ecologica e qualcosa rimedi sempre. io ne ho due e posso burrificare tutto l'anno
  23. Festival della birra

    beer attraction ma c'e' a febbraio
  24. Controllo temperatura durante la fermentazione

    interessante soluzione, considerata la lunghezza della camera per avere la temperatura omogenea ti consiglio un paio di ventole per far circolare l'aria
  25. Birrificazione e Vinificazione

    Tutto quello che hai va bene, ti manca una pentola e un fornello per la bollitura. ovviamente l'attrezzatura dipende anche dal procedimento che vuoi fare, se usi i malti già' pronti non hai bisogno di molte cose, se invece vuoi fare EG o AG allora c'e' da integrare ancora molto