jef

Utente Registrato
  • Posts

    204
  • Joined

  • Last visited

Posts posted by jef

  1. Sarebbe possibile effettuare una carbonizzazione forzata direttamente in bottiglia con co2.

    se si può fare, che attrezzi servono.. ci sono dati per quantità e tempi di miscelazione tra la birra e co2?

    saluti

    k59

    Si esiste ed e il beergun ,in pratica si fa la carbonazione forzata in fusto poi si trasferisce il tutto in botiglia gia gassata ,mi e apena arrivato dal Belgio ,credo che il nostro- cencione- ne ha uno e lo usa da tempo

  2. Questa e la Belgian Strong Ale che oggi ho travasato

    60lt in fermentazione OG1,093

    pilsner kg 18

    cara pils   kg1,5

    White wheat malt kg 1

    candit sugar kg2,5

    lievito  due bustine T58

    dopo 10 giorni OG 1,045 per qui ...

    ho deciso di reintegrare ancora con una bustina di lievito con uno starter supplementare ...e la prima volta che rimetto un po di lievito non avendo fatto lo starter al inizio e mi sembrava una fermentazione un po forzata ,qualcuno lo ha gia fatto ?

    ho fatto bene?

    alcuni sostengono che reintegrare il lievito dopo una settimana sia inutile perche in assenza di ossigeno le cellule non si riprodurrebbero.pero' e mia intenzione reimmettere una bustina di lievito durante il primo travaso insieme all'aggiunta di zucchero candito.

    Si senza ossigeno non si riproduce , ecco il motivo per qui ho fatto uno starter che poi non ho fatto altro che fare un mini cotta con due litri di acqua aveva un OG di 1040 ossigenato per bene e messo il lievito ,dopo un ora messo nel fondo del secchio dove ho fatto il travaso ,ora credo che un minimo di cellule si sarà pure sviluppato ,sufficiente per arrivare a 1020

  3. Questa e la Belgian Strong Ale che oggi ho travasato

    60lt in fermentazione OG1,093

    pilsner kg 18

    cara pils kg1,5

    White wheat malt kg 1

    candit sugar kg2,5

    lievito due bustine T58

    dopo 10 giorni OG 1,045 per qui ...

    ho deciso di reintegrare ancora con una bustina di lievito con uno starter supplementare ...e la prima volta che rimetto un po di lievito non avendo fatto lo starter al inizio e mi sembrava una fermentazione un po forzata ,qualcuno lo ha gia fatto ?

    ho fatto bene?

  4. ciao a tutti

    oggi ha comprato un trasformatore al brico per lampade che in output da 12 v da attaccare al motorino del tergicristallo per motorizzare la pentola del mash.

    però una volta collegato il nulla.

    mi spiego meglio:

    quando attacco la spina questo trasformatore fa un rumorino e se faccio toccare tra di loro i fili che dovrebbero entrare nel motorino va scintille e quindi la corrente arriva ma niente.

    allora ho pensato che non andasse il motorino ma l'ho attaccato alla batteria dell'auto e funziona.

    io di elettricità non ci capisco molto, cosa può essere?

     

    alla fine preso dai giramenti di balle ho preso il trasformatore di un vecchio modem e l'ho collegato e il motorino gira ...

     

    problema:

    quest'ultimo trasformatore ha un output di 14v e non 12 v (quelle teoriche per il motorino), cosa può succedere si brucia il motorino, il trasformatore o niente per una differenza di 2v

     

    grazie ciao a tutti

    le batterie delle auto arrivano a piu di 13 volt dunque vai tranquillo,ma comunque oltre il voltaggio devi vedere i watt,in pratica che potenza hanno in uscita ,per farti capire meglio se prendi un trasformatore da 12 volt per telefonini pensi di potere azionare una pentola per il mash ?con la corrente non scherzarci ,

  5. riporto su questo post ,Yury mi puoi confermare che il beergun funziona ?ed e molto utile,ho intenzione appena vado in Belgio di comprarne uno -

    Yury io i fusti li metto subito a 6-8 gradi per la carbonatizare e poi li lascio li ,mi e sembrato di capire che non e la cosa giusta e che si dovrebbe ritornare prima a temperatura di fermentazione e giusto ?

    Per quando riguarda le discussioni fatto tempo dietro sulla presione giusta da dare ai fusti,ti ricordi i 4/4/4/ che dissi in pratica funziona ,ma oggi faccio in questo modo per prima metto a 4 bar e scuoto un po poi portato a 6 gradi metto a 1,5 bar per tutto il tempo necessario finché rimane stabile ,spinando poi a 0.8 bar con il primo bicchiere con metà schiuma poi e perfetto ,solo che se poi il fusto non viene finito devo riportare il manometro a 1,5 bar e in questo modo si riesce a tenere una birra ancora discretamente per un mese e più, complimenti per il bellissimo blog fra poco ti dovrei copiare il zuccona --permesso :D

  6. Automatizzare gli impianti,utile ? me lo sono domandato ....... per un che fa birra per hobby credo di no ,a parte che cosa automatizziamo ?,portare a temperatura l'acqua per inizio mash e poi... i grani si devono mettere a mano credo ,poi magari i vari step si ,ma per fine mash e controllare con lo iodio che si fa ad orecchio-poi come detto la bollitura va fatto a "mano" mi spiegate cosa avete automatizzato-alcuni step se ci sono ,ne vale la pena ?,e dove lo mettiamo il piacere di vedere nascere la nostra birra ,io non sono mai da solo si discute si assaggia qualche birra fatta si commenta si .........io mi diverto,magari per pulire il tutto la si ci servirebbe qualcosa di automatico :unsure:

  7. Ecco il mulino in azione:

     

     

    6 kg in 45 minuti ossia per ogni kg 7,5 minuti

    Cmq non è poco 45 min per 6Kg di malto!

    Fai lo stesso a mano, se non meno.

    La migliore soluzione, visto che siamo tutti degli artigiani, è il trapano o avvitatore. Veloce senza spesa perchè si presume che uno c'è l'abbia per autocostruirsi tutto.

    Se uno vuole il meglio può montare al mulino a rulli un motorino elettrino asincrono monofase da 0,5 Kw da 900 giri al minuto e può ridurre i giri con le pulegge, non è difficile basta guardare quelli che ci sono in commercio.

    il motore di pasta facile io lo uso per il mash e va benissimo ma per macinare e un po lenta e meglio il trapano ;)

    parli di macinare 6kg puo anche andare ---- ma 20kg ci vuole tre ore

    con il trapani 1/2 ora

  8. Salve birrofili e birraioli, volendo migliorare la mia già scarsa ma funzionale attrezzatura da all-grain avrei in mente di costruire il filtro per la bollitura del luppolo come quello che ho visto in molti video, fatto dagli americani che in certi campi fanno davvero impressione per l'inventiva che hanno!!

     

    Uno dei video è questo:

     

    Il mio problema è che non riesco a trovare questo "Paint strainer", ovvero questo sacco filtro così grande e che a quanto pare resiste alle alte temperature ed in più costa davvero poco....qualcuno ha idea di dove poterlo trovare?? Riesco a trovarlo su internet ma dovrei acquistare all'ingrosso (tipo 1000 pezzi ;) ) Qualcuno mi aiuti, sarebbe un ottima soluzione per chi come me adora le luppolature esagerate e non si accontenta di 2 luppolature sole!!!

    Io comunque non ne vedo un utilità ,delle volte una cosa semplice e meglio di certe" invenzioni " Vedi che il sacchetto per luppoli (per altro lavabile)fa lo stesso lavoro anzi con la bollitura si muove da tutte la parti e basta strizzarli a fine bollitura lavarli ed e pronto per una prossima luppolatura , ma e logico che se uno vuole una cosa piu complicata se ne puo" inventare "anche di peggio ,.dai scherzo ma tutti i torti no ho. ;)

  9. La prossima settimana preparo una stout anche io; la 3kg di birramia. Sono stato latitante dal forum per un pò di giorni perchè sono stato all'estero.

    Ho letto da più parti che una stout si gusta a pieno dopo 4 mesi di maturazione........ Capisco l'impazienza,(ho quattro cotte diverse che aspettano i tempi di maturazione e non vedo l'ora di arrivare a regime così poi è un giro), ma pare che dopo almeno quattro mesi sia davvero un'altra cosa!

    nascondi una bottiglia e dopo un anno prova vedrai la differenza, :D

  10. Ciao ragazzi,io ci lavoro dentro e mi sono fatto fare "un preventivo "dal mio capo x 2 pentole da 250 lt ( una x il mash e una x boil) con lamiera aisi 316 da 0,8 mm calandrata e saldata a tig costo tot 250 €. :D

    0,8 mi sembra un po misero,il mio due sono di 1,5 mm con doppio fondo e il boil 3mm questo in effetti e un po troppo,

    Credo che 1,5 sia l'ideale una volta che lo fai sei a posto per sempre

  11. Penso che farelo fare da un tornitore non valga per niente la pena. Poi ti sfido a trovarlo un tornitore disposto a lavorare un fermentatore da pochi millimetri di spessore da un blocco pieno di inox che peserebbe sicuro quasi una tonnellata. Potresti fartelo fare da qualcuno specializzato nella piegatura e saldatura di acciaio inox e lì potrebbe convenirti. Ma se ti posso dare un consiglio ( da assoluto ignorante delle attrezzature da homebrewing in acciaio, ma da conoscitore dei metalli) ti conviene comprarlo già bello e fatto. Come puoi vedere sul sito Birramia, non costano poi una fortuna quelli da 50 litri. Ti dico questo perchè nessuno saprebbe costruirlo meglio di una fabbrica specializzata in contenitori in inox per alimenti. Poi l'acciaio dovrà anche avere dei trattamenti, per poter davvero essere considerato per alimenti.

    Ma guarda che non si fa al tornio partendo da una massa di inox -dai e assurdo,per esperienza personale io le mie pentole le ha fatte un amico fabbro molto bene attrezzato con piegatrice che gli permette di arrotolare lastre l'acciaio come vuole e poi li salda (per le verita le saldature si vedono e qualche imperfezioni ci sono )ma si possono fare, il prezzo ? mbe a me non e costato niente siamo tre quattro amici e ognuno fa quello che puo,devo dire che hanno tutti il doppio fondo .

    Fino ad ora non vedo la necessità di avere un fermentatore conico lo vedo scomodo ad inserirlo dentro al mio box (ex congelatore )

  12. Salve, in questi giorni ho scoperto per caso una distesa di luppolo lungo la foce del fiume serchio, ma ormai i fiori non sono più buoni anche se molto profumati, il prossimo anno proverò magari un 5 lt di birra.

    Se qualcuno è interessato può mandarmi un pm o mail.

    Io dalle mie otto piantine ho raccolto 200 gr di Magnum con due piantine e poi niente ,due in vaso sono morti un altro in vaso sta venendo piano ma sano , in pratica secco 45 gr ne ho messo 15 gr in una double alè in aggiunta alla ricetta per averlo piu amaro ---ho deciso di spostarli appena vanno in riposo e fare un fondo piu appropriato detto da un esperto il fondo e molto importante ,vediamo

  13. ok scusa la birra era tipo draught la fermentazione e avvenuta con 27 gradi x tutti i 3 giorni la densita era di 1040 iniziale e al termine dei tre giorni era di 1003-1001 alche penso doveva essere tra i 1010-1006 dopo di che lo travasata nel secondo fermentatore ho aggiunto i 180 grammi di zucchero disciolti in acqua a fuoco lento come scritto sull istruzioni e sono passato ad imbottigliarla,nelle bottiglie e stata 15 giorni e la temperatura era tra i 20 -24 gradi

    Probabile che non abbia capito ma hai lasciato la birra 3 giorni nel fermentatore??

    Il minimo, anche se raggiunta la densità finale, è almeno una settimana, dieci giorni.

    Se è così e hai aggiunto 180 grammi di zucchero per 23 litri di birra secondo me entro breve ridipingerai le pareti di casa... B)

    1003-1001 e poco piu del'acqua dunque ? vedi di controllare il tuo densimetro ,uno deve essere sicuro della densità,si 27 gradi e decisamente troppo,ma dopo tre giorni di fermentazione non si imbottiglia per la prossima volta fai un secondo travaso e aspetta --aspetta non aver fretta di imbottigliare ,per controllare il densimetro metti acqua nella provetta e vedi quanto segna :D

  14. interessante la linea scaldafusti, in particolare quello per 25 litri perchè ha cinghia di trazione, isolamento, termostato ed ha una potenza di 1000W

     

    ...puoi sapere il prezzo?

    Hai perfettamente ragione i scaldafusti potrebbe essere veramente una soluzione validissima ma impiegato solo per l'ammostamento in pratica dopo aver portato l'acqua a 60 gradi magari con il gas-e fare gli vari step con il scalda fusti -e quelli sono facilmente regolabili con termostato speriamo che i prezzi non siano esorbitanti -

  15. Volentieri!! Io solitamente faccio il mosto la domenica mattina, e quando scendo in garage (perchè è lì che faccio il mosto) l'impianto ha già provveduto a riscaldare l'acqua per il primo step. Dopo di che immetto il malto e faccio partire il secondo start per il mash inn e mash out, tempi e temperature. Per l'agitatore si può scegliere il funzionamento in manuale o in automatico il tutto come ho detto sopra gestito da un PLC.

    saluti.

     

    per far capir meglio, ho aggiunto delle foto (guardale nel primo intervento, dove c'è il link)

     

     

    :)

    Bello si ma...io sono un po scettico si automatizare avrà i suoi vantaggi sicuramente ,ma andiamo con ordine -mentre l'acqua va in temperatura ci sono cose da fare esempio lavare l'attrezzatura-macinare il grano etc..

    poi controllare i vari step -e soprattutto controllare con lo iodio se e tutto Ok o aspettare ancora un po ma soprattutto mi piace controllare le temperature costantemente e a piu livelli nel mosto -provate vi sorprenderete delle differenze -e poi il giorno che metto tutto dentro un contenitore e magari restando a letto dopo due mesi bevo birra artigianale ? no per ora preferisco controllare ancora io con amici e bere una bella birra anzi due mentre controlli le varie fasi-se e una passione ci si deve anche dedicare un po di tempo-va be la penso un po come un pensionato e lo sono ,

  16. Io alcuni anni fa provai a maltare del orzo -avevo poco notizie per come fare ,in pratica ho tostato 5 kg di malto fino ad una temperatura di 90 gradi ,tramite un distillatore per diluenti ,in pratica era un cilindro riscaldato ad olio elettricamente con manometro per regolare la temperatura desiderata-risultato un malto con degli aromi molto pronunciati ma non li ho mai usati (non avevo l'esperienza necessaria per andare oltre) il PC mi era sconosciuto e cosi i forum da dove poi ho iniziato a imparare qualcosa,ma mi ricordo che non valeva la pena anche come costo ,ma fu una bella esperienza far germogliare e poi tostare l'orzo avendo come notizie solo un libricino di come fare la birra in casa.

  17. ciao,hai provato il nuovo mashtun?come è andata?Per caso ti si sono attaccati igrani nella pentola o è andato tutto ok?

    Si, ho fatto 65 litri di Bitter 2 settimane fa.

     

    Domenica o lunedì imbottiglio.

     

    Direi nessun problema, anzi! Un sacco di fatica in meno!

    Ciao azototh sono curioso di sapere come controlli le temperature con che tipo di termometro lo fai ,perche secondo me e il problema principale ,che molti di noi danno per scontato che le temperature sono giuste con qualsiasi strumenti ma principalmente in tutte le parte del mosto lo misurano ,io ho provato con piu strumenti e modi insieme ,risultato.......molto ma molto differente tra uno e l'altro,

  18. le barley wine vanno dimenticate per un anno e in genere non hanno molta schiuma

    quindi non buttare niente e aspetta

    hai scelto il tipo di birra che non puoi valutare prima di un anno  :lol: e più ....

    sì lo so e ti ringrazio per la risposta, però il sapore era nettamente migliore un mese fa, in linea di principio ora doveva essere migliore di un mese fa, speriamo bene, male che vada la do agli scrocconi, così si tolgono il vizio :-D

    oppure la distilli e ti viene fuori una cosa sublime da far bere durante le feste !!!

    mai buttare nulla .... :D come dici tu dopo tanta fatica

    ma era un kit barattolo luppolato o all grain già pronto ???

    oltre alla fermentazione a 30 gradi che potrebbe solo avere stressato il lievito ( autolisi ?) servirebbero altri parametri per poter capire di più

    Doc voglio approfittare della tua competenza e gentilezza,ho avuto un problema con una whitt,in pratica ha fermentato a una temperatura molto superiore ora sa veramente di medicina due fusti 50lt circa,non avevo ancora messo a punto il frigo da dove posso ora controllare le temperature come voglio , con il tempo e migliorata molta ma non credo che vale la pena di consumarla cosi ora parli di distillare --ne esce qualcosa di buono? la distillazione si fa nel solito modo?

    Devo dire che gia a fine fermentazione aveva un strano odore ,il lievito era uno liquido per whitt-inviatomi con il sacchetto refrigerante .

  19. credo debbano "essiccare" fino a raggiungere il 20-30% del peso iniziale credo

    non vorrei dire sciocchezze ma ricordo di avere letto così da qualche parte ... chi ha esperienza potrà dire con più certezza il dato esatto

    hai ragione ho letto male le spiegazioni date anche da attila su questo forum --