Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation since 19/02/2018 in all areas

  1. 2 points
    Ho ripreso la stagione cambiando impianto. Passato dai fornelli in cucina all'elettrico, automatizzando il tutto con un raspberry e scrivendomi il software. Da un punto di vista elettrico ho fatto quanto segue: Bucato le pentole ed inserito resistenze elettriche da 2100 Watt (quelle della Gandolfi) Usato sonde per temperature ds18b20 Raspberry 3 B+ 4 relays per far passare corrente da 220 Volt (nel video ne vedete solo due altre verranno aggiunte al prossimo upgrade per la prossima cotta) Cavi elettrici rigorosamente da 2.5 millimetri visto il voltaggio) Considerando che non posso utilizzare contemporaneamente le due resistenze (mi salterebbe il contatore) il software quando il mash è in temperatura, spegne una resistenza e accende lo sparge, se la temperatura scende spegne lo sparge e riaccende il Mash. Sicuramente la "sicurezza" è stata la grande assente, ma tutto è filato liscio (NON FATELO i relay cosi vicini al liquido sono pericolosi). Ora sono in attesa di una terza resistenza e della pompa, per la prossima cotta ci sarà l'upgrade (con la messa in sicurezza di tutto) Prototipo.mp4
  2. 2 points
    Scusate, mi sono perso qualcosa o vi siete fumati anche il cervello di qualcun altro ? Bacco, stai consigliando di scaldare un mosto con lievito a bassa a 18° ? Stai dicendo di agitarlo come fosse un inoculo ? Un lievito a bassa ci mette il doppio del tempo di un lievito Ale per arrivare a destinazione, se poi non ha fatto uno starter per 12 lt a 1070 senza sapere la data di scadenza del lievito non è che puoi lanciare il fermentatore dal corno grande e riprenderlo a Pescasseroli per svegliare 2 cellule, ha detto che voleva vedere cosa succedeva e mo' lo vedra'. Sei sicuro che la tua attrezzatura sia tarata ?, il kit lo danno per 1065.... hai aggiunto meno acqua ?
  3. 2 points
    Come sarebbe flusso a caduta, senza pompa chi spinge l'acqua nella serpentina , ti metti a raffreddare al 3° piano ?
  4. 2 points
    Si saranno scordati Lo zucchero é essenziale per creare la schiuma e la quantità viene decisa a seconda del risultato della fermentazione, in genere parliamo di 5-6gr/lt.
  5. 2 points
    Una curiosita', per la tua prossima birra cambierai nick ?
  6. 2 points
    Auguroni di buonissima Pasqua ragazzi, all'insegna della serenita' e del buon bere
  7. 2 points
    si la temperatura si ma morrison si riferiva ai litri costanti... il rilascio di amaro del luppolo è molto condizionato dalla densità del mosto in fase di bollitura, se evapora e non rabbocchi rischia di rilasciare poco amaro, al contrari se diluisci troppo rischi di ritrovarti una birra troppo amara e che magari non ci sta nel fermentatore...
  8. 2 points
    1100 al densimetro sarebbe catrame freddo!!!!! Dai scherzi a parte se hai 1010 dovrebbe essere il target della densità....se non scende più e non credo che lo farà,imbottiglia sereno e buonebirre!!!
  9. 2 points
    te lo confermo, all'inizio lo scioglievo in pentola per farlo bollire e devo dire che in acqua calda forma dei grumi e in piu tende ad attaccarsi ai lati della pentola mentre lo versi, invece poi seguendo dei consigli di DOC birra ho iniziato a sciogliere a T ambiente, nel mio caso direttamente in fermentatore cosi hai tre vantaggi, niente grumi, non devi raffreddare ( in E+G cominciano ad essere 4kg da sciogliere in non meno di 10lt di acqua) e inizi già ad ossigenigenare. okkio xò alla sanificazione e all'acqua che usi, non bollendo devi essere sicuro della pulizia in fase di esecuzione... ad oggi non ho mai riscontrato problemi.
  10. 1 point
    prendo una manciata campione e tiro via il chicco piu piccolo e lo provo a schiacciare, deve passare senza aprirlo.. poi passo gli altri e si devono spaccare senza sbriciolarsi, orzo e grano ho notato che sono diversi come misure (il grano è legermente piu grande come chicco) ora i tostati ancora non lo so...! se mi ricordo gli faccio una foto al registro e te la giro!! pare che funziona il mio sistema.. l'ultima cotta ho avuto la resa del 83%!
  11. 1 point
    prova a lasciarla aperta un paio di giorni, magari migliora.
  12. 1 point
    Tutti hanno quella funzione, proprio perchè sono le sonde a fare la differenza.
  13. 1 point
    Certo.., é indice di un prodotto vivo... puoi usare dei filtri x eliminarli ma quel lievito é differenza tra le nostre e una birra commerciale dove é rimasto ben poco di nutriente..! Vedi che un minimo di fondo non è tutto sto gran male.., fai attenzione a come maneggi le bottiglie e come versi!! Questi sono dati di fatto poi ognuno di noi é padrone della propria cantina
  14. 1 point
    Mai mettere mano al cellulare dopo un paio di triple...
  15. 1 point
    E' l'effetto chill haze, sono proteine che si coaugulano col freddo diventando piu' evidenti, succede quando non si abbattono con un proten rest( nel caso di AG) o chissa' cosa negli estratti visto che non sapremo mai da cosa sono composti. Cmq nulla di grave sulla qualita' della birra.
  16. 1 point
    Lavala con l'aceto per togliere eventuali ossidazioni, prima dell'uso mettila in bollitura gli ultimi 10 minuti per sanificarla, in rame è un ottimo conduttore termico, ha solo quel problema
  17. 1 point
    Signori sono riuscito a sistemare tutto quel che avevo a disposizione mi manca solo un manicotto di ricambio xke ha troppo giogo
  18. 1 point
    Ciao Francesco, ok che è una prova ma con 5 lt non riusciresti a capire nemmeno cosa hai centrato o dove hai sbagliato, ti consiglio di raddoppiare almeno il volume. ed ora passiamo alle note dolenti.... è importante capire che stile stai facendo per sapere dove lavorare come giustamente ti fa notare Bacco, il best Ale è un malto inglese e come tale va trattato, quindi niente protein rest( 20 minuti poi distruggerebbe anche l'ultima proteina e berresti acquaticcio senza schiuma) percio', ammostamento a 67° fino a conversione poi 78°. Se usi l'S-04 devi fermentare al massimo a 17/18° altrimenti avrai un fruttato impegnativo. Fai 10/15 lt cosi' potrai usare tutta la bustina che altrimenti andrebbe sprecata. salute
  19. 1 point
    ok, non è infezione, ma dubito che sara' una grande birra.
  20. 1 point
  21. 1 point
    Togliti il dubbio..... NON PUOI FERMENTARE 1090 CON UNA BUSTINA!!!!! Quando pensa che ce ne vorrebbero quasi tre!! Rimanda la cotta! Prevenire é meglio che fare danni..! Probabilmente i lieviti lavoreranno sotto stress tirando su sentori non voluti e la FG si potrebbe piantare a 1045... e poi???!!! Correre ai ripari con magheggi tipo altri lieviti inoculati senza ossigenare, rialzi di T e makumbe varie!! Rimanda!! Altrimenti tira via un po di malto dal kit e fai un mini mash x fare uno starter di un litro in serata.. sarà pronto per domenica.. e comunque sarebbe poco x 1090!!!
  22. 1 point
    Ok fatto l'assaggio... non ancora terminata la carbonazione.. sapore legermente amarognolo e un poco ferroso... giusta fruzzantezza poca schiuma... andate diretti con 6gr/lt e via.. la prox settimana faccio altro assaggio eventualmente vi riaggiorno
  23. 1 point
    Bravi, bravi, bravi!!!!
  24. 1 point
    Il porco è mio e se voglio lo scanno anche nel C**O ! Questo per dire che non devi per forza seguire un filone, se uno vuole fare lo starter col secco fa come vuole, si dispensano consigli, non sentenze Usare una sola bustina non fa si che la fermentazione non arrivi al termine, semplicemente quei poveri cristi dovranno papparsi tutto il menu' scorreggiando come faresti tu con un cinghiale sullo stomaco , quindi una birra che.....non saprai mai quanto piu' buona poteva essere ! Usare il secco per lo starter è esattamente il contrario, con tante cellule per poco mosto, finiti gli zuccheri ci saranno atti di cannibalismo ed alla fine avrai poco o niente in piu' di quelle originali.
  25. 1 point
    Mi sá ke io sono il peggio, misuro dopo tre settimane se ha raggiunto la fg desiderata, la lascio ancora 1- 4 settimana/e a seconda dello stile/lievito e imbottiglio.