Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation since 07/26/2012 in all areas

  1. 4 points
    Posto questa mia esperienza nella speranza sia di aiuto a tutti i neo birrai. Spesso ci sono discussioni o interventi nel forum riguardo al gorgogliatore muto. Ovviamente tutti i birrai esperti, ed anche io che non sono un esperto, rispondono che il fatto che il gorgogliatore sia muto non è indice di fermentazione non partita. Ho fatto contemporaneamente due birre esattamente uguali, per l'esattezza la Gallia, con l'obbiettivo di fare in una un travaso intermedio e nell'altra no, per capire quanto incida il travaso interemedio nella limpidezza e nel sapore. Entrambe hanno avuto una fermentazione vigorosa per circa 5 giorni, poi hanno rallentato entrambi l'attività, ma sempre e comunque con borbottii ciclici del gorgogliatore. Al settimo giorno l'attività ancora "viva" mi ha fatto optare per aspettare ancora qualche giorno per il travaso, che ho effettuato il nono giorno. Dopo il travaso tutto ha incominciato a tacere, allora ho mosso un po il gorgogliare pensando che non fosse messo bene. Ho visto il liquido spostarsi ma niente di più, mentre la birra che non aveva subito il travaso gorgogliava. Il gorgogliatore era muto, non vedevo schiumetta nelle pareti del fermentatore, ho pensato che il travaso avesse bloccato la fermentazione. Ma dato che io suggerisco sempre agli altri di avere pazienza ora era il mio turno. Per cui ho lasciato in pace la birra e dopo 6 giorni, 15 giorni in tutto, ho fatto la prima misurazione con il densimetro. La densità era identica, sono partito con una OG di 1052 per entrambe, ed ora ero a 1010 per entrambe. Per cui anche se non abbiamo nessun riscontro visivo ed acqustico l'unico strumento che ci dice con certezza se c'è o meno fermentazione resta il densimetro.
  2. 3 points
    Ciao, è un post un po' vecchio ma voglio risponderti lo stesso. La produzione dei composti solforati è spesso strettamente legata al ceppo di lievito usato: alcuni ceppi ne producono più di altri. Soprattutto i lieviti per le weizen tendono a produrne parecchi, anche perché per queste birre di solito si fermenta a temperature elevate per favorire la sintesi del composto responsabile del gusto di banana. Se la fermentazione parte in maniera tumultuosa, il lievito fa ancora più fatica del normale a regolare i suoi processi metabolici: la fermentazione/riproduzione procede talmente spedita che le cellule tendono a sintetizzare aminoacidi il più in fretta possibile, ed è inevitabile che ci sia un accumulo di prodotti intermedi, tra i quali ad esempio il solfuro di idrogeno (uova marce). La temperatura di fermentazione va controllata soprattutto nelle prime 72 ore, quando cioè il lievito produce i composti più importanti per l'aroma e il gusto. Passato questo periodo conviene anzi alzarla, per dare un aiuto alle cellule a raggiungere l'attenuazione finale. Ovviamente in casa non è cosa facile.. Puoi stare tranquillo però che la situazione di solito si risolve da sola: l'importante è dare il tempo al lievito, a fine fermentazione, di "ripulire" la birra. E' importante quindi non avere mai fretta di raffreddare. Di solito 2-3 giorni sono sufficienti per eliminare questi difetti. Per l'idratazione del lievito si sconsiglia di mettere zucchero perché può causare uno stress osmotico alle cellule: considera che in mezz'ora comunque il lievito non riesce a utilizzare questo zucchero, che quindi è inutile. Come dice il nome, questa pratica serve solo per reidratare le cellule con l'obiettivo di velocizzare l'inizio della fermentazione una volta inoculate nel mosto. Non è però indispensabile, e puoi versare il lievito secco direttamente nel tino: puoi rischiare di perdere un po' di cellule ma dato che comunque dovresti di default usare almeno due bustine per 23 litri (con una sei SEMPRE in sottodosaggio) il problema non si pone. Diverso il discorso nel caso dello starter: anche in questo caso non conviene utilizzare zucchero semplice perché se il lievito si abitua a usare glucosio potrebbe perdere la capacità di metabolizzare il maltosio. Se puoi usare mosto o estratto di malto sarebbe meglio. Giusto una precisazione: nella birra i patogeni non crescono! La birra infatti contiene degli ostacoli naturali (fra tutti, alcool e ph) che impediscono la crescita ai batteri pericolosi per la salute. Solo se il ph della birra finita fosse superiore a 4,6 ci potrebbe essere qualche rischio, che comunque è ridotto al minimo per la presenza degli altri ostacoli. Possono ovviamente però crescere e proliferare altri microrganismi che, sebbene non pericolosi, possono fare inacidire e rovinare il prodotto. L'alcool etilico è un battericida: denatura le proteine. Non svolge invece nessuna azione sulle spore. Spero di essere stato di aiuto. Saluti
  3. 3 points
    Le birre in kit si puo' fare a meno di farle bollire, il mosto è gia' in ambiente sterile, basta farlo scaldare e versarlo in fermentatore con 2 lt di acqua bollente ( non di piu' altrimenti ti ritroverai un mosto a 28 °C ), mescoli bene e riempi con acqua fredda, ossigeni ,inoculi e sei a posto.
  4. 3 points
    E' un'utopia oltre che presunzione pensare che non si abbia più nulla da imparare. Quello che ci deve animare e la consapevolezza di dover apprendere sempre di più. Il sapere non ha limiti, c'è sempre da imparare e sono proprio gli errori che ci danno un grande contributo ad ampliare le nostre conoscenze.. Nei limiti delle mie modeste esperienze mi gratifica moltissimo poter essere utile ad altri amici appassionati come me a questa disciplina.
  5. 3 points
    I forum sono aperti a tutti a patto di rispettare alcune semplici regole del buon convivere, premetto che chi non rispetta tali regole vedra' cancellati dai moderatori i post ritenuti insindacabilmente a giudizio di essi non rispettanti le regole dei forum. Inoltre chi turba la quiete del forum verra' Bannato da esso. Le regole da rispettare sono: 1) Avere rispetto per tutti 2) Non deridersi a vicenda 3) Evitare inutili prese di posizione (che non portano mai da nessuna parte) 3 Essere coscienti che il forum è di tutti 4) Non parlare male di altri partecipanti del forum e soprattutto non parlare male degli altri che non partecipano al forum, Vale a dire, Birrifici, Altre ditte di homebrewers, Altri forum ecc. ecc. 5) Cercate di usare un linguaggio non volgare anche quando siete arrabbiati 6) Cerchiamo di essere amici con tutti visto che questo forum è nato per avvicinare gli homebrewers e non per allontanarli. 7) Se qualcuno ha delle lamentele motivate su altri partecipanti del forum contatti me personalmente, possibilmente alla email del sito. 8) Dato che questo è un forum a tema birraio, non parlate di politica, di politici, e di religione. 9) Pubblicità occulta: Qualsiasi messaggio che contenga pubblicità indiretta o diretta verso particolari siti concorrenti e non, verrà rimosso e, se ritenuto necessario, il nick verrà sospeso o bannato. E’ permesso inserire link di siti per indicare dove trovare un determinato articolo o prodotto (qualora non fosse in catalogo su Birramia) , a patto di riportare link di più siti e non ad uno solo per evitare pubblicità occulta, salvo casi eccezionali (un articolo poco diffuso o molto particolare, e in ogni caso chiedere prima ad un moderatore). Stesso discorso per i siti di aste on-line, comparatori di prezzi, ecc. Se l’oggetto in questione non fa parte del mondo della birra e affini NON si applicano le regola di cui sopra. 10) Firma: non è permesso inserire nella firma link o riferimenti ad attività aventi natura commerciale, nonché a siti che abbiano contenuti dubbi (siti porno, siti politici “estremisti”, ecc..). No siti con dialer o simili. Non è in nessun caso ammesso il link diretto a qualsiasi sistema di bannering/referring; è possibile linkare il proprio sito personale o una pagina di riferimento. Il sito personale non dovrà essere di carattere pornografico, relativo alla pirateria informatica o comunque irrispettosa del buongusto e del decoro, nonché illecito ai sensi delle leggi vigenti nello stato italiano. Gli amministratori del forum si riservano il diritto di modificare il profilo personale in caso di inadempienza o noncuranza ai richiami e di prendere gli opportuni provvedimenti. 11) Il bannaggio di un utente ha come conseguenza la disattivazione irreversibile del nick. Qualora questo utente continui a riscriversi, con l’unico fino di contestare e ostacolare il regolare svolgimento dei post sul forum si procederà con la segnalazione all’autorità competente e al provider utilizzato. Verranno inoltre bannati tutti i cloni di utenti sospesi. Inoltre ricordo a tutti che il forum era nato in origine per ospitare i clienti di Birramia, poi ha avuto successo e vediamo che anche altri utenti che non sono nostri clienti lo usano, io sono molto contento di questo, sono molto felice che chiunque possa usufruire dei vantaggi di avere un forum sia esso nostro cliente o no. Comunque fermi restando che tutti possono usare il forum e che ognuno è liberissimo di acquistare da chi vuole, senza nessun obbligo da parte sua, vi chiedo pero' una cortesia personale: NON pubblicizzate su questo forum, specialmente mettendo il link, altri siti commerciali che vendano i nostri stessi prodotti (o altre attività in qualche modo simili alla nostra, come forum, newsletter o altro), questo anche per rispetto mio che in fin dei conti, sono il padrone di casa e vi ospito, poi come ripeto ognuno è libero di acquistare dove vuole e sara' comunque sempre il benvenuto lo stesso. Grazie
  6. 2 points
    Buongiorno a tutti cari Homebrewers. Volevo solo fare i complimenti a tutti quanti del forum per la pazienza, la gentilezza nei post, e nelle risposte. Sono iscritto ad altri gruppi su Facebook, ma immancabilmente c'è sempre l'esperto chimico di turno pronto con battutine, o a sputare sentenze con critiche inutili e termini incomprensibili presi chissà da dove. Credo che la birra non sia solo chimica, formule e ossessione (tra temperature e sanitizzazione) ma anche infinite prove con amore e passione senza dover per forza attenersi a uno stile. È così bello provare, pasticciare e sbagliare senza doversi sentire dare addosso per incompetenza dovuta alla poca esperienza. Ho imparato di più leggendo in questo forum tra mille post e risposte che in tanti libri senza fine. Per cui bravi ragazzi!
  7. 2 points
    BRAVOOOOO! Come non quotarti... La penso esattamente come te E concordo nel dire che, nonostante le cazz.ate che posso fare, il tono è sempre amichevole e gentile... non è facile trovare un clima del genere. Quindi ne approfitto per unirmi anch'io nel ringraziare tutti quanti
  8. 2 points
    "io ti ordino.. ESCI DA QUESTO CORPO"
  9. 2 points
    Non c'è limite alla sperimentazione, è bello per questo !!! L'unica cosa penso obbligatoria è avere "più" di un minimo di conoscenza, altrimenti prima che arrivi la botta di cul0 hai voglia a lavandinare !!!
  10. 2 points
    la scorsa settimnana ho perculato un nostro amico che voleva info sulla birra alla curcuma... poi vengo a scoprire che esiste e rischia pure di vincere dei premi.. che figura di M..
  11. 2 points
    Il problema mio sai quale è? Che il mio fabbisogno di birra è di almeno 45 litri al mese, per cui dovrei fare talmente tante birre da stoccare per arrivare a sei mesi di birra per inizare il giro. Per essere piu chiaro, ora sto bevendo le birre fatte 27/12 e 01/01, il 29 di questo mese berrò le birre fatte il 29/01, il 5/6 berrò le birre fatte il 5/3, e così via. Ora vi posto la foto delle mie birre che invecchiano, non si vedono tutte, mancano quelle del piano più basso e quelle dello scaffale a destra, circa 200 bottiglie, bottiglia più bottiglia meno. Tutto questo per tre mesi di birra, per sei mesi se la matematica non è, come si dice da noi, na matta e figu era, traduzione una pianta di fichi bianchi, ce ne vorrebbero 400. Mia moglie mi sbatte fuori di casa.
  12. 2 points
    Ciao Max, devi guardare il Potere Diastatico (DP) del malto di base che vuoi usare. Il DP misura la capacità degli enzimi di convertire l'amido in zuccheri (in pratica misura l'attività dell' alfa amilasi, della beta amilasi e della destrinasi limite). Più è alto, più il malto riesce a convertire velocemente e completamente l'amido che contiene. Molti malti (come il Pilsner) hanno un valore di DP così elevato che oltre al loro, possono convertire anche l'amido di altri cereali. Il DP si misura in gradi Lintner. Per essere sicuri, si consiglia di avere un DP totale minimo di 70. Mettiamo che tu vuoi usare in ricetta 3 kg di cereali: 2 kg di malto Pilsner (DP= 100) e 1 kg di fiocchi di avena (DP= zero, come tutti i fiocchi). Nel mosto ti ritroveresti con un DP totale di 67. Sei al limite. Dovresti comunque riuscire a convertire tutto, però magari ti ci vorranno tempi più lunghi. Se invece fai 2,5 kg di Pilsner e 0,5 kg di fiocchi (o di riso, mais, frumento non maltato, ecc.), DP totale 83, riesci a concludere l'ammostamento senza problemi nei tempi normali. I valori tipici di DP dei vari malti e cereali li trovi su internet. Se sono espressi in gradi Windisch-Kolbach (WK) la conversione è la seguente Lintner = (WK + 16) / 3,5 WK = (Lintner X 3,5) - 16 I malti caramello hanno DP = 0 ma non hanno bisogno di essere convertiti: sono stati già saccarificati nel processo di produzione (vengono aggiunti al malto in ammostamento per comodità). Se ne aggiungono in piccole quantità solo perché se in eccesso darebbero alla birra un gusto poco piacevole.
  13. 2 points
    ...... ma il fuoco lo fai con una candela?????? deve bollire forte... a prescindere dai litri che hai in pentola dai 3 ai 5 lt partono sicuri!!!! ripeto la bollitura deve essere vigorosa
  14. 2 points
    La produzione di distillati fino a 50 litri l'anno è legale , non possono essere venduti ed inoltre bisogna usare apparecchiature omologate ... oltre al pagamento di €50 Una Tantum , infine una dichiarazione di inizio attività. Qui la legge : http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Ddlpres&leg=16&id=00446372&part=doc_dc-articolato_ddl&parse=no Queste info per correttezza di informazione , l'alcool metilico è velenosissimo , tossico per inalazione e provoca cecità. Fatevi la birra se ne guadagna in salute e da molte più soddisfazioni
  15. 2 points
    Bene ora mi dai 10 bottiglie oppure canto....
  16. 2 points
    Avete finito di pomiciare voi due, nel caso ci sarebbe Bacco che ...... vabbè lasciamo stare Ricomponendoci ma non troppo, avrei una gran voglia di dire a Mouse come puo' aver partorito un'idea del genere, lo zucchero in mash Qualche cotta l'ha fatta, forse strampalata, ma anche leggendo Topolino certe nozioni si trovano ehh. Buona la seconda
  17. 2 points
    Buonasera! per quel poco di esperienza che ho, l’acqua di mash va di pari passo con il rapporto kg graniX lt acqua, quindi dovresti regolarla, aiutati con un programma per homebrewer Per quanto riguarda lo zucchero candito lo puoi mettere o in bollitura o dopo la fermentazione tumultuosa, a seconda di dove lo aggiungi ti varia l’OG della ricetta
  18. 2 points
  19. 2 points
    Qualche (troppi ) anni f un amico disse: in casa bisogn tenere due qualita di vino : uno buono e l'altro per gli amici. !
  20. 2 points
    Vabbé ma da uno delle Marche ke t'aspetti.
  21. 2 points
    Una curiosita', per la tua prossima birra cambierai nick ?
  22. 2 points
    Auguroni di buonissima Pasqua ragazzi, all'insegna della serenita' e del buon bere
  23. 2 points
    si la temperatura si ma morrison si riferiva ai litri costanti... il rilascio di amaro del luppolo è molto condizionato dalla densità del mosto in fase di bollitura, se evapora e non rabbocchi rischia di rilasciare poco amaro, al contrari se diluisci troppo rischi di ritrovarti una birra troppo amara e che magari non ci sta nel fermentatore...
  24. 2 points
    1100 al densimetro sarebbe catrame freddo!!!!! Dai scherzi a parte se hai 1010 dovrebbe essere il target della densità....se non scende più e non credo che lo farà,imbottiglia sereno e buonebirre!!!
  25. 2 points
    te lo confermo, all'inizio lo scioglievo in pentola per farlo bollire e devo dire che in acqua calda forma dei grumi e in piu tende ad attaccarsi ai lati della pentola mentre lo versi, invece poi seguendo dei consigli di DOC birra ho iniziato a sciogliere a T ambiente, nel mio caso direttamente in fermentatore cosi hai tre vantaggi, niente grumi, non devi raffreddare ( in E+G cominciano ad essere 4kg da sciogliere in non meno di 10lt di acqua) e inizi già ad ossigenigenare. okkio xò alla sanificazione e all'acqua che usi, non bollendo devi essere sicuro della pulizia in fase di esecuzione... ad oggi non ho mai riscontrato problemi.
  26. 2 points
    Ok a prescindere dal metodo che userò (ho anche la possibilità di winterizzare e probabilmente lo farò) ora ho le idee più chiare! Grazie mille Morrison e Francesco, gentilissimi ed esaustivi come sempre!
  27. 2 points
    con i kit ho sempre fatto così, risparmiavo tempo e danaro con risultati ottimi. Oltretutto se si bolle, specialmente le birre charissime, vengono più scure proprio a causa della bollitura
  28. 2 points
    "Noi birrai non facciamo la birra, mettiamo semplicemente insieme tutti gli ingredienti e la birra si fa da sola" "Non è che la birra si faccia proprio da sola. Serve un elemento di mistero, Qualcosa che nessuno può capire" Friz Maytang Tatto dal libro IL LIEVITO CONTROLLO DELLA TEMPERATURA Il controllo della temperatura è essenziale per produrre birra di alta qualità dal sapore costante; questo è molto più importante della differenza tra fermentatori conici in acciao inox e secchi in plastica. Uno dei concetti fontamentali che dovreste ricordare leggendo questo libro è l'importanza della temperatura di fermentazione per la qualità della birra: quando c'è un problema, e non si tratta di contaminazione, la prima cosa da controllare è la temperatura della birra durante tutte le fasi della fermentazione, a partire dall'inoculo del lievito fino all'ultima maturazione (rifermentazione). Temperature troppo alte o basse all'inizio della fermentazione causano la produzione di molti precursori aromatici sgradevoli alla fine della fermentazione. Sbalzi di temperatura ampi e non controllati danno scarsi risultati, specialmente se i lotti di produzione sono piccoli. Tanto più è piccola la cotta, quanto più rapidamente subirà le conseguenze dei cambiamenti di temperatura dell'ambiente. ecc, ecc, ecc
  29. 2 points
    grazie miomao_felix, sei stato molto puntuale ed esaustivo. La prossima volta farò un altro travaso e la lascerò di più nel secondo fermentatore ;-) :-) Per la prima birra pazienza, non sarà per palati fini ma vedrò di accontentarmi
  30. 2 points
    Lo zucchero va' messo negli ultimi 10 minuti di bollitura.
  31. 2 points
    che cavolo conservi, lievito da Kit? Butta!