Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation since 12/10/2018 in all areas

  1. 2 points
    Ho ripreso la stagione cambiando impianto. Passato dai fornelli in cucina all'elettrico, automatizzando il tutto con un raspberry e scrivendomi il software. Da un punto di vista elettrico ho fatto quanto segue: Bucato le pentole ed inserito resistenze elettriche da 2100 Watt (quelle della Gandolfi) Usato sonde per temperature ds18b20 Raspberry 3 B+ 4 relays per far passare corrente da 220 Volt (nel video ne vedete solo due altre verranno aggiunte al prossimo upgrade per la prossima cotta) Cavi elettrici rigorosamente da 2.5 millimetri visto il voltaggio) Considerando che non posso utilizzare contemporaneamente le due resistenze (mi salterebbe il contatore) il software quando il mash è in temperatura, spegne una resistenza e accende lo sparge, se la temperatura scende spegne lo sparge e riaccende il Mash. Sicuramente la "sicurezza" è stata la grande assente, ma tutto è filato liscio (NON FATELO i relay cosi vicini al liquido sono pericolosi). Ora sono in attesa di una terza resistenza e della pompa, per la prossima cotta ci sarà l'upgrade (con la messa in sicurezza di tutto) Prototipo.mp4
  2. 1 point
    Non trovo nulla di anomalo nel procedimento.. tantomeno nelle 2 bustine che sono d'obbligo!! Non ho mai fatto questo kit magari qualcuno che lo ha fatto potrebbe intervenire, potresti esporre il problema in azienda.. magari lo hanno riscontrato altri..., il fatto è che hai i classici sintomi da bottiglie che perdono o errato quantitativo di zucchero.. ma se dici che hai problemi solo con questo allora la cosa si faintricata, io alzerei il telefono e chiamerei per delucidazioni, il problema c'è anche se non si vede!!
  3. 1 point
    ho messo la fascia riscaldante, due bottiglie di acqua calda ed ora sto riscaldando la borsa con l'acqua calda,il tutto avvolto col pile,voglio vedere chi vince !
  4. 1 point
    per kit a basso litraggio (?) come quelli della Brewferm, andrebbe utilizzato un fermentatore da 15 ltr. su 12 litri di mosto avresti piu del doppio volume libero a rischio ossigenazione. Spesso conviene prendere 2 kit o invesire in un fermentatore da 15 ltr, che ormai tutti i siti hanno.
  5. 1 point
    Giulio.. ogni anno nel mondi si stima che muoiano 7,1 milioni di persone a causa del fumo di sigaretta...!!! e la gente continua a fumare!!!! fino a 20 anni fa l'eternit era considerato uneccellente isolante poi .......! la birra è la tua! se pensi che sia una cosa fattibile procedi come nel video.. hai chiesto un consiglio e te lo stiamo dando !! siamo home breewer e il nostro mantra è: "Fai come te pare"!!.
  6. 1 point
    Esatto.. in uscita del tubo cristal in fase di travaso
  7. 1 point
    Onestamente l'unico mangrove usato fu proprio l'M44 qualche anno fa in onore del mio ultimo kit e fu il primo disastro, essendo un lievito che era all'interno del kit probabile che sia stato stoccato male, cmq da quello che ho sentito da homebrewer del mio gruppo e dalle alternative non ho modo o motivo di andarli a cercare. Di certo hanno bisogno di qlc grado in piu' in fermentazione e guai ad abbassare altrimenti si piantano, che lo 05 ti abbia tirato fuori del fruttato a 19°C ci puo' stare, soprattutto se è la T. esterna, io lo faccio andare a 17 interna,..... PS: hai la camera di fermentazione ?
  8. 1 point
    e poi, filtrandola, si inibirebbe una caratteristica insita nella birra artigianale, e soprattutto nella birra casalinga che è quella di evolversi durante la maturazione.
  9. 1 point
    concordo sul lievito. oltre essere nutriente, se non si e allergici, (ma bere birra sarebbe impossibile) è indice di qualità. non è un caso che grandi industrie si siano orientate a prodotti quali "microfiltrata " , "birra cruda", ecc ecc. e che l'artigianale stia vivendo un suo momento d'oro. Ovviamente come Bacco dice attenzione a maneggiarla se non si vuole il primo bicchiere limpido e l'ultimo torbido
  10. 1 point
    Certo.., é indice di un prodotto vivo... puoi usare dei filtri x eliminarli ma quel lievito é differenza tra le nostre e una birra commerciale dove é rimasto ben poco di nutriente..! Vedi che un minimo di fondo non è tutto sto gran male.., fai attenzione a come maneggi le bottiglie e come versi!! Questi sono dati di fatto poi ognuno di noi é padrone della propria cantina
  11. 1 point
    caro amico baccomax la spesa una volta la devi fare io ne ho una da banco e una meraviglia pero un consiglio dopo tante bottiglie imbottigliate cambiare le boccole da 26/29 che si usurano non hanno la aderenza ci sta io da poco le ho cambiate
  12. 1 point
    Vediamo come si sviluppa la cosa.... Al massimo la posso mettere in stanze più calde della cantina...... Incrocio le dita
  13. 1 point
    Anche in questo caso si nizia così, e si finisce per coltivare erba
  14. 1 point
    sarà un coopr's o un Mangrove vedrai!!! ti serve un altro lievito per forza.. è troppo rischioso!! tipo un S04 che bello vorace reidrtato in 200ml di acqua a 25° mezzora prima, versa dentro, agita il fermentatore a coperchio chiuso e che Dio ci aiuti.. certo il travaso sarebbe stato l'ideale per togliere la fondazza... pazienza!! oppure a fermentatore chiuso e tappato bene il buco del coperchio (tolto il gorgogliatore) cerca di scuoterlo energicamente (senza ernia mi raccomando) e alza a 24-25° altrimenti non c'è alternativa!!
  15. 1 point
    esatto!! io neanche lo apro il coperchio... tolgo gorgogliatore e relativa guarnizione e aiutandomi conun imbuto fatto con carta forno o stagnola li faccio cadere dentro.. e rimonto!!
  16. 1 point
    Scusami Baccomax... faccio una domanda (forse stupida) Ma non è più semplice mettere un pezzo di filtro all'interno del fermentatore bloccandolo con la ghiera sulla bocca del rubinetto interna? (ovviamente pulendo per bene tutto prima di fare il travaso)
  17. 1 point
    Ho imbottigliato ieri, con FG 1014 Attenuazione del 73% (M44 dovrebbe arrivare al 77% come minimo) ma mi accontento così. Vero anche che ho fatto monostep a 68 gradi, quindi ho privilegiato le A-amilasi. Per sicurezza ho fatto priming a 3 grammi/litro così da non rischiare esplosioni... Spero! A presto (domenica 28 per una Abbazia) Ale
  18. 1 point
    Su hai ragione.. l'avevo rimossa dalla mente... tanto era la scomodita di usarla.. solo in orizzontale.. e aprendo il tastierino copre tutto e non si vede dietro... magari sono io che lo imposto male boh??
  19. 1 point
    anche brewonline ha l'app per android
  20. 1 point
    Si si... scusami Baccomax... mi sono dimenticato di scrivere che dopo aver controllato la prima volta la FG, il gorgogliatore ha smesso di gorgogliare nel giro di mezza giornata... nei 2 giorni di attesa si è praticamente fermato e quindi poi, dopo aver controllato nuovamente la FG (trovando la stessa misura) per ulteriore sicurezza, ho travasato, priming e imbottigliato il giorno dopo (in pratica, sono passati quasi 3 giorni) con gorgogliatore fermo e FG stabile.
  21. 1 point
    Ciao... se guardi sul sito, c'è la pagina con tutte le indicazioni: https://www.birramia.it/spedizioni
  22. 1 point
    Buonasera! piccolo aggiornamento, dopo aver fatto qualche test (simulato qualche scossone al fermentatore/ tino filtrante), ho modificato la modalità di aggancio del filtro bazooka, ho rimosso la precedente forma di aggancio con i fili in acciaio (troppo mobile) ed ho aggiunto una prolunga in acciaio alla fine dello stesso. In questo modo rimane praticamente incastrato e non si muove anche a forti sollecitazioni nelle tre dimensioni (vi lascio immaginare il test )
  23. 1 point
    wow quante domande si si, pentola da 4-5lt piu una per scaldare la busta di malto.., il classico fermentatore e densimentro! scalda la busta del malto luppolato.. ripeto SCALDA non bollirla!! prepara una pentola sanificata con dentro 2-3lt di acqua, scaldala e versaci dentro la busta di malto (già scaldato a bagnomaria), mescola bene, nel frattempo avrai già preparato il fermentatore bello pulito e sanitizzato.. ci metti dentro una decina di litri di acqua a T ambiente e ci sciogli dentro la busta del beermalt dry (che essendo in polvere si scioglie meglio a freddo appunto) e mescola bene, fatto ciò versi dentro al fermentatore il malto luppolato che hai in pentola..! ora versando il malto caldo poi ti devi regolare con la T del fermentatore.. per arrivare ai famisi 23litri aggiungerai o altra acqua calda o acqua fredda (io in genere metto sempre un paio di bottiglie in frigo per avere margine di regolazione), raggiunti i 23litri a circa 23-24° versa il lievito sulla superficie del mosto, mescola bene con la paletta sanitizzata per una trentina di secondi e tappa tutto! non sò non l'ho mai pagata... se superi i 100€ di spesa non la paghi, se ti registri puoi mandare una mail in azienda e puoi chiedere di tutto. il sito è fatto molto bene e nella sezione blog ci sono tantissime informazioni per neo birrai! E' ora di cominciare a studiare però èh!! leggi qui in basso a destra https://www.birramia.it/doc/
  24. 1 point
    passati 15gg io non lo farei il travaso!!! non hai piu produzione di co2 e quindi la birra resterà in contatto con l'ossigeno...! se possiedi un sifone puoi fare il travao/primig direttamente pescando dall'alto.. oppure tenedo inclinato il fermentatore all'indietro in modo da allontanare il grosso del fondo lontano dal rubinetto ( se fai da rubinetto magari il primo e l'ultimo mezzo litrozzo x non buttarli li metti via in bottiglie separate che di sicuro saranno torbidi e li carboni a parte). ps i termometri adesi non sono per nulla malvagi perlomeno i 4 che ho io segnano esttamente lastessa T, confrontati col sensore della mia stazione meteo.
  25. 0 points
    Oppure prendere una tanica da 15 litri, bucarla per il gorgogliatore e usare il sifone per l'imbottigliamento. Torna sempre utile.