Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation since 11/05/2019 in all areas

  1. 2 points
    Per questo siamo tranquilli, credo che i cavi da terrario non superino i 40/45/gradi... altrimenti sai quante birre ai polimeri e lucertole allo spiedo ...
  2. 1 point
    È per l'ambiente... Per inquinare di meno
  3. 1 point
  4. 1 point
    Hehhmm!! Fai almeno tre giorni a temperatura normale.. come giustamente consigliato da Morrison.. poi altri 3/4 di winter..
  5. 1 point
    Io faccio abassare la temperatura in due volte, 6° e poi 4° per evitare una eventuale inerzia termica, vedrai che nel primo step difatto la temperatura va oltre i 6° ma non dovrebbe scendere sotto i 4° e la winterizzazione va fatta almeno 6 giorni, ma un tempo un pò più lungo male non gli fa. Io ho fatto il dry hopping durante la winterizzazione ma è stato un esperimento, non l'ho letto da nessuna parte, ma ha funzionato, perchè avevo letto che lasciare il luppolo troppo a lungo oltre i 5 giorni non era consigliato, per cui ho messo il luppolo 5 giorni prima d'imbottigliare, a winterizzazione avviata.
  6. 1 point
    Io nn lo faccio mai il Whirlpool.. messa la serpentina a mollo é praticamente impossibile... Comunque il bazooka del' AIO é piuttosto fine e non passa nulla.. Ps non togliere mai nulla durante il travaso nel fermentatore.. come tocchi qualcosa torbidi parecchio.. quindi lascia dentro sia serpentina che hop spider
  7. 1 point
    Se riapri di nuovo senza motivo il fermentatore può essere che butti tutto davvero.. non so chi sia il tuo amico e che razza di pellicola tu possa aver messo.. ma l'hai sanificata?? Penso proprio di no.. e allora Simo.. dalle mie parti se dice fàmose a capí!! Se vói fá come te pare é inutile che chiedi consigli!!! T'avevo detto alza la temperatura e prepara lo starter... non é un problema di gorgogliatore, se la og non si abbassa i lieviti sono fermi o morti.. probabilmente a furia di : apri chiudi, ossigena ancora, poi riapri e metti la pellicola col salame e mortadella e poi richiudi!!!#!#! Hai fatto lo starter? Hai alzati la temperatura? Si è mossa la sg? Poi se metti un lievito ad "alta" vuol di ad alta... ergo se rileggi bene cosa scritto prima deve restare alla temperatura consigliata del kit che sarà presumibilmente 18/22°. É inutile che ogni volta ripeti.. butto tutto? É infetta? Che faccio? Hai istruzioni chiare.. se vuoi seguile.. altrimenti c'è il karma dell'home brewer che é: "Fai come te pare"
  8. 1 point
    Se acido era te ne saresti accorto... dai portiamo a termine la fermentazione e vediamo che esce fuori.. come sei messi con temperatura e starter??
  9. 1 point
    x il bananoso nelle weiss la devi tenere alta (22/24°) da subito.. sotto tira fuori il chiodo di garofano tieniti sui 19/20°, per questo stile il bananoso è inappropriato..., bene i sentori di coriandolo e buccia di arancia.., dopo il travaso (se lo fai) puoi alzare di un paio di gradi per terminare la fermentazione..
  10. 1 point
    No no ......solo birra!!!!! Scherzi a parte oggi poco...ieri na bella botta di nuovo.....ci cresce il muschio in testa ormai!!!se non si asciuga il terreno alla prossima pioggia si va sott'acqua...speremmu ben!...
  11. 1 point
    Mi piaci quando sei cosi .. fine.. si come ti dicevo a sto punto prendi quello del kit.. di solito i lieviti cooper digeriscono pure le pietre se non sono rovinati.. x la temperatura se usi quel lievito segui le indicazioni del kit.. ma fai lo starter.. altrimenti rischi un nuovo buco nell'acqua..
  12. 1 point
    Il lievito di quel kit è sicuramente ad alta....e deve stare indicativamente anche 18 20 gradi. ...segui le direttive di bacco che magari la salvi....e prima di fare una bassa,non per denigrarti capiscimi......ma documentati molto molto bene!è un attimo che vada tutto a bagasce.....
  13. 1 point
    lieviti morti.. è la prima volta che mi capita di sentirla....!! oppure stress termico!!! sarebbe da provare a smuovere i fondi e alzare la temperatura a 17/18° e vedere se riparte entro 12/24 ore... ma è passato tanto tempo e l'ossidazione avanza.... se non riparte l'unica soluzione è l'inoculo di nuovo lievito..!!! dovresti avere ancora la bustina originale del kit.. io e ripeto io farei cosi.. prendo bottiglia acqua nuova.. la svuoto.. la riempio per metà col mosto (sanitizza bene il rubinetto) versa il lievito del kit.. agita legermente per mescolare.. lascia il tappo lento.. ripeti l'operazione piu volte che puoi.. (mi raccomando allenta il tappo dopo ogni volta che hai agitato).. la bottiglia deve stare al buoi e intorno i 20° circa, dopo 24 ore avrai il massimo dell'attività dello starter.. apri il coperchio del fermentatore e versa tutto il contenuto.. chiudi e vedrai che in 12 ore partirà la tumultuosa... ovvio la temperatura va portata a 18/20° comunque. io farei entrambi i tenetativi.. per non allungare troppo i tempi.. alza subito la tempeartura e inizia a preparare lo starter..(se riparte col lievito suo male che vada hai solo sprecato una bustina di lievito ignoto... e mezzo litro di mosto) se non funziona un sistema ne hai uno di riserva... il tempo stringe!!!
  14. 1 point
    Le basse fermentazioni hanno tempi piu lunghi.. doppi o tripli rispetto ad un'alta..!! Detto ciò inoculare un lievito a bassa a 28° é altamente sconsigliato.. primo per via di stress dovuto ad un fuori range e secondo allo stress termico in seguito all'abbassamento repentino della temperatura..! Ora la domanda è .. ha mai gorgogliato?? Misura la sg e vedi se hai avuto attenuazione o calma piatta.. poi ci regoliamo di conseguenza.. Ps i lieviti a bassa tendono a lavorare sul fondo.. eventualmente vediamo se sarà necessaria una leggera mescolatina del fondo.. aggiornaci sulla situazione..
  15. 1 point
    Intanto vediamo che lievito è, per un attimo ho temuto avessi usato il Cooper... Non so cosa potrò dirti perché non ho mai fatto basse, ma sicuramente qualcuno del forum. Sarà utile sapere lievito usato(e quantità, i secchi a bassa hanno generalmente dosaggio doppio rispetto alle alte) e FG.
  16. 1 point
    Scusa ma che lievito hai usato? Non avrai mica usato quello del kit cooper vero?
  17. 1 point
    assolutamente no.. porteresti a galla tutte le porcherie che devono restare sul fondo..!! puoi misurare col termometro.. mettere la serpentina a filo del mosto, alzare e abbassare la serpentina (ma questo torbiderebbe il mosto).., e comunque quando versi in fermentatore e ti accorgi che è troppo alto puoi mettere il coperchio e attendere che si abbassi... ma non è consigliabile.. hai fatto bene a inoculare subito.. inoculo a 30° non sono eccessivi x un lievito ad alta.. la prossima però fai attenzione e inocula a 23/25°!!!
  18. 1 point
    minchia bacco, manco un chirurgo prima di operare arriva a tanto
  19. 1 point
    Bacco ho visto che Dani ha anticipato la mia risposta e la penso esattamente come lui, è tanto rumore per nulla. Anche con un motore da 600w se così fosse, parliamo di poco più di 2A. Del resto, sarà una decina d'anni che sui forum si parla di questo benedetto relè, ma ancora non mi è capitato di leggere una discussione di qualcuno a cui è saltato l'STC dopo averci collegato un frigo o un freezer. Ci sarà un motivo
  20. 1 point
    .....ma a noi bastano i tuoi preziosi consigli sulla birra
  21. 1 point
    Voglio dare anche io il mio contributo, io ho fatto due fermentatori contemporanemente con lo stesso kit, Gallia della Brewferm, stesso metodo e stesse temperature, stessa OG e stessa FG, anche se la mia cella di fermentazione è un frigorifero con lo sportello tutto vetro, di quelli per l'acqua o vino che si trovano nei locali, come sapete è molto alto e di fatto il fermentatore in altro è stato sempre un grado in più di quello basso. Detto questo, in uno ho fatto il travaso intermedio nell'altro no, risultato che una birra è vero che è leggermente più limpida dell'altra, ma essendo una birra rossa o ambrata, come volete, diciamo che la cosa non è sostanziale. Sicuramente con una birra bionda la cosa è sicuramente più visibile, ma in termini di sapore non ho notato nessuna differenza. Per cui, dato che io non faccio birre bionde, non credo che farò nuovamente il travaso intermedio. Lo faccio solo prima d'imbottigliare, per vedere quanti litri di mosto la birra mi ha dato per fare i calcoli per il priming. Ho smesso anche di inclinare il fermentatore, da quando nel muoverlo ho prelevato anche un pò di fondazza, per avere un bicchiere in più di birra non ne vale la pena. Finita la fermentazione una buona winterizzazione e travaso senza muovere il fermentatore, senza troppi sbattimenti. Quando ho fatto un kit che prevedeva un DH l'ho fatto nei 5/6 giorni di winterizzazione, ho levato il gorgogliatore ed ho infilato il pellet attraverso il buco, non ho termini di paragone ma il risultato mi è sembrato sufficiente.
  22. 1 point
    Salve, un cavo da 1,5 mm quadrati può essere usato per correnti sino a 10A. Ciò significa che sono in grado di sopportare carichi sino a 2200W (con tensione di 220v). In altre parole , e soprattutto per brevi distanze, con un cavo da 1,5 ci alimenti due scaldabagni !!!!! Dire “Visto che il termoregolatore "STC1000" ha resistenze per sopportare carichi fino a 10A “non significa nulla. Ad ogni modo se hai bisogno di ulteriori informazioni fai un fischio
  23. 1 point
    oddio che è un cavo FROR??? i cavi con sezione grande da 2.5mm sono difficili da gestire.. avendo una morsettiera spartana.. comunque a prescindere dalla sezione l'importante è che non superi i 10A.. e comunque se intendi collegare un frigorifero è consigliabile un relais... anche se il frigo ha un assorbimento trascurabile quello che potrebbe dare noie è lo spunto del motore..
  24. 1 point
    Esattamente come dice Davidrovora Devi fare poi un travaso con un sistema di filtraggio, una "calzetta" apposita che vendono su birra mia da legare all'uscita del tubo cristal. Nel travasare aggiungi già acqua e zucchero bolliti nella giusta dose per il priming, a travaso ultimato imbottiglia. Calcola che tra fondazza e DH almeno un litro lo perdi
  25. 1 point
    Esatto mi ero espresso male....a fg raggiunta e stabile,5 giorni di infusione e si imbottiglia...
  26. 1 point
    Il DH va innanzitutto iniziato ad fg raggiunta.. con o. senza travaso intermedio, poi si versano i luppoli.. in genere non si superano i 5gg di infusione.
  27. 1 point
    Si si oramai il peggio è passato resta cosi
  28. 1 point
    Bene dai. Io a questo punto sarei fermo a 24 fino alla fine
  29. 1 point
    Ciao krys.. si impostare subito 23° ha dato una bella carica al lievito.. in genere le prime 24/36 ore si va più cauti.. nel caso della weiss (ma non si sa che lievito sia) puoi partire a 20/22 e dopo un paio di giorni stabili a 23/24°.. la fase tumultuosa dura in genere 24/36 ore appunto.. poi i bollenti spiriti si abbassano.. Ps le temperature della weiss.. fermentare sotto i 20° aumenta la produzione di aroma di chiodi di garofano.. sopra i 22/23° varia verso il bananoso ( che preferisco).. tipico dello stile.. questo sempre se il lievito é specifico x questo stile..
  30. 1 point
    Ciao, non ho mai fatto Weiss... Per quel che so si so parte magari sui 22 per arrivare a fine fermentazione a 24. In ogni caso la tua temperatura va bene! Non toccare niente pulisci, sanitizza rimetti i gorgogliatore e lascia li almeno per una settimana
  31. 1 point
    Che bella tumultuosa esplosiva! Dacci info in più, è un kit? Quale? Lievito? OG? Temperatura? Nella foto intravedo una temperatura di 23 gradi abbondanti...a istinto mi pare tanto, ma senza conoscere quanto chiesto sopra potrebbe anche no. Intanto togli il gorgogliatore,puliscilo e sanitizzalo, prima però dai una bella pulita e sanitizzata a coperchio ed intorno al foro in cui è inserito il gorgogliatore. Poi una volta pulito lo rimetti
  32. 1 point
    Venerdì scorso abbiamo imbottigliato la nostra prima birra! Per utilizzare la tappatrice a 2 leve abbiamo fatto fatica, come avevate predetto! Ma alla fine abbiamo trovato una mezza soluzione per facilitare la cosa: abbiamo messo il tappo sulla bottiglia, sopra al tappo abbiamo messo un panno e la tappatrice l'abbiamo usata sopra al panno, quindi una persona tirava e stringeva il panno intorno e verso la base delle bottiglia tenendo il tappo fermo, mentre l'altro tappava ruotando intorno al tappo. Spero sia chiaro e che possa essere d'aiuto ad altri neofiti! Tra quanto tempo mi consigliate di fare il primo assaggio???
  33. 1 point
    Non lo tenere girato... se perde lascialo gocciolare.. in 12/24 ore si ostruirá da solo con gli zuccheri.. (perlomeno quasi sempre) in questi casi non serve il sanitizzante ma un anti fermentativo come il metabisolfito.. spruzzatina e lascialo sgocciolare.. Per la pulizia generale quoto Cristian..
  34. 1 point
    chissà se lo saranno anche moglie/mamma/suocera/nonna/sorella.. quando scopriranno la calza bucata...
  35. 1 point
    Puoi anche fregare un collant a tua moglie/mamma/suocera/nonna/sorella, ne tagli un pezzo e dopo averlo fattobollire lo leghi in fondo al tubo, chiaramente lasciando una parte finale che faccia da serbatoio.
  36. 1 point
    si giustissimo il tuo intervento come quello di Cristian.. solo che nella fase post inoculo i tempi sono ristretti.. il mosto dovrebbe essere a temperatura di esercizio dei lieviti al momento dell'inizio della fermentazione tumultuosa (in genere 12/18 ore).. e in quel caso dove il raffreddamento deve essere piu deciso e preciso è bene che la sonda sia attaccata o inserita sul/nel fermentatore e non in aria.. al contrario in aria la sonda va meglio nella fase di mantenimanto in modo da diminuire l'inerzia termica.. ci sono i pro e i contre nei due sistemi.. ma se devo scegliere preferico la sonda attaccata al fermentatore o interna..!!
  37. 1 point
    Caro redtuna Cristi4n è stato ultra esaustivo ed ultra preciso, ma nel finale del suo intervento ti ha dato, secondo me, il suggerimento più importante. Non ti devi preoccupare di quanto tempo ci mette il mosto a salire, ipotizzo da 18° a 20°, l'importante è che salga, e salirà, e che ci resti. Fino a che, tramite l'inkbird, non ci sia un imput diverso. Nella mia esperienza ti posso dire che è vero che per modificare sostanzialmente la temperatura ci vuole del tempo, mi riferisco per esempio alla Winterizzazione dove devo passare, sempre ipotizzando, da 24° a 4°, ma una volta arrivati alla tempratura desiderata ti assicuro che la gestione del mantenimento è meno laboriosa. Io uso impostare il mio strumento, non uso l'inkbird ma è un termostato con lo stesso principio, in +/- 0,2°, della serie attacca a 18,0° stacca a 17,8° (viceversa d'inverno attacca a 18,00 e stacca a 18,2). Consiglio finale, anche in questa situazione, come in tutte quelle della birrificazione, vige la regola di non avere fretta. Non mi devo preoccupare di quanto tempo la mia cella porta a temperatura il mio mosto, ma che lo porti alla temperatura e la mantenga per quanto tempo mi serve. In inverno anche la temperatura esterna mi aiuta se voglio portare il mosto che ho inoculato a 24° ad una tempratura di 18°. Ma d'estate che inoculo a 24° con una temperatura esterna di 31° (e da me vi assicuro succede, anche più di 31°) per abbassare la temperatura a 18° magari ci metto alcune ore, ma quel che conta è arrivare a quella temperatura e mantenerla. Devi solo darti tempo.
  38. 1 point
    Allora, non ti faccio la lezione di fisica però, vediamo se riesco a spiegarmi senza passare da fenomeno e farmi capire. Il volume d'aria di un frigo con dentro il fermentatore pieno è decisamente poco, il frigo a sportello chiuso crea quello che viene definito "sistema chiuso" questo facilita una serie di cose. Innanzitutto l'energia termica è monodirezionale e andrà sempre dal caldo al freddo. Il discorso è solo un discorso di energia e di tempo e mi spiego, ogni grado di differenza tra la temperatura dell'ambiente e del mosto è una quantità di energia che andrà trasferita al mosto fino al momento in cui esse saranno equivalenti. Avrai capito che maggiore è il delta termico (differenza tra le temperature) maggiore sarál'energia da trasferire oppure a parità di energia, servirà un tempi maggiore per raggiungere l'equilibrio. In conclusione non è un problema di temperatura ma di delta termico. Se devi spostare la temperature di 2/3 gradi la volta, che generalmente è quello che facciamo noi, dove scaldi o metti la sonda fa veramente poca differenza. Anche perché più sarà precisa la tua sonda e veloce il processo più sarà rilevante il delta termico tra mosto e ambiente, nel tuo caso ambiente più caldo del mosto e la differenza, una volta spento il cavo, continuerà a trasferirsi al mosto superando il risultato di temperatura che vuoi ottenere. La mia opinione è quella di lavorare sulla temperatura ambiente ed avere un processo leggermente più lento ma più stabile e preciso, eventualmente impostando delle tolleranze Non so se sono riuscito a spiegarmi...
  39. 1 point
    Da noi.. " é megli de n'carcio alle 00" (meglio questo che un calcio nelle 00)... Ma ti rendi conto che stiamo farfugliano a vamvera... due deficenti siamo.. Aski ci chiede info sui malti..... e noi parliamo di gnocca.. Monica...
  40. 1 point
    Secondo me non ti devi preoccupare più di tanto. La coimbentazione in polistirolo che hai realizzato per proteggere la sonda stà facendo il suo, dà o meno il consenso all'inkbird in funzione della temperatura del liquido, senza influenze esterne. Per cui la temperatura esterna non ti deve preoccupare. Stai tranquillo che non appena il mosto salirà alla temperatura desiderata, lo strumento staccherà la corrente al cavo riscaldante e il liquido farà da refrigerante alla temperatura esterna in un battibaleno, ed i quaranta gradi si livelleranno velocemente con la temperatura del fermentatore, fino all'impulso successivo. Se vuoi realizzare una cosa veramente attendibile metti un vero un portasonda nel fermentatore allora sarai ancora più sicuro che la lettura è nel cuore del mosto.